agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nell’ultimo pasto frugale di un uomo 2.400 anni fa, gli scienziati vedono segni di sacrificio umano

Quando un uomo di Tollund è stato scoperto in una palude in Danimarca 71 anni fa, era così ben conservato che coloro che lo hanno scoperto credevano che fosse vittima di un recente omicidio.

Ci sono voluti gli archeologi per rivelare che è stato scaricato nella palude quasi 2.400 anni fa e che è stato impiccato per la prima volta: il cappio di pelle animale intrecciata era ancora intorno al suo collo. La precisa disposizione del corpo e del viso – i suoi occhi chiusi e il debole sorriso – suggerisce che potrebbe essere stato ucciso come sacrificio umano, piuttosto che giustiziato come criminale.

Il suggerimento che l’uomo di Tollund sia stato ucciso come sacrificio umano è ora rafforzato dallo studio dell’ultimo pasto frugale del condannato, che è stato fatto da un’indagine dettagliata sul contenuto del suo apparato digerente: porridge di orzo, lino e cavaliere pallido .

L’archeologa Nina Nielsen, capo della ricerca al Museo Silkeborg in Danimarca e autrice principale di The Pale Mare Seed, è la prova del mistero dell’omicidio dell’età del ferro. Lo studio è stato pubblicato martedì.

L’intestino crasso di un uomo di Tollund.Museo Nazionale Danese

La pianta cresce spontaneamente tra le colture di orzo, ma le prove dei depositi di grano dell’età del ferro mostrano che veniva solitamente pulita come erbaccia durante la trebbiatura. Ciò suggerisce che faceva parte dello “spreco della lezione” che è stato intenzionalmente aggiunto al porridge – forse come parte di un pasto rituale per i condannati a morte mediante sacrificio umano.

Era solo un pasto normale? O l’erba medica era qualcosa che includevi solo quando le persone stavano mangiando un pasto rituale? Non lo sappiamo”, ha detto Nielsen.

READ  Il naufragio al largo dello Sri Lanka potrebbe diventare un disastro permanente: NPR

Il contenuto intestinale conservato dell’uomo di Tollund è stato esaminato poco dopo il suo ritrovamento. Ma il nuovo studio rivede questo esame iniziale con tecniche e strumenti archeologici molto migliorati.

“Negli anni ’50, hanno esaminato solo cereali e semi ben conservati, non la parte molto fine della sostanza”, ha detto Nielsen. “Ma ora abbiamo microscopi migliori, modi migliori per analizzare i materiali e nuove tecnologie. Ciò significa che possiamo ottenere maggiori informazioni da esso”.

Oltre a rivelare prove di scarti della trebbiatura aggiunti al suo ultimo pasto, i ricercatori hanno scoperto che potrebbe essere stato cotto in una pentola di terracotta – pezzi di crosta troppo cotta possono essere visti nelle reliquie – e che ha mangiato anche pesce. Hanno anche scoperto che soffriva di numerose infezioni parassitarie quando è morto, ha detto Nielsen, compresi i cestodi – forse da una dieta regolare di carne poco cotta e acqua contaminata.

Contenuto intestinale di Tollund Man.NH Nielsen

L’Uomo di Tollund è uno delle dozzine di corpi palustri dell’età del ferro tra circa 2.500 e 1.500 anni che sono stati trovati in tutto il nord Europa. Sono stati mummificati nelle paludi a causa dei bassi livelli di ossigeno e delle basse temperature e l’acqua è diventata acida a causa degli strati di vegetazione in decomposizione o torba lì.

Pare che alcuni di loro siano stati vittime di incidenti, forse persone annegate dopo essere cadute in acqua. Ma la maggior parte di loro, come l’Uomo di Tollund, sono stati deliberatamente uccisi e sommersi, i loro corpi e i loro lineamenti accuratamente disposti. Gli archeologi credono che siano stati scelti come sacrifici umani, forse per evitare una catastrofe imminente come la carestia.

READ  Il Messico seppellisce i reperti archeologici a causa dei costi del virus

Miranda Aldhaus Green, Professore Emerito di Storia, Archeologia e Religione all’Università di Cardiff, Regno Unito e autrice di Alla scoperta delle paludi: risolvere l’antico mistero dell’Europa ا, “I semi opachi della cavalla e altre tracce di rifiuti della trebbiatura nell’ultimo porridge di Toland sono un’ulteriore prova che è stato sacrificato.

“Questo rafforza l’idea che si vergognasse di aver ricevuto qualcosa di disgustoso e orribile da mangiare, o riflette in realtà il fatto che la società era in una spirale discendente in cui il cibo scarseggiava”, ha detto.

L’idea che le vittime dei sacrifici umani si vergognassero in qualche modo prima della morte, ha detto, si rifletteva anche nella loro sepoltura nelle paludi, piuttosto che nelle solite sepolture nei cimiteri e nelle tombe a secco.

Le proprietà di conservazione delle paludi erano ben note alle persone nell’età del ferro – molti oggetti archeologici di quel tempo, inclusi costosi pezzi di ceramica, erano anche depositati lì – e la conservazione del corpo della palude può essere intesa per impedire che si unisca ai suoi antenati. Le paludi erano viste come portali per un altro mondo.

“Se metti un corpo in una palude, non si decomporrà: rimarrà tra il mondo dei vivi e quello dei morti”, ha detto Aldhaus Green.

Componenti dell’ultimo pasto di un uomo di Tollund in quantità relative: a) Semi d’orzo. b) varsicaria pallida; c) Frammenti di orzo. D) biancheria. e) cannabis nera f) i semi della “gallina grassa”; g) sabbia h) pianta di canapa. I) Camilina. j) Mais di spore. k) campo di viole del pensiero. PS Henriksen / Il Museo Nazionale Danese

Ci sono prove che i rifiuti della trebbiatura siano stati aggiunti all’ultimo pasto di un altro corpo paludoso dell’età del ferro trovato in Danimarca nel 1952, il corpo dell’uomo Grauballe, che si crede sia stato anche ucciso come sacrificio umano. Nielsen ha detto che sebbene siano stati trovati più di 100 corpi di palude, solo 12 sono stati conservati abbastanza bene da analizzare i loro ultimi pasti, e ora spera di cercare ulteriori prove della pratica rituale.

READ  Il miliardario cinese condannato a 18 anni per "aver causato problemi"

Tollund Man ora occupa una teca di vetro in una mostra speciale al Silkeborg Museum, dove Nielsen può vederlo quasi ogni giorno.

“Ti trovi faccia a faccia con qualcuno del passato”, ha detto. “Ha 2.400 anni, è davvero fantastico.”