septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La diplomazia cinese sui vaccini vacilla nel sud-est asiatico

La Cina, desiderosa di costruire buona volontà, è intervenuta, promettendo di fornire più di 255 milioni di dosi, Secondo Bridge Consulting, una società di ricerca con sede a Pechino.

Sei mesi dopo, quella campagna ha perso parte del suo splendore. I funzionari in molti paesi hanno ha sollevato dubbi sull’efficacia dei vaccini cinesi, soprattutto contro la variante delta più trasferibile. L’Indonesia, che era presto per accettare colpi cinesi, Recentemente è stato l’epicentro del virus. Altri si sono lamentati delle condizioni che hanno accompagnato le donazioni o le vendite cinesi.

È stata la battuta d’arresto per la campagna di vaccinazione in Cina Creare un’apertura diplomatica per gli Stati Uniti Quando i rapporti tra i due Paesi sono sempre più tesi, anche a causa del Corona virus. La Cina ha criticato la gestione della crisi da parte degli Stati Uniti in patria e ha affermato nessuna prova, che l’epidemia ha avuto origine in un laboratorio militare a Fort Detrick, nel Maryland, non a Wuhan, dove i primi casi sono comparsi alla fine del 2019.

Man mano che sempre più paesi si allontanano dal vaccino cinese, gli aiuti ai vaccini dagli Stati Uniti offrono l’opportunità di ripristinare le relazioni in una regione che i funzionari americani hanno per lo più ignorato per anni, mentre la Cina ha ampliato la sua influenza. L’amministrazione Biden ha inviato una folla di alti funzionari, tra cui il vicepresidente Kamala Harris, che dovrebbe arrivare domenica in visita a Singapore e in Vietnam. Infine, ha anche assunto le proprie promesse di vaccinazione per il sud-est asiatico, affermando che il contributo degli Stati Uniti di circa 23 milioni di round a partire da questa settimana arriva “senza alcun vincolo”, un riferimento implicito alla Cina.

Molti paesi della regione erano ansiosi di ricevere le dosi occidentali più efficaci. Sebbene superi ancora di gran lunga il fucile cinese, offre un’alternativa interessante. “Il vantaggio iniziale della Cina ha già perso il suo fascino”, ha affermato Huang Thi Ha, ricercatore presso l’ASEAN Studies Center dell’ISEAS-Yusof Ishak Institute di Singapore.

Per la maggior parte dell’anno, molti paesi in via di sviluppo nel sud-est asiatico non hanno avuto molta scelta quando si trattava di vaccini. Hanno lottato per ottenere pozioni, molte delle quali sono state prodotte da nazioni più ricche che sono state accusate di averle accumulate.

La Cina ha cercato di soddisfare tali esigenze. Il ministro degli esteri del paese, Wang Yi, ha viaggiato nella regione a gennaio, promettendo di aiutare a combattere l’epidemia. Ad aprile ha dichiarato il sud-est asiatico una priorità per Pechino. Circa un terzo dei 33 milioni di dosi che la Cina ha distribuito gratuitamente in tutto il mondo sono state inviate nella regione, secondo i dati forniti da Bridge Consulting.

READ  Le concessioni del nuovo governo israeliano in Cisgiordania, che indicano la continuazione delle politiche di Netanyahu

Gran parte dell’attenzione di Pechino si è concentrata sui paesi più popolosi, come l’Indonesia e le Filippine, e sui suoi vecchi alleati come la Cambogia e il Laos.

L’Indonesia è stato il più grande cliente della Cina nella regione, acquistando 125 milioni di dosi di Sinovac. Le Filippine hanno ottenuto 25 milioni di proiettili Sinovac dopo che il presidente Rodrigo Duterte ha dichiarato di essersi rivolto a Xi Jinping, il leader supremo della Cina, per chiedere aiuto. La Cambogia ha ricevuto più di 2,2 milioni di dosi di Sinopharm cinese. Ha vaccinato quasi il 41% della sua popolazione, raggiungendo il secondo tasso di vaccinazione più alto della regione, dopo Singapore.

Poi sono emersi segnali che i vaccini cinesi non erano efficaci come sperato. L’Indonesia ha scoperto che il 10% degli operatori sanitari ha contratto il Covid-19 a luglio, nonostante fosse completamente vaccinato con la siringa Sinovac, secondo l’Associazione ospedaliera indonesiana.

A luglio, un virologo della Chulalongkorn University di Bangkok ha affermato che uno studio su persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino Sinovac ha mostrato che il loro livello di anticorpi, al 70%, era “poco efficace” contro la variante alfa del coronavirus, che è stata scoperta per la prima volta. In Gran Bretagna, o contro la variante delta, è stato scoperto per la prima volta in India.

I governi sia dell’Indonesia che della Thailandia hanno deciso di passare ad altri vaccini, come quelli offerti da Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia.

“Ora che hanno più opzioni, possono prendere altre decisioni”, ha affermato Nadig Rowland, senior fellow presso il National Bureau of Asian Research di Washington. Non credo ci siano motivazioni politiche. Penso che sia il mio lavoro”.

Yaowares Wasuwat, un venditore di noodle nella provincia thailandese di Bangsaen Chonburi, ha detto che sperava di ottenere AstraZeneca per il secondo vaccino dopo essere stato inoculato con Sinovac, ma avrebbe preso tutto ciò che è disponibile.

“Non ho niente da perdere”, ha detto. “L’economia è così brutta, stiamo ansimando per l’aria. È come morire da vivi, quindi prenditi tutta la protezione che puoi. “

Le prime mosse della Cina nella regione sono in netto contrasto con gli Stati Uniti, che sono stati lenti nel fornire assistenza.

Il calcolo è ora cambiato sotto il presidente Biden. Sia Lloyd C. Austin III, Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, e Anthony J. Blinken, il segretario di Stato, ha avuto incontri con alti funzionari del sud-est asiatico nelle ultime settimane. Hanno citato donazioni di circa 20 milioni di round.

Dopo che il signor Austin ha visitato le Filippine, Manila Ripristinare l’accordo di difesa Che è rimasto bloccato nel limbo per più di un anno dopo che Duterte ha minacciato di farla finita. L’accordo, che continuerà a consentire alle truppe e alle attrezzature statunitensi di spostarsi da e verso le Filippine, potrebbe vanificare l’obiettivo della Cina di cacciare le forze armate statunitensi dalla regione.

Parte del motivo per cui il signor Duterte si è girato: il Fornire milioni di dosi Vaccini Johnson & Johnson e Moderna.

Tuttavia, alcuni analisti del sud-est asiatico sono preoccupati per la tardiva diplomazia sui vaccini di Washington.

“Resta il fatto che gli Stati Uniti sono stati molto lenti con la mazza”, ha affermato Elena Nour, direttrice degli affari politici e di sicurezza presso l’Asia Society Policy Institute. “Dato che le nazioni ricche stavano accumulando vaccini quando sono diventati disponibili, penso che il sapore amaro persista”.

La Cina è ancora considerata un fornitore affidabile dei suoi vaccini. Ha fornito l’86 percento delle dosi che aveva promesso di vendere. E ci sono ancora preoccupazioni sul fatto che le società statunitensi siano state lente nel fornire forniture. Per questi motivi, la maggior parte dei paesi del sud-est asiatico non ha criticato apertamente la Cina, né ha rinunciato ai vaccini cinesi.

READ  La tempesta tropicale Fred approda nella Repubblica Dominicana e potrebbe colpire la Florida alla fine di questa settimana

Il sentimento anti-cinese sta crescendo in Vietnam, ma il paese ha accettato una donazione di 500.000 dosi di Sinopharm a giugno, provocando un contraccolpo tra i cittadini che hanno affermato di non fidarsi della qualità delle riprese cinesi.

“Anche nel mezzo di questa emergenza, non ho motivo di sostituire la mia vita o la mia famiglia con un vaccino cinese”, ha affermato Nguyen Huang Fei, direttore delle operazioni sanitarie in un ospedale di Ho Chi Minh City.

In seguito si è scoperto che il filmato donato da Sinopharm era destinato a gruppi prioritari individuati da Pechino, aggravando il cinismo verso la Cina.

“Ci sono sempre alcune condizioni”, ha affermato Huong Le Thu, analista senior presso l’Australian Strategic Policy Institute specializzato nel sud-est asiatico, riferendosi agli accordi sui vaccini cinesi.

Il Vietnam continua a combattere l’epidemia e i vaccini rimangono scarsi. Nonostante l’indignazione dell’anno precedente, una società privata vietnamita ha ottenuto cinque milioni di dosi di Sinopharm per la distribuzione, che le autorità locali hanno iniziato a somministrare questo mese.

Mukita Suhartono Fu Que Bao Owen ha contribuito alla segnalazione. Claire Vu e Elsie Chen Contribuire alla ricerca.