agosto 11, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

I fan di Novak Djokovic stanno lottando per farlo uscire dall’hotel. Dentro, i rifugiati si chiedono se se ne andranno mai

Soldi GRATIS [sic], «Leggi uno striscione scritto a mano di un manifestante appeso a una racchetta da tennis». Lascia giocare Novak».

Giovedì, Morrison ha detto ai giornalisti che Tennis Australia era stato informato in una lettera del novembre 2021 che i giocatori non vaccinati con una recente infezione da Covid-19 non sarebbero stati ammessi nel paese in base alle linee guida sulla salute pubblica.

La squadra legale di Djokovic ha vinto un’ingiunzione urgente contro la decisione, ma non è chiaro se il campione del singolare maschile dell’Australian Open sarà in grado di competere nel torneo a partire dal 17 gennaio.

Gli avvocati di Djokovic hanno contestato la sua revoca del visto e non erano disposti a commentare prima dell’udienza in tribunale di lunedì.

Il suo caso è andato ben oltre Rilascio del visto individuale. Ha attirato la rabbia delle persone che ritengono che i ricchi e i potenti stiano guadagnando terreno quando si tratta delle rigide regole australiane del Covid-19, che hanno separato le famiglie per anni, ma è anche contro gli oppositori della vaccinazione che credono che le restrizioni del coronavirus invadano loro libertà civili. Ciò ha sollevato preoccupazioni nella comunità serbo-australiana, con alcuni che affermano che Djokovic è stato preso di mira ingiustamente.

Ma la situazione di Djokovic ha anche messo in luce la difficile situazione dei richiedenti asilo in Australia. Mentre la star del tennis alla fine sarà autorizzata a partecipare al torneo o costretta a lasciare il paese, altri detenuti sono stati rinchiusi nella stessa struttura per anni e rischiano la detenzione a tempo indeterminato secondo le rigide regole sull’immigrazione dell’Australia.

La rabbia si diffuse

Mentre decine di manifestanti di diversi gruppi dello spettro politico si sono radunati fuori dal Park Hotel venerdì, una cosa è rimasta loro: la spinta per la libertà.

Alcuni di loro provenivano da gruppi culturali serbi, che cantavano e sventolavano la bandiera del paese balcanico, che consideravano l’arresto di Djokovic una grave ingiustizia nei confronti di una delle più grandi star dello sport mondiale.

«Non capisco perché dovrebbe essere rinchiuso in un centro di detenzione», ha detto la 17enne tennista australiana-serba e debuttante, che non ha dato il suo cognome. “Ognuno ha la libertà di scegliere, se vaccinarsi o meno”.

Djokovic, che è legato a Roger Federer e Rafael Nadal in 20 titoli singoli del Grande Slam maschile, non ha rivelato pubblicamente lo stato di vaccinazione ma ha espresso la sua opposizione ai vaccini Covid-19 e ai mandati sui vaccini nell’aprile 2020.

Vista generale del centro di detenzione governativo, Park Hotel.

Altri hanno usato il calvario di Djokovic come un’opportunità per criticare come i mandati sui vaccini abbiano ridotto le libertà civili.

READ  Un villaggio indiano prega la “Dea di Corona” di liberarla dal virus

Una donna – che ha dato il suo nome solo come Matti per motivi di privacy – ha detto che se Djokovic fosse tornato a casa, non avrebbe assistito agli Australian Open.

«Ci vado ogni anno, quest’anno non posso a causa dei mandati dei vaccini», ha detto Mattie, che ha aggiunto di non essere immune.

Un altro uomo mascherato, che ha rifiutato di parlare con la CNN, portava un cartello che dichiarava Djokovic un «ostaggio dello stato comunista».

Ma altri hanno concentrato la loro attenzione sui circa 30 rifugiati che sono trattenuti nell’hotel.

Le autorità detengono un altro tennista di prima classe per problemi di visto prima dell'Australian Open

L’hotel è stato precedentemente utilizzato dal governo australiano come struttura di quarantena per il Covid-19 ed è stato un luogo di detenzione alternativo (APOD) per rifugiati e richiedenti asilo per almeno un anno.

Quasi un decennio fa, l’Australia ha affermato che nessun richiedente asilo arrivato in barca sarebbe mai stato reinsediato nel paese. Centinaia sono da anni ricoverati in centri di cura ambulatoriale, anche se alcuni sono stati mandati in hotel in Australia per essere curati per problemi di salute.

I rifugiati hanno ancora poche speranze di libertà e le condizioni in cui si trovano sono molto controverse. In piedi di fronte al Park Hotel, che è scarabocchiato con la frase «liberali», Tom Hardman, un insegnante di 27 anni, ha detto di essere uscito per sostenere i rifugiati.

«Sono qui perché la solitudine e il dolore che questi uomini stanno vivendo per non sapere quando saranno rilasciati è insopportabile», ha detto.

La polizia fa la guardia al centro di detenzione governativo.

Oscar Sterner, 25 anni, ha affermato di opporsi sia all’anti-vaccinazione che al modo in cui vengono trattenuti i rifugiati e ha affermato che il vero problema è mettere un visitatore non vaccinato in un hotel con rifugiati che necessitano di cure mediche.

«Djokovic è un truffatore milionario che ha giustamente fatto arrabbiare molte persone in Australia», ha detto. «Non può nemmeno prendersi la briga di ottenere un vaccino per proteggere le persone intorno a lui».

Che aspetto ha dentro

I sostenitori di Djokovic hanno criticato il suo trattamento, con il La madre della stella del tennis Dice che suo figlio è «trattato come un prigioniero».

«È molto sporco e il cibo è pessimo», ha detto Dijana Djokovic ai giornalisti giovedì in una conferenza stampa a Belgrado, la capitale serba. «Non è giusto. Non è umano.»

READ  Una misteriosa donna con amnesia viene trovata a Krk, in Croazia, confessata dalla coppia a Los Angeles

Anche la star del tennis statunitense John Isner ha twittato a sostegno di Djokovic, dicendo che tenerlo in hotel «non era giusto».

«Non c’è giustificazione per il trattamento che sta ricevendo. Ha seguito le regole, gli è stato permesso di entrare in Australia e ora è trattenuto contro la sua volontà. È un vero peccato».

Il ministro degli interni australiano Karen Andrews ha dichiarato venerdì che Djokovic «non era in custodia» e potrebbe lasciare il Paese quando lo desidera.

«È libero di andarsene in qualsiasi momento lo desideri e Border Force lo faciliterà davvero», ha detto Andrews a ABC Public. «È responsabilità del viaggiatore assicurarsi di avere tutti i documenti necessari per entrare in Australia».

Le leggi australiane sull’immigrazione consentono il divieto di rientro nel paese fino a tre anni dopo la revoca del visto in determinate circostanze, ma non è chiaro se Djokovic debba affrontare una tale sanzione.

L’ATP ha dichiarato venerdì che Djokovic ha verificato la sua sicurezza.

«Con il massimo rispetto di tutte le opinioni personali sulle vaccinazioni, gli atleti vaccinati e non vaccinati (con un’eccezione medica approvata) dovrebbero avere la libertà di competere», ha affermato l’associazione, co-fondata da Djokovic. «Continueremo a sostenere e difendere i nostri membri e tutti i giocatori in un modo che sia per loro accettabile».

L'Australia ha promesso di non permettere a questi uomini di stabilirsi sul suo suolo.  Alcuni hanno appena ottenuto il visto

Secondo l’avvocato per i diritti umani Alison Pattison, che ha quattro clienti all’interno del Park Hotel, i visitatori che non hanno il visto corretto per l’Australia vengono solitamente ammanettati e portati in un centro di detenzione per immigrati in un furgone senza contrassegni con i finestrini oscurati.

«È un processo molto doloroso e disumano», ha detto.

Un video del Park Hotel condiviso con la CNN mostra i detenuti detenuti in stanze piccole contenenti un letto matrimoniale, una TV e alcune sedie. I richiedenti asilo possono accedere a una scala che li conduce su un tetto dove possono fumare. Non è chiaro se Djokovic rimarrà nelle stesse condizioni.

«Questa è una finestra, non possiamo aprirla in nessun momento», ha detto uno dei detenuti, Adnan Chobani, in un video girato per la CNN.

READ  Actualizaciones en vivo: la guerra de Rusia en Ucrania

Sebbene l’hotel appaia pulito e ben tenuto nel filmato girato da Choopani, in passato sono stati segnalati problemi. Secondo Pattison, l’anno scorso si è verificato un focolaio di Covid presso la struttura e i detenuti hanno riferito di aver trovato larve nel loro cibo.

Gli altri detenuti

Per i circa 30 rifugiati trattenuti nell’hotel, è difficile assorbire i riflettori dei media su Djokovic. Molti di loro sono stati trattenuti per anni e hanno poche speranze di uscirne.

Mehdi, che ha chiesto di usare un solo nome per proteggere la sua famiglia, è fuggito dall’Iran quando aveva 15 anni ed è stato trattenuto in Australia per più di otto anni con accesso limitato all’istruzione o all’assistenza sanitaria.

«Mi sono preso il mio tempo», ha detto Mehdi, che ha compiuto 24 anni venerdì. «Stiamo soffrendo, stanchi e stanchi… Sei trattenuto a tempo indeterminato, il che significa che possono tenerti per tutto il tempo che possono, per tutto il tempo che vogliono.»

I cugini Adnan Chobani e Mahdi avevano 15 anni quando sono fuggiti dall'Iran.  Ora hanno 24 anni e sono ancora in detenzione per immigrati.

Chobani ha detto che lui e altri detenuti erano seduti nelle loro stanze, molti dei quali stavano assumendo farmaci per la depressione. Chobani è cugino di Mehdi e anche lui ha lasciato l’Iran all’età di 15 anni. Sogna di fare una passeggiata per strada o di uscire a prendere un caffè.

«È incredibile», ha detto. «Penso che questo sia solo un incubo… Viviamo nel 21° secolo, in un paese che crede nella democrazia e pratica ancora questo tipo di comportamento con gli innocenti».

Anche se non è chiaro se Djokovic potrà giocare al Melbourne Park questo mese, la star del tennis alla fine potrà uscire dall’hotel.

Craig Foster, un ex calciatore della nazionale australiana che sostiene i richiedenti asilo, dice di sperare che almeno un po’ di bene venga dalla situazione.

«In un certo senso, è positivo per il mondo vedere come l’Australia tratta i nostri arrivi, siano essi richiedenti asilo o rifugiati, o in realtà un atleta come Novak che ha semplicemente sbagliato, a quanto pare, sui documenti sul suo visto», Egli ha detto.

«Se non altro, speriamo che tutta questa imbarazzante saga arrivi a mettere gli australiani in una posizione in cui possono capire meglio la difficile situazione di queste persone».