diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Sondaggi falsi e copertura scandalistica on demand: il lato oscuro di Sebastian Kurz

Vienna – Sembrava un miracolo. Per anni, il partito conservatore austriaco è rimasto indietro rispetto ai suoi rivali. Poi, nel maggio 2017, i sondaggi sono stati sorprendentemente capovolti, dando ai conservatori una nuova credibilità che li ha aiutati a convincere gli elettori che avevano una reale possibilità di vincere. Cinque mesi dopo, alle elezioni, Loro fecero.

L’uomo a cui è stato attribuito il miracolo è Sebastian Kurz. 31 solo ben vestito Ben educato, con i capelli lucenti e slogan più morbidi sui social media, è diventato il più giovane cancelliere austriaco e ha formato un governo con l’estrema destra.

Eletto nello stesso anno Il presidente Donald J. Trump è entrato in carica e il signor Kurtz è stato presto visto in Europa come il poster boy per Il diritto di ascendere a una nuova generazione, un genio politico che ha salvato il conservatorismo prendendo in prestito l’agenda dell’estrema destra, perfezionandola e portandola nel mainstream.

Sembrava troppo bello per essere vero. E si scopre che lo era.

I pubblici ministeri ora affermano che molti sondaggi di opinione prima di quelle elezioni sono stati truccati e che Kurz e un piccolo gruppo di alleati lealisti hanno pagato uno dei più grandi tabloid austriaci per garantire una copertura favorevole delle notizie. Una volta al potere, dicono i pubblici ministeri, ha istituzionalizzato il sistema, usando il denaro dei contribuenti per aumentare il profilo della sua popolarità e punire i giornalisti e i media che lo criticano.

«Ciò che gli elettori hanno visto non era reale», ha detto Helmut Brandstätter, un ex direttore di giornale diventato legislatore che è stato vittima di bullismo da parte di Kurtz e costretto a lasciare il suo lavoro. «Era un piano per influenzare le elezioni e minare la democrazia».

«L’immagine del politico ideale, era tutto falso», ha detto Brandstatter. «Il vero Sebastian Kurtz è una persona molto più sinistra».

Il signor Kurtz che Si è dimesso da consigliere il 9 ottobreHa negato qualsiasi illecito e non è stato accusato di alcun reato, ma è ancora indagato per corruzione e appropriazione indebita. per lui Il crollo si è riverberato in tutta EuropaMolti dei tradizionali partiti di centrodestra, un tempo ispirati, ora sono in crisi.

In un mese in cui i giornalisti hanno vinto il Premio Nobel per la responsabilità del governo, lo scandalo austriaco ha messo in luce l’apparente relazione simbiotica tra i leader populisti e di destra e le parti simpatizzanti dei media.

I pubblici ministeri affermano che Kurz ha acquistato il terzo tabloid austriaco con tangenti per oltre 1 milione di euro, mascherate da annunci economici.

«Kurtz ha usato molti degli stessi metodi degli altri populisti nazionalisti», ha detto Natasha Strobel, autrice di Radical Conservatism, un libro sullo spostamento a destra dei conservatori tradizionali. «La collusione corrotta con i media amici e il tentativo di mettere a tacere i giornalisti critici fa parte della cassetta degli attrezzi».

I pubblici ministeri chiamano il signor Kurz «la figura centrale» in un elaborato schema per manipolare l’opinione pubblica che includeva diversi membri della sua cerchia ristretta, oltre a due sondaggisti e due proprietari del tabloid Ostrich.

READ  Incendi boschivi in ​​Turchia: gli agricoltori affermano che "gli animali sono in fiamme" distrutti mentre gli incendi boschivi devastano la Turchia

Il caso contro di lui sembra un thriller politico. In 104 pagine, ottenute dal New York Times, i pubblici ministeri documentano meticolosamente un piano segreto per manipolare l’opinione pubblica al fine di conquistare il potere e quindi consolidare il loro controllo.

Lo strumento sotterraneo di acquistare falsi sondaggi di opinione e copertura mediatica è stato illustrato con notevole dettaglio nelle conversazioni in chat ottenute dal telefono cellulare di uno degli alleati e amici più stretti di Mr. Kurtz, Thomas Schmid.

Il signor Schmid ha ricoperto una serie di posizioni di rilievo presso il Ministero delle finanze e ha passeggiato con il signor Kurz. Era uno dei pochi leali sostenitori che si chiamavano pretoriani, dal nome della guardia d’élite degli imperatori romani.

La loro dedizione era apparentemente assoluta. «tu sei il mio eroe!» Il signor Schmid ha scritto al signor Kurz in uno dei loro numerosi scambi, e in un altro, «Sono uno dei tuoi seguaci che non crea problemi, ma piuttosto li risolve».

Il problema che Kurz ha dovuto affrontare nel 2016 era che non era il leader del Partito popolare conservatore. È stato ministro degli esteri in un governo di coalizione impopolare guidato dai socialdemocratici di centrosinistra. Per diventare cancelliere, doveva prima assumere la direzione del suo partito.

Così iniziò a complottare con i pretoriani.

Il piano da loro ideato si chiamava «Operazione Ballhausplatz» – dal titolo della Cancelleria di Vienna. Un documento, dalla «preparazione» all'»acquisizione», ha mostrato come il rivale di Kurz per la leadership del partito conservatore potrebbe essere minato dai sondaggi «tutto è meglio» con Kurz al timone.

«A causa dell’indecisione all’interno del partito, Sebastian Kurz ha dovuto perseguire segretamente il suo piano», hanno scritto i pubblici ministeri, osservando che il piano «avrebbe comportato costi significativi, e questo ha anche reso inevitabili gli insabbiamenti».

Il signor Schmid, al Tesoro, aveva accesso al denaro. Si è assicurato che il budget per i media del signor Kurz al Dipartimento di Stato ricevesse un grande impulso, I pubblici ministeri affermano che ha trovato il modo di fatturare il voto segreto che non appariva nei conti ufficiali.

Il meccanismo che ha ideato era semplice: con l’aiuto del signor Kurtz, il signor Schmid ha nominato un ministro della famiglia conservatore, che in precedenza aveva gestito un’istituzione elettorale.

Uno dei suoi ex partner con stretti legami con i proprietari di struzzi è stato nominato responsabile del sondaggio. Gli alleati del signor Kurz hanno dettato le domande da porre. Poi hanno selezionato i risultati positivi e spesso li hanno ulteriormente modificati per supportare il tentativo di Mr. Kurtz di leadership. A Österreich è stato detto quando e come scriverlo rispetto ai posizionamenti regolari per gli annunci economici.

READ  La Russia apre un nuovo procedimento penale contro i principali alleati di Navalny

Ci sono stati alcuni intoppi all’inizio.

Nel giugno 2016, quando i fratelli Wolfgang e Helmut Fellner, la cui famiglia possiede Ostrich, non sono riusciti a inviare un articolo su un sondaggio positivo al signor Kurz, Il signor Schmid è diventato balistico: «SIAMO DAVVERO ARRABBIATI!!!! Mega Crazy.»

Wolfgang Willner ha scritto: «Capisco perfettamente, sto preparando un’intera doppia pagina per il sondaggio mercoledì. OK?»

Nel dicembre dello stesso anno, il signor Schmid ha trasmesso alcune buone notizie al signor Kurtz in un messaggio di chat. Un altro sondaggio che ha appena fatto notizia ha mostrato che i conservatori hanno raggiunto il minimo record del 18%, riducendo ulteriormente il rivale di Kurz.

«Grazie!» rispose il signor Curtis.

Nel tempo, il sistema è stato perfezionato. Nel gennaio 2017, Ostrich ha pubblicato non solo un sondaggio, ma anche un’intervista con la sondaggista, Sabine Pinschap, e ha usato una delle sue citazioni come titolo: I conservatori «trarrebbero beneficio dal passaggio a Kurtz».

Era una linea alimentata dai pretoriani.

«Ieri ho detto a Pinchap cosa avrebbe detto nell’intervista», ha detto a Schmid Johannes Frischmann, portavoce del ministro delle finanze e un altro membro della cerchia ristretta di Kurz, che ha risposto con un’emoji di applauso.

«Non sono mai arrivato così lontano», ha scritto il signor Schmid. “Un ottimo investimento. capitalista di Velner. Se paghi, le cose si fanno. Amala.»

All’inizio di maggio, il leader conservatore si era dimesso e Kurtz fu presto nominato suo successore. Quasi immediatamente il suo partito è andato alle urne e nel giro di tre settimane ha spinto Kurz alla posizione di leadership.

In questo periodo, il signor Kurtz ha cercato attivamente incontri per fare pressione sui giornalisti più critici. Nel giugno 2017 ha cenato con Mr. Brandstätter, caporedattore di Kurier, uno dei principali quotidiani.

«Perché non mi ami?» Il signor Brandstatter ricorda in un’intervista che il signor Kurz aveva ripetutamente chiesto.

«Devi decidere se sei mio amico o mio nemico», ha detto Kurts.

Il signor Kurz ha vinto le elezioni nell’ottobre 2017. Ha fatto una campagna contro l’immigrazione austriaca e le restrizioni sull’identità, dando un aspetto giovanile a gran parte dell’agenda dell’estrema destra, e poi l’ha invitata al governo.

Nei diciassette mesi che seguirono, chiuse un occhio sugli eccessi razzisti e antisemiti dei suoi partner di coalizione. Quando i giornalisti, come il signor Brandstater, lo hanno segnalato, hanno ricevuto telefonate dal signor Kurz o da un membro del team di comunicazione esteso.

«Ricevevo continuamente queste chiamate», ricorda il signor Brandstatter. «Poi ha chiamato i proprietari e poi i proprietari hanno chiamato me».

Un anno dopo che il signor Kurz è entrato in carica, il suo giornale ha fatto affidamento sul signor Brandstater per lasciare il suo lavoro per diventare invece un editore, un ruolo senza alcun controllo editoriale. Ora è un deputato per il partito libertario Neues.

READ  La costa orientale australiana combatte l'aumento dei casi di coronavirus

Nel frattempo, dicono i pubblici ministeri, il signor Schmid ha continuato a pagare per il voto e ha pubblicato annunci del governo su Ostrich in cambio di una copertura favorevole. I pubblici ministeri hanno affermato che dalla metà del 2016 fino al primo trimestre del 2018, quegli annunci valevano almeno 1,1 milioni di euro, ovvero circa 1,3 milioni di dollari.

Poi, nel maggio 2019, in Austria è scoppiato uno dei più grandi scandali del dopoguerra. Quello È apparso il vecchio video L’anziano ministro del Partito della Libertà di estrema destra nella coalizione di Kurtz mostra promesse di contratti governativi a un potenziale investitore russo in cambio di una copertura favorevole in un noto tabloid austriaco, Kronen Zeitung.

Si è rivelato essere un ambiente. Ma il video ha chiarito ciò che l’estrema destra era pronta a fare. Quello che gli austriaci non sapevano era che il loro cancelliere conservatore era così… In realtà lo fa.

L’indagine sul video alla fine metterà i pubblici ministeri sulle tracce del signor Kurtz e dei suoi uomini.

Dopo lo scandalo del video, Kurz ha rapidamente concluso la sua alleanza con l’estrema destra.

Disse: «Basta, basta». «Ciò che è pericoloso e problematico è l’idea di abuso di potere, uso del denaro dei contribuenti austriaci e, naturalmente, la comprensione del panorama mediatico nel nostro Paese».

Il signor Kurtz ha vinto la rielezione e questa volta è entrato in una coalizione con il Partito dei Verdi progressisti, un cambiamento che gli ha offerto l’opportunità di liberarsi dallo stigma della sua associazione con l’estrema destra.

Ciò che non è cambiato, tuttavia, è l’elaborato sistema del signor Kurtz per il controllo dei messaggi.

Lo scorso giugno, dopo che la rivista austriaca News ha scritto un articolo che criticava i conservatori sotto Kurtz, il ministero delle Finanze ha rimosso tutti i suoi annunci economici, non solo nelle notizie, ma in tutti i 15 titoli di proprietà del gruppo editoriale VGN.

La perdita è stata di circa 200.000 euro, ha affermato Horst Berker, CEO di VGN.

«Tutti i governi hanno cercato di entrare in possesso dei media importanti», ha spiegato Berker in un’intervista. «Ma Kurtz lo ha portato in una nuova dimensione.»

Kurz, che rimane il leader del partito conservatore, spera ancora di tornare come cancelliere. Ha criticato il sistema giudiziario e ha accusato i pubblici ministeri di essere politicamente motivati. I legislatori a lui fedeli parlano di «globuli rossi» e «reti di sinistra», una sorta di «stato profondo» che combatte i conservatori.

Deriva dal playbook illiberale”, ha detto Peter Beals, autore di The Kurz Regime, un libro pubblicato di recente. È stato gravemente danneggiato e non è probabile che si riprenda. Ma se lo fa, dovremmo preoccuparci tutti».