octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sophia Loren e l’eruzione del pop italiano degli anni ’60

Gli anni ’60 si rivelarono un periodo di cambiamento italiano. Ricucendosi dall’ombra della seconda guerra mondiale, si è trasformato da grande paese rurale in uno dei paesi economicamente più avanzati e culturalmente sofisticati.

L’Italia, nel frattempo, ha vissuto una rinascita politica, con il suo popolo che ha abbandonato la dittatura fascista di Mussolini al Partito Socialista nel 1963. Come il Regno Unito e gli Stati Uniti, questi significativi cambiamenti sociali hanno profondamente influenzato la psicologia di coloro che vivono in Italia. L’esplosione del cinema, della moda e della musica. Sophia Loren divenne parte integrante di tutte e tre queste forme d’arte.

Nel corso della sua vita, si è affermata come una delle attrici più sexy del mondo, una delle icone della moda più glamour e incredibili talenti musicali. Qui, esploriamo l’età d’oro della musica italiana; Uno è stato ispirato non solo dalle innovazioni nella moda e nella politica giovanile, ma anche dall’espansione del mercato musicale negli anni ’50 e ’60 e dalla popolarità globale di attori come Sophia Loren.

È interessante notare che le prime famose icone musicali italiane non sono emerse direttamente dal mondo della musica, ma piuttosto dalla ricca e popolarissima industria cinematografica. I film che escono dai Cincinnati Studios di Roma includono spesso ricche colonne sonore di artisti del calibro di Franco de Gemini, Francesco de Masi e Ris Artolani. Le canzoni scritte da questi compositori per i film popolari italiani hanno spesso avuto successo a livello nazionale e sono state cantate da star nazionali. Sophia Loren ne è un esempio.

La sua carriera è iniziata a metà degli anni ’50, durante i quali ha recitato in diversi film di Marcello Mastroyani. Corruzione a Toronto, Fortunato ad essere una donna, e Ragazzo su un delfino. Negli anni ’60 era già un nome familiare e ha realizzato alcuni dei film italiani di maggior successo di tutti i tempi. Molti di questi sono solo alcuni dei film di successo che conosce ancora oggi, come “Ti Ein Afto Pou to Lene Agapi”, “Almost In Your Arms” e “Zoo Be Zoo”. La fama di Sophia Loren ha aperto la strada a un’intera generazione di artisti pop che hanno raggiunto la maggiore età negli anni ’60. Ma, agli occhi dei giovani, era un altro simbolo dell’establishment, un’altra star internazionale che sosteneva i valori tradizionali dell’Italia conservatrice. Tuttavia, gli artisti che l’avrebbero seguita trasferirono lo stabilimento nel suo centro.

READ  Catalogna: La Corte Suprema di Spagna ha chiesto all'Italia di estradare immediatamente l'ex primo ministro catalano Carlos Puigdemont. Spagna
Sophia Loren è il simbolo dell’epoca. (Grazie: Pikist)

Mina, vero nome Anna Maria Massini, è una delle artiste pop più talentuose e controverse degli anni ’50 e ’60. Come Lorraine, è diventata famosa con l’aiuto dei media e poi dei media che si sono rivoltati contro di lei. Nel 1959, Mina si esibì in diversi programmi televisivi italiani e fu subito elogiata dalla critica. Imperterrita da lei, nella sua gamma di tre ottave, divenne presto famosa come la “Regina degli Screamers”. Con canzoni come ‘Se Telefonada’ e ‘Città Vuota’, Mina ha preso d’assalto il mondo. Per più di dieci anni ha dominato le classifiche italiane, mentre le sue lunghe tournée in Europa, Giappone e Sud America gli sono valse riconoscimenti a livello mondiale. Ma nonostante sia una delle statue più preziose del suo paese, Mina non si è mai allontanata dalle polemiche.

Di conseguenza, era considerata un simbolo del crescente movimento femminista, che si rifletteva nelle provocatorie scelte di moda della cantante e nell’incessante pubblicazione di canzoni negli anni ’60. Per l’intera generazione di giovani donne, il potente atteggiamento sessuale e “cattiva ragazza” di Meena simboleggia il potere della donna liberata. Tuttavia, i suoi stessi tratti scioccarono l’azienda e nel 1963 fu bandita dalla radio e dalla televisione italiane. Mina, che si rifiutò di nascondere la sua relazione con un famoso attore sposato e la successiva gravidanza, si lamentò dei principi morali cattolici e borghesi che all’epoca dominavano l’Italia. Dopo il divieto, le sue vendite di dischi hanno sofferto, ma è stata in grado di ritirarsi e ha continuato a usare la sua musica per affrontare argomenti che erano stati banditi da allora. Se stai cercando grrrl proto-ribellione, non guardare oltre Mina.

READ  L'Italia arresta 18 per pesca illegale di vongole protette

Con il crollo del livello di tensione politica in Italia negli anni ’50 e ’60, c’era un urgente bisogno che la musica risolvesse i problemi sociali. Mina ha rifiutato di fare marcia indietro e ha attaccato coraggiosamente e spudoratamente l’establishment. Ma molti dei suoi contemporanei hanno optato per un approccio tranquillo e riflessivo. Combinando jazz, pozo nova, orchestra, soul e rock n roll, la musica di artisti come Luis Tengo, Fabrizio di Andre e Gino Paoli è stata una delle più potenti e gioiose degli anni ’60. All’estero, almeno, questi artisti non sono celebrati tanto quanto i Beatles, Bob Dylan o Dusty Springfield. Tuttavia, hanno avuto un grande impatto sui giovani e hanno fornito colonne sonore al periodo di tensione politica e alla Rivoluzione Culturale.

Gli anni ’60 e ’70 hanno visto ondate di proteste studentesche in Italia. Ispirati dalle politiche anarchiche e comuniste, studenti di tutta Italia cominciarono ad occupare le università da Torino a Napoli. Il potere dei docenti e degli insegnanti scolastici – per riflettere l’influenza del presidente Mao Libretto rosso – Infine sfidato. Ben presto, stili di vita alternativi iniziarono a dominare la cultura giovanile. Gli anni Sessanta hanno visto la radicalizzazione di un’intera generazione. Hanno attaccato tutti, dalla chiesa alla famiglia nucleare e hanno adottato un approccio iconico catturato dallo slogan popolare “Voglio essere un orfano”. I punti più belli di questa impennata culturale sono stati catturati nella musica di Paoli, de Andre e Tenco, che gradualmente hanno lavorato su temi sociali, politici, psicologici e intellettuali nella musica pop italiana. Come Mina, molti di questi artisti si sono ribellati all’establishment. Tengo, ad esempio, fu spesso sottoposto alla censura del governo per il tema “sessualmente esplicito” delle sue canzoni, mentre de Andre divenne un eroe popolare del movimento anarchico del dopoguerra che si diffuse in tutta Italia. Nello stesso modo in cui Bob Dylan è diventato la voce del movimento per i diritti civili negli Stati Uniti, de Andre è diventato famoso per aver scritto canzoni popolari minimaliste con un enorme peso politico. Inoltre, come Blow ‘in the Wind’ di Dylan, le canzoni di De Andre hanno fornito la colonna sonora per un periodo d’azione. Oggi è considerato uno dei cantautori italiani più influenti di tutti i tempi e ha usato quell’influenza per sostenere tutto, dalla pace all’accesso all’istruzione.

READ  Nel XIV secolo in Italia un monaco scrisse dell'America

Gli artisti che ho citato sono davvero la punta dell’iceberg. Per decenni dopo la seconda guerra mondiale, l’Italia ha prodotto la musica pop più inebriante di tutti i tempi. Basta ascoltare “Say Telefondu” di Mina o “Londano Londano” di Luigi Tenko per capire perché. Peccato che molti di questi artisti non siano riconosciuti fuori dall’Italia. Ma questa tragedia offre una meravigliosa opportunità di scoperta. Nello scoprire la musica gloriosa dell’età d’oro dell’Italia, osserviamo anche la trasformazione di un paese travagliato. È affascinante vedere che il rinascimento culturale che spesso associamo al movimento hippie americano è davvero un fenomeno globale. Dalle ballate jazz sexy di Sophia Loren alle canzoni anti-anarchiche di Fabricio de Andre, l’eruzione della musica pop italiana fornisce la perfetta capsula del tempo per quell’importante decennio della storia italiana.

Commenti