agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Cambiamento climatico: lo studio mostra che la quantità di calore intrappolata dalla Terra è raddoppiata in soli 15 anni

Norman Loeb, scienziato della NASA e autore principale dello studio, ha dichiarato: “È più energia consumata dal pianeta, quindi ciò significherà più aumenti della temperatura e più scioglimento del ghiaccio marino e della neve, il che porterà ad un aumento del livello del mare – tutto cose a cui la società tiene davvero.” .

Lo studio, pubblicato questa settimana in Journal of Geophysical Research LettersHa scoperto che quello che è noto come squilibrio energetico della Terra – la differenza tra quanta energia dal Sole viene assorbita da un pianeta e quanta energia viene irradiata nello spazio – è quasi raddoppiata dal 2005 al 2019. Il risultato è stato “sorprendente”, secondo al gruppo di ricerca ha scritto.

La vita sulla Terra non può esistere senza l’energia del sole, ma è importante quanta di questa energia viene irradiata nello spazio. È un delicato equilibrio che determina il clima del pianeta.

Oltre all’aumento delle temperature globali, l’effetto più evidente di uno squilibrio positivo, “vedremo cambiamenti nei cicli atmosferici inclusi eventi più estremi come la siccità”, ha detto Loeb alla CNN.

Utilizzando i dati satellitari per misurare lo squilibrio, gli scienziati hanno scoperto che la Terra sta guadagnando più energia di quanto dovrebbe e provocando un maggiore riscaldamento del pianeta, noto anche come squilibrio energetico positivo.

Circa il 90% dell’energia in eccesso derivante da questo squilibrio finisce nell’oceano. E l’aumento delle temperature oceaniche sta aumentando il pH, influenzando i pesci e altra biodiversità marina. Quando i ricercatori hanno confrontato le misurazioni satellitari con i dati di una serie globale di sensori oceanici, i risultati hanno mostrato una tendenza simile. Nel frattempo, l’energia rimanente rimane nell’atmosfera.

READ  La misteriosa origine dell'aurora boreale è stata dimostrata

I ricercatori riferiscono che la causa di questo squilibrio energetico è certamente in parte dovuta alle emissioni di gas serra causate dall’uomo. Sono anche influenzati da alcuni dei circuiti di feedback positivi del cambiamento climatico: all’aumentare della temperatura globale, aumenta anche la quantità di vapore acqueo nell’atmosfera, che aumenta la temperatura. Anche lo scioglimento delle masse di ghiaccio e del ghiaccio marino, i riflettori naturali dell’energia solare, sta diminuendo a causa del riscaldamento globale.

Un altro fattore che contribuisce a come Oscillazione decennale del Pacifico – Spesso descritto come un modello climatico a lungo termine simile a El Niño nell’Oceano Pacifico – è rimasto in una fase estremamente calda dal 2014 al 2020. A causa di questo brusco passaggio da una fase fredda a una fase calda estesa, la copertura nuvolosa sul l’oceano è scemato, permettendo all’oceano Quiet di assorbire più radiazioni solari.

“Sono i cambiamenti causati dall’uomo che alterano la composizione dell’atmosfera, così come le fluttuazioni dei sistemi climatici”, ha detto Loeb. “Le note sono tutte confuse insieme.”

Per quanto riguarda Siccità storica in Occidente e il calore estremo, lo studio avverte che la quantità di calore che la Terra intrappola deve diminuire, o che il cambiamento climatico continuerà a peggiorare.

Loeb ha descritto il periodo di tempo scelto dal suo team, dal 2005 al 2019, come solo un’istantanea di ciò che verrà in termini di impatti climatici, aggiungendo che sono necessari ulteriori studi e osservazioni a lungo termine per comprendere appieno la tendenza a lungo termine .

“La mia speranza è che il tasso che stiamo vedendo in questo squilibrio energetico diminuirà nei prossimi decenni”, ha detto Loeb. Altrimenti, assisteremo a cambiamenti climatici più allarmanti.

READ  I dati del CDC mostrano che meno dello 0,001% degli americani completamente vaccinati è morto dopo un caso rivoluzionario di Covid-19