noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Questo rifugiato siriano vuole giustizia dopo che suo fratello è stato torturato e ucciso da mercenari russi.

Mentre gridava aiuto, lo schernivano in russo, soffocando le sue urla atroci con le risate. Sullo sfondo del video caricato su Internet, viene riprodotta una canzone patriottica militare russa «Io sono le forze speciali russe».

La vittima di questo orribile video è Mohammed, un operaio edile siriano di 31 anni e padre di quattro bambini piccoli, scomparso mentre tornava a casa da un lavoro nel vicino Libano nel marzo 2017.

Le ultime parole di Maometto furono le parole del martirio, la dichiarazione della sua fede islamica.

Gli uomini che hanno ucciso e decapitato Maometto avevano scritte scritte sul petto in cirillico. «Per VDV e ricognizione», ha detto, riferendosi alle forze aeree russe.

Il quotidiano investigativo russo indipendente Novaya Gazeta ha identificato almeno uno degli uomini nel video come un Mercenari del misterioso Gruppo Wagner Un gruppo militare privato con legami con gli oligarchi del Cremlino Evgenij PrigozhinConosciuto come «lo chef di Putin» per i suoi rapporti con il presidente russo.

Il Cremlino nega qualsiasi collegamento con Wagner e insiste sul fatto che le PMC sono illegali in Russia. Prigozhin ha precedentemente negato di avere legami con Wagner. Né lui né nessuno della sua azienda hanno parlato con la CNN negli ultimi anni, nonostante i molteplici tentativi di ottenere commenti, incluso questo rapporto.

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato nel 2019: «Queste persone stanno rischiando la vita, e questo è in generale un contributo alla lotta contro il terrorismo… Ma questo non è lo stato russo, non l’esercito russo».

Le forze russe operano in Siria dal 2015 e ci sono prove evidenti per dimostrare che la presenza di Wagner nel paese è legata allo spiegamento militare della Russia.

Gli analisti dicono che è inconcepibile che Wagner sia esistito senza l’approvazione di Putin. In effetti, il suo campo di addestramento è nel sud della Russia Annesso alla base delle forze speciali russe.
Quattro anni dopo l’uccisione di Maometto, tre ONG di Siria, Francia e Russia hanno presentato un file Caso di alto profilo contro Wagner Per il ruolo che avrebbe avuto nelle atrocità, così come per i possibili crimini di guerra degli uomini visti nel video.
Il La causa è stata intentata a marzo A nome del fratello di Muhammad Abdullah. È la prima volta che qualcuno ha tentato di ritenere un membro di Wagner responsabile di ciò che secondo i gruppi per i diritti è un elenco crescente di atrocità commesse da mercenari, la cui crescente presenza globale ha permesso a Mosca di promuovere una politica estera non ufficiale in alcuni luoghi. Come Siria, Ucraina, Libia, Repubblica Centrafricana, Sudan e Mozambico
Abdullah ha parlato alla CNN da una località sconosciuta per proteggere la sua famiglia, che vive ancora in Siria.

Abdullah, un rifugiato fuggito dalla Siria nel 2017, non ha mai parlato pubblicamente dell’omicidio di suo fratello. Ha rotto il silenzio in un’intervista esclusiva con la CNN, dice, per attirare l’attenzione internazionale sulla tragedia che ha devastato la sua famiglia.

READ  Tredici casi sono stati rilevati nei Paesi Bassi con prevalenza della variante Omicron

Per proteggere i membri della famiglia che ancora vivono in aree controllate dal regime in Siria, Abdullah ha chiesto alla CNN di nascondere la sua piena identità e il luogo dell’intervista.

«Mio fratello è andato e non tornerà mai più», ha detto Abdullah. «Voglio che il mondo sappia del caso di mio fratello, in modo che questi criminali possano essere ritenuti responsabili».

Le ultime telefonate alla famiglia

In una delle ultime telefonate di Maometto, nell’aprile 2017, Abdullah ha raccontato che il regime lo aveva detenuto mentre stava tornando in Siria, dopo aver lavorato in Libano per otto mesi. Ha detto che è stato portato a Damasco e costretto ad arruolarsi nell’esercito, ma aveva intenzione di fuggire.

Dieci giorni dopo, Muhammad chiamò, dicendo che sarebbe stato mandato a Homs il giorno successivo e che sarebbe fuggito di notte.

Era la sua ultima chiamata alla sua famiglia.

Disse: ‘Dai il meglio di me a mio padre e mia madre, e chiedi loro di perdonarmi, e farò qualcosa, e me ne andrò, e non so se potrò tornare da te o no Abdullah ricorda.

Raccontiamo le storie umane della Siria in modo che i vincitori non scrivano la sua storia

Ha detto che suo fratello gli aveva chiesto di «prendersi cura di mia moglie», aggiungendo: «Ti affido la mia famiglia».

«Era quel tipo di discorso, come se sapesse che gli sarebbe successo qualcosa», ha spiegato Abdullah.

Muhammad non ha mai incontrato la sua figlia più giovane.

Con la guerra civile siriana in corso e le connessioni internet e telefoniche scarse nel loro remoto villaggio, era difficile per la famiglia di Mohammed scoprire cosa gli fosse successo.

I suoi cari hanno scoperto il vero orrore della sua tortura solo dopo che un video della sua tortura è apparso su Internet mesi dopo.

«Un giorno un uomo della nostra città mi ha inviato un video, mi ha detto: guarda il video, potrebbe essere tuo fratello. Ovviamente ho riconosciuto mio fratello – dai suoi vestiti, dalla sua voce e dal suo aspetto», ha detto Abdullah e la sua voce fa male. «È stato torturato dai soldati e loro non sono siriani e non capivamo cosa stessero dicendo».

Mentre Muhammad si contorceva dal dolore, i suoi rapitori ridevano mentre lo torturavano.

Abdullah ha raccontato ad altri membri della sua famiglia ciò che ha visto nel video, ma non lo ha condiviso con loro per paura di ciò che potrebbe fare ai loro genitori anziani.

«Quando ho visto il primo video, speravo ancora che fosse ancora vivo», ha detto. «Era stato torturato, ma era vivo e si muoveva. Speravamo che fosse ancora vivo e in ospedale».

Il padre si è recato a Damasco alla ricerca del figlio negli ospedali e nelle carceri della capitale siriana.

«Circa due mesi dopo, è uscito il secondo video, ovvero quando pensavamo che nostro fratello fosse morto», ha detto alla CNN il 27enne, che ora sembra visibilmente sconvolto.

Quando ho visto il secondo video [which showed Mohamad being beheaded], ho soggiornato in una stanza… non ho lasciato la stanza per tre giorni. Non era solo mio fratello maggiore. era mio amico. «Siamo sempre stati insieme», ha detto Abdullah.

READ  La Polonia è stata condannata a pagare una multa di 580.000 dollari per ogni giorno in cui continua a gestire una controversa miniera di carbone

«Il mio (altro) fratello ha avuto una malattia mentale dai video.»

Caso legale storico

Le forze di Wagner sono state usate come punte di diamante in Siria, ma la loro presenza oscura conferisce a Mosca un certo grado di negazione.

Nel febbraio 2018, a L’attacco aereo americano ha ucciso dozzine e ferito centinaia di combattenti Wagner Mentre avanzavano verso un giacimento petrolifero fuori dalla città di confine di Deir Ezzor.
Mosca ha fatto tutto il possibile prendere le distanze dall’incidente, ma quando I corpi dei mercenari russi hanno cominciato a tornare a casaDivenne chiaro che si trattava di un’operazione di Wagner.
Il massacro del giacimento petrolifero di cui Mosca non vuole parlare

La CNN ha parlato con una fonte collegata a Wagner che stava visitando i combattenti feriti al loro ritorno a Mosca. Inoltre, nei giorni successivi all’attacco, un media russo indipendente è andato a visitare la madre di un combattente morto in Siria, e ha confermato che suo figlio non era un normale soldato russo.

Il ministero degli Esteri russo ha solo affermato che questi appaltatori stavano lavorando in modo indipendente e sono andati in Siria da soli.

In Siria, i mercenari sono usati intorno a una compagnia chiamata Evro Polis, che era Firmato dal Tesoro degli Stati Uniti Per essere collegato a Prigozhin. Nel febbraio 2018, la CNN ha ottenuto Copia di un contratto tra Evro Polis e il governo siriano. L’accordo prevedeva che Evropolis avrebbe mantenuto il 25% delle entrate del giacimento petrolifero se fossero state riconquistate dalle aree ribelli. In altre parole, Wagner fa il combattimento e la polizia di Evro mantiene il bottino.

Poiché l’impronta di Wagner è cresciuta in tutto il Medio Oriente e in Africa, la sua principale base di lancio è diventata la base militare russa a Latakia, sulla costa mediterranea della Siria. La CNN e altri ricercatori hanno monitorato la frequenza dei voli provenienti da Latakia verso altri teatri della regione. Un documento ottenuto dalla CNN descrive in dettaglio l’accordo tra Yevgeny Prigozhin e il 223° distaccamento dell’aviazione dell’aeronautica russa per l’uso dei loro aerei.

Ci sono prove crescenti che suggeriscono che il caso di Maometto potrebbe essere solo la punta dell’iceberg.

& # 39;  uccidere i nostri figli'
Un’indagine della CNN a giugno ha rivelato prove di ciò Mercenari russi hanno commesso crimini di guerra e violazioni dei diritti umani nella Repubblica Centrafricana, secondo molti testimoni e leader comunitari.

Il governo russo ha negato le accuse e ha insistito sul fatto che gli appaltatori nella Repubblica Centrafricana erano «disarmati e non prendevano parte alle ostilità». Anche il governo della Repubblica Centrafricana ha negato le accuse, ma ha affermato che l’indagine avrebbe stabilito i fatti.

notizia Il procedimento legale è iniziato a marzo – Dal Centro siriano per i media e la libertà di espressione (SCM), la Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) e il Centro commemorativo per i diritti umani in Russia – ha coinciso con il decimo anniversario della rivolta siriana.

«La denuncia… è un tentativo senza precedenti di colmare il divario dell’impunità e chiedere conto ai sospetti russi», hanno affermato i gruppi per i diritti umani in una nota.

READ  La figlia di Duterte si unisce a Marcos Jr. come deputato alle elezioni presidenziali filippine

Hanno affermato che «gli attivisti siriani e le vittime delle atrocità commesse da tutte le parti in conflitto in Siria hanno lavorato instancabilmente dal 2011 per ottenere la responsabilità», aggiungendo: «Ci sono strade limitate per le vittime e le loro famiglie per ottenere giustizia e risarcimento».

L’ICC non ha giurisdizione in Siria, poiché il paese non è firmatario dello Statuto di Roma, lasciando innumerevoli vittime del conflitto con poche opzioni per chiedere la responsabilità.

I veterinari russi cercano di far uscire dal freddo i mercenari del Cremlino

Nella loro ricerca di giustizia, i siriani si rivolgono sempre più ai tribunali europei – specialmente quelli in Germania e Francia – sotto il concetto di «giurisdizione universale».

Attribuisce a un tribunale nazionale giurisdizione sui reati gravi contro il diritto internazionale, anche quando non sono commessi sul territorio del paese.

All’inizio di quest’anno, a Un tribunale tedesco ha condannato un ex ufficiale siriano Con l’accusa di crimini contro l’umanità, nel primo processo in assoluto a persone legate al regime a Damasco. Un altro è ancora sotto processo.

Clemens Pickart, un avvocato della FIDH, ha affermato di aver scelto di archiviare questo caso in Russia a causa della «opportunità unica dovuta alla forte base giuridica per rivendicare la giurisdizione in Russia… questo è il tribunale normale per questo caso».

«Stiamo parlando di autori russi, persone che possono essere arrestate in Russia se c’è un desiderio politico e giudiziario di portare avanti il ​​caso. La giurisdizione universale dovrebbe sempre essere considerata come l’ultima risorsa», ha aggiunto Beckart.

Finora, non c’è stato alcun movimento sulla causa di Abdullah a Mosca.

Una richiesta simile è stata negata nel 2019 da Novaya Gazeta al principale organo investigativo russo – il comitato investigativo – per aprire un’indagine sulle sue scoperte nel caso Muhammed.

Abdullah non aveva mai sentito parlare di Wagner. Dice che vuole solo che i carnefici di suo fratello siano ritenuti responsabili.

«Se qualcuno non avesse dato loro il via libera, non avrebbero fatto una cosa del genere», ha detto. Non saremo come loro [that] cosa è successo a mio fratello? [also] succede a loro, [but] Il minimo che si meritano è il carcere».

Abdullah afferma che la morte di suo fratello lo ha lasciato di fronte a una serie di sfide, dal prendersi cura della moglie e dei figli di Muhammad all’affrontare lo shock dell’orrore a cui ha assistito in quei video.

Lo conduce anche in una lunga e pericolosa ricerca di giustizia contro un misterioso nemico senza volto. Ma pensa che valga la pena rischiare.

Disse: «Non sono preoccupato per me stesso». «Voglio solo che siano ritenuti responsabili, anche se mi costa la vita».

Iyad Kurdi della CNN ha contribuito a questo rapporto.