junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

CDC: il 2% delle infezioni “penetranti” causa la morte di COVID-19

In un periodo di quattro mesi durante i quali la campagna di vaccinazione degli Stati Uniti era in corsa contro un’ondata di mutazioni COVID-19, uno studio nazionale ha rilevato che quasi 10.000 persone hanno contratto il coronavirus dopo aver ricevuto tutte le dosi raccomandate.

Il 2% di questi pazienti con infezioni “sfondanti” è morto, secondo A. Nuovo rapporto Dai centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Potrebbe sembrare una cattiva notizia. Ma se fai i numeri, gli esperti di malattie infettive dicono che in realtà è davvero una buona notizia.

Tra il 1 ° gennaio e il 30 aprile, un totale di 10.262 infezioni post-vaccinazione sono state segnalate in 46 stati e territori. Questi casi rappresentano meno dello 0,01% di 107.496.325 persone negli Stati Uniti che sono state completamente vaccinate entro il 30 aprile, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Software di monitoraggio dati COVID.

Vanderbilt un esperto di malattie infettive Dr. William Schaffner Le nuove scoperte indicano una pagella per i tre vaccini COVID-19 – le offerte a due dosi di Pfizer-BioNTech, Moderna e l’opzione one-shot di Johnson & Johnson – che sono state finora lanciate negli Stati Uniti. Non è tra gli autori del nuovo rapporto. Ma è uno zio molto orgoglioso.

“Dà loro un voto A, se non A +”, ha detto Schaffner. “Ciò dimostra che l’infezione tra le persone vaccinate è, soprattutto, insolita. In secondo luogo, ci sono pochissime tra queste infezioni associate a decessi”.

READ  Come guardare l'eclissi solare "anello di fuoco" giovedì"

Nel rapporto pubblicato martedì, i ricercatori del CDC hanno riconosciuto che il bilancio di 10.262 infezioni penetranti era probabilmente “inferiore a un numero elevato”. Molte persone che hanno contratto l’infezione nonostante siano state vaccinate potrebbero aver sofferto di una malattia lieve nel peggiore dei casi e non ancora. Cercano di fare un test per confermare la causa.

Tuttavia, gli autori dello studio hanno scritto nel Rapporto settimanale di morbilità e mortalità che il numero di infezioni da COVID-19 prevenute dalle vaccinazioni “supererà di gran lunga” il numero reale di infezioni post-vaccinazione.

Lo studio ha anche rilevato che sono state ricoverate 995 persone che hanno ricevuto tutte le dosi raccomandate. Ma non tutti sono stati lì a causa di COVID-19 – infatti, il 29% non ha avuto sintomi di COVID-19 ed è stato accettato per altri motivi.

In tutto, 160 soggetti completamente vaccinati sono morti a causa di un’infezione penetrante durante il periodo di studio. Questo è il 2% di quelli con infezione improvvisa e lo 0,0001% della popolazione degli Stati Uniti che era stata completamente vaccinata entro il 30 aprile. Tutte le 160 persone avevano un’età compresa tra i 71 e gli 89 anni.

Solo i paesi che hanno segnalato la loro morte hanno confermato che questi pazienti hanno contratto il coronavirus, non che siano morti a causa del COVID-19. In alcuni casi, un’altra malattia potrebbe essere responsabile.

In breve, mentre i vaccini COVID-19 autorizzati per l’uso negli Stati Uniti non erano uno scudo immunitario contro le infezioni, hanno funzionato notevolmente bene, hanno detto gli esperti. Anche quando si sono verificate superinfezioni, i vaccini hanno probabilmente prevenuto malattie gravi, ricoveri e decessi in coloro che li hanno contratte.

READ  Giunone della NASA fa la visita più vicina alla più grande luna di Giove Ganimede in 20 anni

Ha detto: “Questo è molto rassicurante”. Dr. Paul Offitt, Esperto di vaccinazioni presso il Children’s Hospital di Philadelphia. Ha aggiunto che con l’aumento della percentuale di americani vaccinati e guariti, le infezioni devono continuare a diminuire drasticamente.

Più rassicurazione proveniva da un’altra scoperta del rapporto: la superinfezione non era probabilmente causata dalle varianti del Coronavirus che avevano temuto gli scienziati.

Gli studi hanno indicato che le varianti genetiche che hanno avuto origine nel Regno Unito, Brasile, Sud Africa e Stati Uniti potrebbero minare l’efficacia dei vaccini. Ma la prevalenza di “varianti preoccupanti” tra coloro che hanno subito un’infezione rivoluzionaria non suggerisce che nessuna variante lo stesse facendo in modo drammatico.

Complessivamente, il 5% dei campioni di pazienti con infezioni penetranti note è stato sequenziato geneticamente e il 64% di loro erano varianti preoccupanti.

La loro diversità all’interno di questo gruppo segue da vicino con la loro presenza nella popolazione generale degli Stati Uniti: il Variante del Regno Unito (Nota agli scienziati come B.1.1.7) era la più comune, seguita da due variabili scoperte per la prima volta in California (B 1.429 e B 1.427). Altri due, Brasile (p.1) e Sud Africa (1.351), hanno tirato fuori la culatta.

“Questo mi dice che i vaccini prevengono l’infezione e non ci sono agenti canaglia che eludono questa protezione”, ha detto Schaffner. “I vaccini funzionano.”

Ma questo non significa che possiamo sopportare le nostre glorie.

Schaffner ha aggiunto: “Oggi è un’ottima pagella, ma sai che abbiamo un altro semestre in arrivo”. “Cercheremo di vedere quanto tempo ci vuole per proteggere i vaccini. Dobbiamo continuare a monitorare queste variabili. Dobbiamo rimanere vigili”.

READ  La Casa Bianca non dirà se l'immunità di gregge al Covid-19 è realizzabile