septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il colpo di stato in Guinea scuote i mercati del minerale di ferro e della bauxite e alimenta l’incertezza economica

CONAKRY, Guinea – Il tenente colonnello Mamady Domboya, comandante delle forze speciali dell’esercito e capo del colpo di stato, saluta la folla mentre arriva al Palazzo del Popolo a Conakry il 6 settembre 2021, prima di un incontro con gli ex ministri. Il presidente della Guinea Alpha Conde.

CELLOU BINANI / AFP via Getty Images

Consiglio militare di domenica Ha affermato di aver preso il controllo nella nazione dell’Africa occidentale della Guinea e deteneva il presidente Alpha Condé, aumentando l’incertezza sulle principali forniture di minerale di ferro e bauxite.

Il colpo di stato, effettuato da un’unità d’élite delle forze speciali guidata dal colonnello Mamadi Domboya, 41 anni, è l’ultimo di una serie di prese di potere nella regione nell’ultimo anno, anche nelle regioni limitrofe. Finanziario e Chad.

Domboya ha affermato che l’esercito doveva operare in mezzo a corruzione dilagante, violazioni dei diritti umani e cattiva gestione economica sotto Condé, ma la mossa è stata denunciata dalle Nazioni Unite, dall’Unione africana e dalla Comunità regionale degli Stati dell’Africa occidentale.

L’unità d’élite lunedì ha permesso di riprendere i viaggi attraverso i posti di blocco nella capitale di Conakry lunedì, vietando ai funzionari governativi di viaggiare all’estero e revocando il coprifuoco nelle aree minerarie.

Inoltre, secondo gli esperti, ha messo a rischio la metallurgia e gli sforzi minerari, che sono importanti per l’economia del paese e le catene di approvvigionamento globali.

minerale di ferro

Secondo l’Istituto nazionale di statistica della Guinea, i 110 chilometri di Simandou Range in Guinea ospita uno dei più grandi giacimenti di minerale di ferro non sfruttati al mondo, contenente oltre 8,6 miliardi di tonnellate di minerale con un contenuto medio di ferro del 65%.

READ  Le Nazioni Unite esortano il Giappone a indagare sui danni ai reattori nucleari di Fukushima

Simandou si trova nel remoto interno sud-orientale del paese, a grande distanza dalla capitale Conakry e una costa occidentale imperdibile per raggiungere il mercato marittimo mondiale del minerale di ferro.

“I requisiti dell’infrastruttura del progetto sono quindi enormi in termini di scala, complessità e costi e sono di gran lunga più grandi dell’industria di esportazione della bauxite che è stata stabilita nel paese negli ultimi anni”, ha affermato Andrew Gadd, capo analista dell’acciaio presso CRU Group .

“I rischi geopolitici sono stati uno dei tanti ostacoli che finora hanno ostacolato i progressi di Simandou, e il colpo di stato militare che si sta svolgendo nel paese rappresenta un significativo deterioramento delle prospettive per il successo dello sviluppo del trust”.

Il progetto Simandou è rimasto in qualche modo stagnante dalla sua scoperta negli anni ’90 a causa dell’incertezza politica, delle controversie sui diritti minerari e delle preoccupazioni sui costi.

Il progetto richiederà massicce infrastrutture ferroviarie e portuali in un paese che classifica 160 paesi su 186 in PIL pro capite, secondo il Fondo monetario internazionale. Gli investitori sono stati riluttanti a fare un salto di fiducia a causa dei rischi persistenti che i prezzi dei materiali potessero scendere.

Nonostante i recenti progressi nei lavori preparatori, il progetto non è ancora stato oggetto di uno studio di fattibilità.

“Fornire risorse finanziarie a Semandu si è rivelato molto difficile e l’incertezza derivante dagli attuali sviluppi metterà a dura prova l’impegno delle parti coinvolte”, ha affermato Gad.

bauxite

La Guinea possiede le maggiori riserve mondiali di bauxite, la principale fonte mondiale di alluminio. Lunedì i prezzi dell’alluminio sono saliti ai massimi da 10 anni al London Metal Exchange per i timori di un’interruzione delle forniture globali.

READ  Elezioni in Perù: i sostenitori dei candidati rivali sciamano nelle strade in mezzo a discussioni sul risultato | Perù

“Per il settore minerario in forte espansione del paese, la situazione non potrebbe arrivare in un momento peggiore”, ha detto Eric. “I minatori ora hanno poche altre opzioni se non quella di rimanere fermi e aspettare maggiore chiarezza dalle autorità di transizione, ma di rinegoziare i contratti o addirittura proprietà espropriata.” Non può essere escluso”, ha affermato Eric Humphery-Smith, analista africano presso la società di intelligence sui rischi Verisk Maplecroft.

Kamsar, Guinea – Vista dell’impianto di bauxite della più grande società mineraria della Guinea, Compagnie des Bauxites de Guinee (CBG), a Kamsar, una città a nord della capitale Conakry, catturata il 23 ottobre 2008. La Guinea è il più grande esportatore mondiale di bauxite , un minerale Produce alluminio.

GEORGES GOBET / AFP tramite Getty Images

“Il risultato sarà una significativa interruzione della fornitura per il mercato globale della bauxite, poiché è probabile che le operazioni rimarranno chiuse per i prossimi giorni e forse settimane”.

Il Cremlino ha detto martedì che spera che il colpo di stato non danneggi gli interessi commerciali russi in Guinea, secondo Reuters.

Il gigante russo dell’alluminio Rusal si è impegnato a mantenere le sue tre miniere di bauxite e una raffineria di allumina nel paese nonostante le turbolenze politiche.

Due passi indietro

Il colpo di stato ha abbassato il sipario su quasi un decennio di stabilità politica in Guinea. Humphrey-Smith ha detto che probabilmente incoraggerà gli ufficiali in tutta la regione, il che significa che “né i democratici né i despoti dormiranno facilmente”.

Il presidente Condé è stato accusato alla fine del 2020 di aver spinto per un emendamento costituzionale per garantire un terzo mandato, una mossa che ha portato a violente proteste in tutto il paese.

READ  Questo rifugiato siriano vuole giustizia dopo che suo fratello è stato torturato e ucciso da mercenari russi.

Selo Daleen Diallo, il leader del principale movimento di opposizione FNDC che inizialmente si era proposto di opporsi all’offerta di Conde per un terzo mandato, ha sostenuto il colpo di stato in una dichiarazione lunedì, sostenendo che l’acquisizione “complementa” il lavoro dei gruppi pro-democrazia che si oppongono La conservazione del potere di Conde.

CONAKRY, Guinea – Un funzionario governativo scortato da membri delle forze speciali guineane entra nel Palazzo del Popolo a Conakry, in Guinea, il 6 settembre 2021.

Xinhua via Getty Images

“Mentre il sentimento tra molti guineani è di giubilo, non commettere errori che questo rappresenta due passi indietro sia per la democrazia che per l’economia del paese. Ripristinare quello che era fino ad ora un ambiente operativo stabile e prevedibile è solo una conclusione scontata”, ha detto Humphrey-Smith.

Ha osservato che l’autorità centrale di transizione non sarà in grado di rispondere alle lamentele locali, il che potrebbe portare a un’escalation di disordini politici e sociali quando le elezioni saranno finalmente fissate.