noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sparatoria Lekki Gate 2020: il tribunale nigeriano condanna la sparatoria come «massacro»

La Commissione per le indagini giudiziarie e il risarcimento del tribunale arbitrale di Lagos è stata incaricata di indagare sulla famigerata sparatoria di Lekki Gate lo scorso anno a Lagos, quando le forze di sicurezza nigeriane hanno aperto il fuoco sui giovani che avevano protestato pacificamente contro la presunta brutalità della polizia.

Il suo rapporto esplosivo – che ha richiesto più di un anno per essere prodotto – accusa gli ufficiali dell’esercito nigeriano di «sparare, ferire e uccidere manifestanti indifesi e indifesi, senza provocazione o giustificazione, mentre sventolavano la bandiera nigeriana e cantavano l’inno nazionale». Il metodo di aggressione e uccisione nel contesto può essere descritto come un massacro”.

La commissione ha inoltre rilevato che «il comportamento dell’esercito nigeriano è stato esacerbato dal suo rifiuto di consentire alle ambulanze di fornire assistenza medica alle vittime che necessitano di tale assistenza. È stato inoltre riscontrato che l’esercito non ha rispettato le sue regole di ingaggio».

Il rapporto della commissione ribadisce e fa ripetutamente riferimento ai precedenti rapporti della CNN, che l’anno scorso utilizzava timestamp, dati video e geolocalizzazione per analizzare ore di video girati dai manifestanti.

Un’indagine della CNN ha scoperto che l’esercito nigeriano ha sparato proiettili veri sulla folla al cancello del casello autostradale di Lekki, uccidendo e ferendo diverse persone. Diversi testimoni hanno anche detto alla CNN l’anno scorso che alle ambulanze è stato impedito di entrare nel sito per aiutare i manifestanti feriti.

Nonostante l’abbondanza di prove video, il governo nigeriano ha negato a lungo di sparare ai manifestanti. Il mese scorso, nel primo anniversario della sparatoria, il ministro dell’Informazione nigeriano Alhaji Lai Muhammad ha definito l’incidente un «falso massacro» e ha continuato a liquidare l’indagine della CNN come una notizia falsa.

READ  Questo rifugiato siriano vuole giustizia dopo che suo fratello è stato torturato e ucciso da mercenari russi.

Il governo e l’esercito non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento sul rapporto del comitato giudiziario di lunedì, che la CNN ha citato dozzine di volte.

Tuttavia, il governatore di Lagos Babajide Sanu Olu ha affermato che il governo dello stato di Lagos attuerà le raccomandazioni della commissione, secondo i media locali.

«Ciò aiuterà in un adeguato risarcimento e risarcimento per tutti coloro che avrebbero dovuto subire un torto. Voglio assicurarti che verrà emesso un white paper. Formerò un comitato per rivedere il documento tra due settimane e il rilascio di un white paper, «Sanu Ulu ha detto, Secondo l’International Center for Journalism Investigation.

Cosa è successo

Prima dei sanguinosi eventi al Lekki Gate dell’anno scorso, i manifestanti vi partecipavano proteste quotidiane Ha attraversato la Nigeria per circa due settimane a causa delle diffuse accuse di rapimento, molestie ed estorsioni da parte di un’unità di polizia nota come Special Anti-Theft Squad (SARS).
tiro Il 20 ottobre Alla fine eliminerà il nascente movimento di protesta giovanile della Nigeria, noto come #EndSARS.

La commissione d’inchiesta è stata inizialmente istituita nell’ottobre 2020 dal governo statale di Lagos per esaminare i casi di presunta brutalità della polizia – e la squadra speciale antifurto ora dissolta – e in seguito è stata incaricata di indagare sull’incidente del casello.

& # 39;  Morto tra le mie braccia.  & # 39;  Dodici mesi dopo, una madre agonizzante attende di scoprire la causa della morte di suo figlio a Lekki's Gate.

Inoltre, il rapporto della commissione sostiene tentativi di insabbiamento da parte della polizia, che afferma di aver ripulito le tracce della sparatoria di Leakey Gate e di non aver mantenuto la scena per gli investigatori. «Gli agenti di polizia hanno anche tentato di coprire le loro azioni catturando proiettili», afferma il rapporto.

READ  Sospetto bracconiere ucciso da un elefante in Sudafrica

Le autorità nigeriane sono anche accusate di aver manomesso i filmati delle telecamere di sicurezza e di aver trasportato i corpi dei morti fuori dal luogo.

Il rapporto raccomanda che tutti tranne un generale dell’esercito nigeriano schierato al Lekki Gate debbano affrontare «un’adeguata azione disciplinare e la privazione dello status» prima di essere espulsi.

«Non sono idonei e adeguati per servire in alcun servizio pubblico o sicurezza della nazione», dice.

Il rapporto ha aggiunto che «i giorni bui del governo militare sono finiti e sono necessari più principi e approcci democratici per ottenere la pace e la fiducia pubblica».

La reazione al rapporto ha portato a uno sfogo emotivo della piattaforma di social media Twitter nella tarda notte di lunedì in Nigeria. Diversi giovani hanno detto alla CNN che ritengono che i risultati li abbiano giustificati.

«Le lacrime mi hanno riempito gli occhi. La verità non ha bisogno di difesa», ha detto DJ Switch, che ha trasmesso alcuni degli eventi di quella notte ed è stato poi costretto a fuggire dal paese.

Akin Oloy, che quella notte era in prima linea nella protesta, ha dichiarato alla CNN: “I risultati della Commissione di indagine giudiziaria nel suo rapporto che ha definito le atrocità al casello un massacro, sono una grande vittoria e ci portano sulla giusto cammino per ottenere giustizia per molte vittime innocenti, sopravvissuti e anime perdute che giacciono ancora in tombe sconosciute».

Sara Ibrahim, che ha preso parte alle proteste #EndSARS e ha anche fornito prove al comitato investigativo, ha detto alla CNN che giustizia e responsabilità devono ora seguire. «Spero che tutte le raccomandazioni vengano attuate. Da un lato il riconoscimento che ciò è accaduto e dall’altro la responsabilità», ha affermato.

READ  Gli Stati Uniti e l'Unione Europea cercano un accordo globale per tagliare i documenti sul metano, che causa il riscaldamento globale

Ibrahim ha aggiunto che «la giustizia è incompleta senza responsabilità».