octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La fiducia dei consumatori statunitensi raggiunge il minimo di sette mesi mentre le prospettive economiche a breve termine calano

Container a Bayonne Port, New Jersey, USA, 21 agosto 2021. REUTERS/Andrew Kelly

  • L’indice di fiducia dei consumatori è sceso di 5,9 punti a 109,3 a settembre
  • Il deficit commerciale delle merci è aumentato dello 0,9% a 87,6 miliardi di dollari ad agosto
  • Le scorte all’ingrosso sono aumentate dell’1,2%. Le azioni al dettaglio guadagnano lo 0,1%
  • I prezzi delle case hanno registrato guadagni record nel luglio dello scorso anno

WASHINGTON (Reuters) – La fiducia dei consumatori statunitensi è scesa al minimo di sette mesi a settembre, poiché un continuo aumento dei nuovi casi di coronavirus (Covid-19) ha aggravato le preoccupazioni sulle prospettive a breve termine dell’economia, in linea con le aspettative di rallentamento della crescita. Stati Uniti. Terzo trimestre.

Il sondaggio del Conference Board di martedì ha mostrato che i consumatori sono meno interessati all’acquisto di una casa e di articoli costosi come automobili e grandi elettrodomestici nei prossimi sei mesi. Anche i consumatori non erano così ottimisti nelle loro opinioni sul mercato del lavoro come nel mese precedente.

L’attività economica ha rallentato negli ultimi mesi poiché il sostegno dei fondi di soccorso per la pandemia evapora e le infezioni scoppiano, guidate dal tipo delta altamente contagioso del coronavirus. Anche la carenza di manodopera e materie prime ha rallentato la crescita.

“Ma dato che questa ondata sembra essere al suo apice, c’è speranza che la fiducia abbia toccato il fondo”, ha affermato Robert Frick, economista aziendale presso la Navy Federal Credit Union a Vienna, in Virginia. “Supponendo che le previsioni di un calo delta siano corrette, questa battuta d’arresto potrebbe essere un minimo di tre mesi durante il rally di ripresa”.

Il Conference Board ha dichiarato che il suo indice di fiducia dei consumatori è sceso a una lettura di 109,3 questo mese dai 115,2 di agosto. Il terzo calo mensile consecutivo ha spinto l’indice al livello più basso da febbraio.

READ  Tesla Model S Plaid batte tutti i record nel primo test indipendente, ma 0-60 mph ha un avvertimento

Il provvedimento, che si concentra maggiormente sul mercato del lavoro, è sceso di 19,6 punti da un picco di 128,9 di giugno. Ciò era in contrasto con un sondaggio dell’Università del Michigan sui consumatori, che ha mostrato un sentimento stabile all’inizio di questo mese.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che l’indice di fiducia dei consumatori salisse a 114,5.

“Questi cali consecutivi indicano che i consumatori stanno diventando più cauti e probabilmente ridurranno la spesa in futuro”, ha affermato Lynn Franco, direttore senior degli indicatori economici presso il Conference Board di Washington.

Getta anche un’ombra tra i politici di Washington sull’espansione della capacità di prestito del governo federale. Martedì il segretario al Tesoro Janet Yellen ha detto ai legislatori che il governo potrebbe rimanere senza contanti entro il 18 ottobre, a meno che il Congresso degli Stati Uniti non aumenti il ​​limite del debito.

Yellen ha avvertito che un default del debito sarebbe un evento “catastrofico” che porterebbe a una “crisi finanziaria e un disastro”. Per saperne di più

Il cosiddetto differenziale del mercato del lavoro stabilito dal Conference Board, tratto dai dati delle opinioni degli intervistati sulla disponibilità di posti di lavoro abbondanti o difficili da trovare, è sceso a una lettura di 42,5 questo mese da 44,4 di agosto, il livello più alto dal luglio 2000.

Questa metrica è strettamente correlata al tasso di disoccupazione riportato nel rapporto sull’occupazione attentamente monitorato dal Dipartimento del Lavoro. Il rapporto sull’occupazione di settembre è previsto per l’8 ottobre, ma potrebbe essere ritardato se il Congresso non raggiungerà un accordo entro venerdì per mantenere il governo finanziato. Per saperne di più

Le azioni di Wall Street sono state scambiate in ribasso. Il dollaro è salito contro un paniere di valute. I prezzi dei titoli del Tesoro USA sono scesi.

La fiducia dei consumatori

I prezzi delle case stanno aumentando

READ  Dow Jones Futures: rally del mercato azionario al punto di svolta poiché il rimbalzo fallisce, cosa fare ora?

Le aspettative di inflazione al consumo nei prossimi 12 mesi sono scese al 6,5% dal 6,7% del mese scorso.

Le intenzioni di acquistare auto sono scese al livello più basso in nove mesi. Un minor numero di consumatori ha pianificato di acquistare elettrodomestici come lavatrici e asciugatrici nei prossimi sei mesi, supportando le aspettative di un forte rallentamento della spesa dei consumatori in questo trimestre, che alla fine limiterà la crescita economica. Le stime sulla crescita del PIL del terzo trimestre sono per lo più inferiori al tasso annuo del 5%. L’economia è cresciuta ad un tasso medio del 6,6% nel secondo trimestre.

Martedì, le aspettative di un rallentamento della crescita del PIL sono state rafforzate da un rapporto separato del Dipartimento del Commercio che mostra che il deficit commerciale delle merci è aumentato dello 0,9% a 87,6 miliardi di dollari ad agosto, poiché le aziende hanno importato più prodotti per ricostituire le scorte. Sottrarre il commercio dalla crescita del PIL per quattro trimestri consecutivi.

bilancia commerciale

Le importazioni di beni sono aumentate dello 0,8% a 236,6 miliardi di dollari, sostenute da beni di consumo e forniture industriali. Ma le importazioni di cibo, beni strumentali e automobili sono diminuite. È probabile che le importazioni di auto risentiranno della carenza globale di semiconduttori, che influirà sulla produzione.

L’aumento delle importazioni ha compensato un aumento dello 0,7% delle esportazioni di merci a 149,0 miliardi di dollari, grazie alle forniture industriali e ai beni di consumo. Ma il Paese ha registrato un calo delle esportazioni di beni strumentali, automobili e prodotti alimentari. Le esportazioni sono in aumento mentre le economie globali continuano a riprendersi dalla pandemia.

Si è conclusa con un certo aumento delle importazioni nei magazzini di grossisti e dettaglianti. Le scorte all’ingrosso sono aumentate dell’1,2% il mese scorso. Le azioni dei rivenditori hanno guadagnato lo 0,1%. Le azioni al dettaglio sono diminuite a causa di un calo dell’1,5% delle azioni automobilistiche.

READ  Tesla Model 3 colpisce un'auto della polizia parcheggiata a Orlando, l'autista ha detto che era "con il pilota automatico"
inventario all’ingrosso

Le scorte al dettaglio escluse le auto, che entrano nel calcolo del prodotto interno lordo, sono aumentate dello 0,6% dopo l’aumento dello 0,5% del mese precedente. Nella prima metà dell’anno sono stati utilizzati titoli di società. L’aumento del mese scorso dovrebbe mitigare il danno alla crescita del PIL da un ampliamento del deficit commerciale delle merci.

“Il vero cambiamento nelle scorte potrebbe essere in qualche modo positivo nel terzo trimestre, con scorte di auto al dettaglio inferiori compensate da guadagni di scorte in altre parti dell’economia”, ha affermato Daniel Silver, economista di JPMorgan a New York.

Le notizie dal mercato immobiliare sono state scoraggianti, con un sondaggio del Conference Board che mostra che i consumatori hanno meno probabilità di acquistare una casa per il terzo mese consecutivo a causa dell’aumento dei prezzi delle case a causa della mancanza di offerta.

Un terzo rapporto pubblicato martedì ha mostrato che l’indice nazionale dei prezzi delle case S&P CoreLogic Case-Shiller è aumentato del 19,7% a luglio rispetto a un anno fa, dopo essere aumentato del 18,7% a giugno.

L’inflazione sostenuta dei prezzi delle case è stata confermata da un quarto rapporto della Federal Housing Finance Agency che mostra che i prezzi delle case sono aumentati del 19,2% nei 12 mesi fino a luglio dopo essere aumentati del 18,9% a giugno.

“Ci aspettiamo una certa moderazione dell’inflazione dei prezzi delle case nella seconda metà di quest’anno, ma stiamo ancora cercando il prezzo annuale”, ha aggiunto.

La crescita sarà a due cifre, ha affermato Nancy Vanden Houten, capo economista statunitense presso l’Oxford Economics di New York.

(Segnalazione di Lucia Mutikani) Montaggio di Andrea Ricci e Chizu Nomiyama

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.