agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché Venere diventerà presto il luogo più eccitante del sistema solare

Venere vista dalla Stazione Spaziale Internazionale nel 2015.

Venere vista dalla Stazione Spaziale Internazionale nel 2015.
immagine: NASA/JAXA

È caldo. È Sam. Gira all’indietro ed è coperto di vulcani. Ci andremo presto. Tre missioni su Venere, recentemente annunciate dalla NASA e dall’Agenzia spaziale europea, riveleranno più di quanto abbiamo mai saputo su un pianeta in fiamme, un luogo che molti scienziati descrivono come il gemello malvagio della Terra.

Nelle ultime settimane, le due missioni Venere della NASA sono state illuminate di verde, Verità, onestà E il Da Vinci +, mentre l’Agenzia spaziale europea ha annunciato un veicolo spaziale chiamato Venus Immaginare. Già, gli scienziati planetari si rallegrano delle possibilità. Abbiamo parlato con diversi esperti del motivo per cui Venere è così eccitata.

“Ha appena iniziato a scioccarmi cosa significhi”, ha detto in una videochiamata Paul Byrne, uno scienziato planetario della North Carolina State University. “Perderò la mia cucciolata ogni volta che esce una nuova foglia.” Il motivo per cui torniamo su Venere, ha detto, è principalmente per capire perché il pianeta è “nostro fratello, non nostro gemello”.

“Come fai ad avere un pianeta più o meno delle stesse dimensioni della Terra, fatto all’incirca della stessa sostanza, con all’incirca le stesse composizioni, in orbita intorno alla stessa stella e con la stessa età? come fai ad avere due mondi che sono gli stessi sulla carta , e sono ancora molto diversi?” ha spiegato Byrne. “EnVision, VERITAS e DAVINCI+ forniranno una base incredibilmente solida e inaspettata su come affrontare questa domanda.”

Alcune percezioni estetiche dell'arrivo di DAVINCI+ su Venere.

Alcune percezioni estetiche dell’arrivo di DAVINCI+ su Venere.
Una precisazione: Visualizza NASA GSFC e CI Labs Michael Lentz e colleghi

Veritas della NASA è un orbiter che navigherà attraverso le spesse nuvole di Venere per comprendere la topografia del pianeta, la chimica della superficie e persino approfondire il pianeta per comprenderne i processi geologici. La seconda missione dell’agenzia, DAVINCI+, consisterà in una sonda che scenderà attraverso l’atmosfera di Venere, preleverà campioni di chimica, vento e pressione e persino acquisirà immagini ad alta risoluzione di una singola regione del pianeta: un enorme aggiornamento rispetto alle uniche immagini di superficie di Venere presa finora, l’ultima delle quali è stata dalle missioni dell’Unione Sovietica per quasi 40 anni. EnVision dell’ESA, anch’esso un orbiter, esaminerà l’interno e l’atmosfera del pianeta, integrando gli obiettivi di entrambe le missioni della NASA. Tutti sono programmati per essere lanciati tra il 2038 e il 2031.

“Sono rimasta un po’ confusa per tutto il giorno dopo aver sentito l’annuncio”, ha detto in una e-mail Katie Cooper, una scienziata planetaria della Washington State University specializzata in evoluzione tettonica. “Sono particolarmente entusiasta di saperne di più sugli altopiani di Venere, che sono analoghi interessanti ma impegnativi dei grandi altopiani della Terra. Sulla Terra, altopiani come l’altopiano tibetano o l’altopiano Altiplano hanno le loro origini nel movimento delle placche tettoniche, ma potrebbe non essere così su un pianeta Flower”.

Ciò che abbiamo appreso, ha aggiunto Cooper, “non solo ci darà informazioni su Venere, ma ci darà anche periodi tettonici a placche precedenti nella storia della Terra”.

Venere è ricoperta di ruvide caratteristiche terrestri chiamate piccolo pezzo di legno. Questi piccoli frammenti costituiscono fasce di Venere come l’Alpha Regio, un vasto altopiano grande due volte il Texas che DAVINCI+ fotograferebbe. Fino ad ora, i minuscoli pezzi sono stati un mistero per gli scienziati, che non disponevano del tipo di dati che indicassero come si fossero formati questi minuscoli pezzi su Venere o quanti anni avessero.

“Siamo per Venere oggi come lo eravamo per Marte negli anni ’80”, ha detto Byrne. “E negli anni successivi, siamo arrivati ​​a comprendere Marte come un mondo molto più complesso e interessante. E non c’è dubbio nella mia mente che questo è ciò che accadrà a Venere”.

Poi ci sono i vulcani. Queste enormi verruche sulla superficie del pianeta potrebbero essere tutte dormienti o si stanno ancora allontanando. È un’altra faccia incomprensibile del pianeta, avvolta dalle nuvole e non visitata da vicino da uno strumento della NASA dalla missione Magellan, terminata nel 1994. Anche la lava sul pianeta e il suo ruolo nel plasmare la superficie di Venere è Non ben compreso e discusso a fondo, compreso quando la lava riapparve e si raffreddò e se riapparve tutta in una volta o in frammenti.

I vulcani come Sapas Mons, visualizzati qui da più dati di missione, sono destinati ad essere un argomento caldo.

I vulcani come Sapas Mons, visualizzati qui da più dati di missione, sono destinati ad essere un argomento caldo.
immagine: NASA/JPL

“Come vulcanologo, sono molto affascinato dai processi vulcanici che si sono verificati (e potrebbero ancora verificarsi!) Su Venere”, ha detto in una e-mail Inat Lev, sismologo e vulcanologo presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University. . “Torta di cupole di lava! Flussi di lava ultra lunghi! La piena emergenza della lava! Cosa non è eccitante?! ”

Leaf ha aggiunto: “Sono sicuro che le nuove osservazioni della superficie di Venere che VERITAS raccoglierà ci insegneranno molto su tutti questi processi unici, e forse sul vulcanismo estremo (cioè alta pressione, alta temperatura, lava molto fluida) su Terra ora e nel lontano passato.”

Un altro mistero è la densa atmosfera floreale, manto Prelievo di anidride carbonica e acido solforico Finora questo ha oscurato le domande più eccitanti sulla natura del pianeta. DAVINCI+ mirerà a esplorare questa zuppa densa e misteriosa, in particolare misurando la composizione e la struttura dell’atmosfera – “cos’è e dov’è”, Hannah Wakeford, un’astrofisica specializzata in atmosfere di esopianeti presso l’Università di Bristol, ha spiegato in un’email.

“Saresti stupito dalle cose che possiamo capire da queste due semplici cose”, ha detto Wakeford. “Questi ci diranno come l’intera atmosfera è correlata l’una all’altra. La parte inferiore vicino alla Terra influisce su ciò che misuriamo in alto nelle nuvole? Se ciò accade, avrà enormi implicazioni per le misurazioni che possiamo effettuare le atmosfere degli esopianeti, dove vediamo solo la parte superiore dell’atmosfera. Venere può dirci se ciò che stiamo misurando può darci ulteriori informazioni sulle condizioni della Terra e se assomiglia o meno al nostro pianeta”.

Venere è stata fotografata alla luce ultravioletta da Mariner 10 nel 1974 e la sua atmosfera densa e nuvolosa era evidente.

Venere è stata fotografata alla luce ultravioletta da Mariner 10 nel 1974 e la sua atmosfera densa e nuvolosa era evidente.
immagine: NASA

Forse ricorderai che l’anno scorso c’era un piccolo file القليل in forma sull’apparente rilevamento di fosfina, un potenziale biomarcatore, in alcune nubi relativamente temperate nell’atmosfera di Venere. Questa passione è stata veloce dimmer Quando i risultati non possono essere riprodotti. Venere non è un forte candidato per ospitare la vita aliena, a differenza di altri luoghi del sistema solare, come alcune delle lune oceaniche intorno a Saturno e Giove. Ma ci sono alcuni scienziati che sostengono ancora che la vita microbica possa esistere nelle nuvole di Venere. di recente Modello climatico della NASA Ha suggerito che Venere avrebbe potuto essere abitabile nella sua prima storia e persino oceani di acqua liquida, anche se oggi non c’è traccia di quegli oceani. “La perdita dell’oceano potrebbe essere geologicamente recente –“Forse solo nell’ultimo miliardo di anni”, ha detto in una e-mail David Grinspoon, un astrobiologo del Planetary Science Institute. “Ciò significa che il nostro sistema solare *forse* ha avuto due pianeti con oceani e vita superficiale, seduti uno accanto all’altro, per la maggior parte della storia del sistema solare”.

È probabile che le prossime tre missioni miglioreranno la nostra comprensione del fatto che la vita possa andare avanti Anche Forse su Venere, ma nessuna delle spedizioni è alla ricerca esplicita di prove di vita. Ahimè.

Ci sono molte caratteristiche confuse su Venere Gli scienziati sono appassionati di osservazione e interpretazioneE sono ugualmente incuriositi A proposito di ciò che queste caratteristiche possono rivelare sull’evoluzione della Terra verso L’oasi di oggi. La cosa bella di tuo fratello che ottiene un test del DNA, ovviamente, è che impari a conoscere la tua storia nel processo.

Di più: Diavolo sì, stiamo andando su Venere

READ  Gli scienziati hanno scoperto un vulcano attivo sulla superficie di Marte