mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

‘Buona fortuna e che Dio ti benedica! Ne avremo tutti bisogno»: Il mercato statunitense si sta avvicinando alla fine di una «super bolla», afferma Jeremy Grantham

Gli Stati Uniti si stanno avvicinando alla fine di una «bolla enorme» che si estende su azioni, obbligazioni, immobili e materie prime dopo un massiccio stimolo durante la pandemia di COVID, che potrebbe portare alla più grande riduzione della ricchezza nella sua storia una volta che il pessimismo tornerà sui mercati di governance, secondo il leggendario investitore Jeremy Grantham.

«Per la prima volta negli Stati Uniti abbiamo sincronizzato le bolle in tutte le principali classi di attività», ha affermato Grantham, co-fondatore della società di investimento GMO. in carta Giovedì. Ha stimato che le perdite di ricchezza potrebbero raggiungere i 35 trilioni di dollari negli Stati Uniti se le valutazioni delle principali classi di attività tornassero per due terzi agli standard storici.

«Uno dei motivi principali per cui deploro le super bolle – e il risentimento della Fed e di altre autorità finanziarie per averle consentite e facilitate – è il danno non riconosciuto che le bolle causano mentre si svuotano», ha detto Grantham.

Grantham ha affermato che la Fed non sembra «ricevere» bolle di asset, riferendosi allo «stimolo COVID indicibilmente massiccio» (alcuni dei quali secondo lui erano necessari) che ha seguito lo stimolo per riprendersi dal crollo della bolla immobiliare del 2006. Ha detto: » L’unica lezione che l’establishment economico sembra aver imparato dalle rovine del 2009 è che non l’abbiamo affrontato con stimoli sufficienti».

Le bolle azionarie tendono a iniziare a ridursi prima dalle parti più rischiose del mercato, come ha fatto Grantham da febbraio 2021, secondo il suo quadro di ricerca. «Quindi buona fortuna!» scrisse. «Ne avremo tutti bisogno».

READ  BMW detiene la producción en Rusia y detiene las exportaciones al país

Mentre l’indice S&P 500 SPX,
-1,10%
e Dow Jones Industrial Average DJIA,
-0,89%
Tutti loro hanno raggiunto i massimi storici di chiusura all’inizio di gennaio e da allora sono caduti in una recessione, insieme al Nasdaq Composite,
-1,30%e
Gli investitori si aspettano che la Fed metta fine al quantitative easing e inizi ad aumentare i tassi di interesse per combattere l’inflazione elevata entro la fine dell’anno.

Leggi: Perché il 2022 sembra una «tempesta negativa perfetta» per i titoli tecnologici, secondo Deutsche Bank

Il Nasdaq, carico di tecnologia, ha subito il calo più grande tra i tre principali indici azionari nel 2022, cadendo in territorio di correzione dopo aver raggiunto un record a novembre, secondo i dati di FactSet.

«Siamo in quella che penso sia la fase dei vampiri del mercato rialzista, in cui ci butti tutto quello che hai», ha scritto Grantham. «Lo pugnali con il COVID, lo spari con la fine del quantitative easing e la promessa di tassi più alti, lo avvelena con un’inflazione inaspettata – che ha sempre spazzato via il rapporto prezzo-utili prima, ma in modo piuttosto unico, non ancora questa volta – e la creatura vola ancora”.

«Questo fino a quando, quando inizi a pensare che una cosa è piuttosto immortale, alla fine, e forse un po’ controintuitivamente, si ferma e muore», ha detto Grantham. «Più è veloce, meglio è per tutti».

Il Nasdaq è in calo del 9,5% questo mese, a partire da giovedì, superando il calo di quasi il 6% dell’S&P 500 e la perdita del 4,5% per il Dow, secondo i dati FactSet.

Per quanto riguarda le raccomandazioni sugli investimenti in OGM, Grantham ha riassunto che evitava le azioni statunitensi mentre sottolineava il valore delle azioni nei mercati emergenti più economici e nei paesi sviluppati, «in particolare il Giappone». In una nota personale, ha detto: «Mi piace anche un po’ di denaro per la flessibilità, alcune risorse per la protezione dall’inflazione, oltre a un po’ di oro GC00,
-0,15%
e argento.

READ  Il tasso di positività LI aumenta con l'apertura di nuovi siti di test

In combinazione con i recenti massimi record del mercato azionario statunitense e il comportamento «folle» degli investitori che ne ha accompagnato la crescita, Grantham ha avvertito che «stiamo già partecipando alla bolla immobiliare globale più ampia ed estrema della storia». Ha affermato che le case degli Stati Uniti sono «il più alto moltiplicatore del reddito familiare di sempre, dopo aver raggiunto un aumento record del 20% lo scorso anno».

Inoltre, Grantham ha affermato: «Abbiamo anche i mercati obbligazionari più quotati negli Stati Uniti e nella maggior parte degli altri paesi del mondo, e i tassi più bassi, ovviamente, che lo accompagnano, che la storia umana abbia mai visto».

Ha poi aggiunto che c’era una «bolla iniziale nelle materie prime». olio CL00,
-2,20%
E la maggior parte dei «metalli importanti» tra le materie prime ampiamente quotate sono «sopra la tendenza», mentre «l’indice globale dei prezzi alimentari delle Nazioni Unite si avvicina al massimo storico», secondo il suo documento di ricerca.

«La combinazione che abbiamo visto nel 2008, di prezzi delle materie prime ancora in aumento con una bolla dei prezzi degli asset in diminuzione, è l’attacco definitivo all’economia poiché sicuramente causerà notevoli sofferenze economiche», ha scritto.

Grantham ha anche studiato il modo in cui la ricchezza si accumula più lentamente quando si «prezza a bolle», rendendo più difficile per le persone permettersi la prima casa o costruire un portafoglio di investimenti.

«C’è un massiccio aumento della disuguaglianza con l’aumento dei prezzi delle attività, che molti semplicemente non possiedono, e» molti «di questi tempi si applicano alla famiglia media o oltre», ha scritto. Lo hanno deluso, lo sanno e se ne risentono sempre più (e comprensibilmente). Questo sta sicuramente danneggiando la nostra economia».

READ  Futures Dow: inizia l'offerta di mercato, Netflix guida 7 titoli mostrando forza; Tesla intrattiene il telaio