enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il virus corona può persistere per diversi mesi nel cervello, nel cuore e nell’intestino: studio

Un test positivo (L) e negativo per gli anticorpi covid-19 sono stati fotografati in una farmacia a Strasburgo, nella Francia orientale, il 15 luglio 2020.

Un test positivo (L) e negativo per gli anticorpi covid-19 sono stati fotografati in una farmacia a Strasburgo, nella Francia orientale, il 15 luglio 2020.
Foto: Frédéric Florin / Agence France-Presse (Getty Images)

Una nuova ricerca di questa settimana sembra confermare il sospetto che il coronavirus possa infettare molte parti del corpo umano, non solo il sistema respiratorio. Ha anche scoperto che a volte il virus può rimanere nel corpo anche dopo che i sintomi iniziali di una persona si sono attenuati. I risultati preliminari potrebbero far luce sulla complessa condizione cronica nota come virus lungo di cui soffrono alcuni sopravvissuti.

SARS-CoV-2 è principalmente un virus respiratorio, come l’influenza o altri coronavirus umani. Nei casi lievi, i suoi sintomi gravi tendono a colpire il tratto respiratorio superiore, mentre i casi più gravi sono associati a infezione polmonare e polmonite. Ma le prove del laboratorio e dei pazienti suggeriscono che il virus può viaggiare in tutto il corpo e infettare anche altri tessuti, grazie ai recettori che utilizza per dirottare le cellule. Recentemente, ad esempio, gli studiosi ho trovato La prova che il coronavirus può facilmente infettare le cellule adipose e immunitarie.

Gli scienziati dietro questa nuova ricerca, principalmente del National Institutes of Health, affermano che la loro ricerca è la visione più completa mai vista su come il coronavirus possa infettare diverse parti del corpo umano e del cervello. Per fare ciò, i ricercatori hanno eseguito autopsie complete sui corpi di 44 persone che avevano contratto il coronavirus. In tutti i casi tranne cinque, l’infezione è stata direttamente coinvolta nella morte della persona.

Nel complesso, il team ha trovato abbondanti segni di coronavirus al di fuori del tratto respiratorio, sia all’inizio che alla fine dell’infezione. La sua presenza era sicuramente maggiore nelle vie aeree e nei polmoni. Ma hanno anche trovato prove di infezione nei tessuti cardiovascolari di quasi l’80% dei pazienti. nei tessuti del tratto gastrointestinale 73% di pazienti e nel muscolo, pelle, grasso e tessuto nervoso periferico 68% dei pazienti. In tutte le 85 parti del corpo e fluidi corporei che hanno studiato, il virus potrebbe essere trovato – almeno una parte del tempo – in 79 di esse, compreso il cervello. Hanno trovato tracce di RNA virale in tutto il corpo e nel cervello mesi dopo l’inizio dei sintomi, fino a 230 giorni nel caso di un paziente.

Gli autori hanno scritto nel loro documento di ricerca, che è stato rilasciato come prestampa Sunday, ma è in fase di revisione per la pubblicazione sulla rivista Nature, secondo Notizie Bloomberg.

There are important limitations to this research. For one, the cases obviously tended to involve people severely ill with covid-19. But even in the few cases where someone had mild or no covid-related symptoms, the virus could still be found throughout the body, the authors noted. The study was also conducted between April 2020 to March 2021, a period of time when relatively few people were vaccinated. So it’s possible that those with some immunity may prevent the virus from infecting the body as thoroughly as it did in these patients (there was no mention of anyone being vaccinated in the paper). The emergence of several new variants of the virus, such as Delta and Omicron, since March may further complicate the picture.

All that said, the findings give us a clearer picture of how acute infection by SARS-CoV-2 works and how it could continue to cause trouble after the initial illness seems to resolve. Some experts crediamo Almeno alcuni casi di COVID-19 possono essere attribuiti a un’infezione persistente. Ma mentre questi risultati forniscono una forte evidenza di un’infezione a lungo termine, sollevano anche nuove domande.

Ad esempio, il team ha trovato poche prove che la presenza del virus al di fuori dei polmoni fosse associata a un’infiammazione diretta o ad altre infezioni delle cellule correlate al virus, anche nelle infezioni persistenti. Questo è fondamentale perché l’infiammazione è uno dei modi più comuni in cui il corpo può danneggiarsi cronicamente e molti esperti ritengono che svolga un ruolo importante nei sintomi di COVID-19. Gli autori fanno notare che in alcune infezioni persistenti, il virus potrebbe essere troppo difettoso per continuare a riprodursi, il che potrebbe spiegare perché il corpo non risponde ad esso come una tipica infezione. Questa scoperta non esclude la possibilità che il virus continui a causare danni quando rimane nel corpo, ma aggiunge una nuova ruga al puzzle della malattia di Covid-19 che gli scienziati dovranno studiare ulteriormente.

READ  Il James Webb Space Telescope rivela un'enorme barriera solare nella fase successiva di una pericolosa proliferazione