octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Phoenix Suns segue l’esempio di Chris Paul nella vittoria delle finali NBA di Game 1

PHOENIX – Dopo aver aspettato 16 anni per raggiungere le NBA Finals per la prima volta nella sua carriera, i Phoenix Suns ora sono portiere Chris Paul Si è ritrovato senza una palla da basket da guardare in TV mentre cercava di ammazzare il tempo nei giorni e nelle ore che precedono la prima partita di martedì.

“Li stavo guardando il calcio”, ha detto Paul dopo la vittoria per 118-105 dei Suns sui Milwaukee Bucks. “Ho guardato una partita di hockey la scorsa notte. Lo guardo, tipo, ‘Accidenti, come fanno a sapere che lo passeranno lì?'” E potrebbero pensare la stessa cosa con noi. Ma lo facciamo molto e abbiamo visto quasi tutte le copertine che potresti vedere, quindi è una seconda natura”.

La ricca esperienza di Paul ha anche reso naturale per l’allenatore dei Suns Monty Williams vedere la sua base superare la difesa dei Bucks nel terzo quarto – ha segnato 16 dei suoi 32 punti con un tiro 6 su 7 – perché si fida implicitamente di Williams che Paul esegua la condanna a morte per la loro squadra.

“Quando le cose vanno così, vuoi solo lasciare un po’ di spazio a terra e lasciarlo coordinare”, ha detto Williams dopo che la sua squadra è avanzata 1-0 per la quarta volta nelle quattro serie che giocheranno in questa post-season. “Pensavo che stesse facendo le giocate giuste.

“Pagherebbe, e quando è in quella posizione, ci nutriamo di quello”.

Parte dell’esplosione offensiva di Paul è venuta dallo sfruttamento degli schemi di diversione dei Bucks. A poco meno di 3 minuti e mezzo dalla fine del terzo inning e Phoenix ha iniziato a ritirarsi, a metà del Milwaukee Bobby Portez Si è ritrovato sostituito da Paul dopo l’arco da 3 punti.

READ  Devin Booker dice che il naso rotto era orribile, 8 colpi e "l'hanno rotto di nuovo!"

Il Paul alto un metro e ottanta è rotolato indietro quasi fino alla linea di metà campo come un gioco di vento pronto a entrare in azione e poi ha attaccato Portes alto un metro e ottanta, scatenando un dribbling dall’interno verso l’esterno, seguito da un crossover, seguita da una mossa riluttante per far saltare in aria dallo sfortunato ragazzone Bucks mentre Paul lo incoronava in sequenza con un rotolo di dita per aumentare Phoenix di 18.

“Dobbiamo punire le squadre per il passaggio da 1 a 5 in questo modo”, ha detto. Devin BookerChe ha versato 27 punti da solo. “Come ho appena sentito dire da Chris, ci prepariamo per qualsiasi tipo di difesa e guardiamo molto il basket, e dove abbiamo avuto più successo in quella situazione è lo spazio. Quindi ogni volta che lo colpisce, pensiamo che vada in .”

L’allenatore dei Bucks Mike Budenholzer ha ammesso che Paul ha reso inefficace la loro difesa.

“Sì, è un buon giocatore”, ha detto Budenholzer, rendendo ovvio. “Il loro gioco pick-and-roll è difficile da proteggere. Penso che dobbiamo continuare a migliorare. Dobbiamo continuare a guardare il film e vedere come possiamo forse rimuovere un po’ del tempo, o metterlo in un posto in cui è non facilmente accessibile. Questa sarà una parte importante della ricerca tra il gioco 1 e il gioco 2.

Paul e Booker sono diventati il ​​terzo gruppo di compagni di squadra ad avere 25 o più punti nel loro debutto finale dal 1980, secondo una ricerca di ESPN Stats & Information, e si sono uniti a Oklahoma City Kevin Durant E il Russell Westbrook (2012) e Shaquille O’Neal e Anvernee Hardaway a Orlando (1995).

READ  I net affermano che Kyrie Irving non è idoneo a giocare: aggiornamenti sul coronavirus: NPR

Sono stati particolarmente devastanti quando ha preso il posto di difendere i Bucks in opportunità di isolamento. Sono usciti da 12 a 19 per isolamento, secondo i dati compilati da ESPN Stats & Information, che è la maggior parte dei loro tentativi e tentativi in ​​qualsiasi gioco da quando sono diventati compagni di squadra la scorsa stagione.

È stata una grande transizione per Paul, in particolare, dalle finali della Western Conference quando i Los Angeles Clippers hanno chiuso in gara 6 con 41 punti. I 73 punti sono i più alti che ha accumulato in due partite nella sua carriera post-season, ed è diventato il quarto giocatore nella storia della lega, unendosi a due ex grandi dei Suns come Steve Nash, Kevin Johnson e un collega tuttofare. A Oscar Robertson – per un totale di 70 punti extra sul 65% di tiri e 15 assist in due partite di playoff.

“Chris Paul, era un secchio, amico”, ha detto Booker. “Voglio dire, ovviamente condivide la sua squadra, è il più grande capitano che abbia mai giocato a questa partita. Ma è stato un secchio per troppo tempo. E i sei anni in cui ha giocato contro di lui, o cinque anni in cui ha giocato contro di lui, lo capisci. Non esiste un rapporto esplorativo che dica che Chris Paul non può ottenere un secchio”.

Paul ha atteso a lungo la gara 1 delle finali NBA. E poi non ha aspettato di lasciare il segno appena entrato.

“È solo un ottimo giocatore di basket”, ha detto Williams. “È uno di quei rari ragazzi che riesce a vedere il campo e sa dove devono essere tutti e cinque i giocatori. Ha preso le sue possibilità stasera in cambio di cambiare difesa e fortunatamente ha preso i tiri.

READ  Rapporti: i Dodgers acquisiscono Max Scherzer e Tria Turner dai Nationals