agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mentre l’epidemia rallenta negli Stati Uniti, la battaglia contro la sindrome post-Covid continua

Nel caso di Saag, il Covid-19 non è mai stato così grave da dover essere ricoverato in ospedale, ma ha trascorso 15 giorni isolato nella sua stanza e le sue condizioni sono migliorate, soprattutto.

La sua nebbia cerebrale continuava. Si esaurisce facilmente. Il suo cuore batte forte. Questi sintomi sono persistiti per sei settimane dopo l’infezione.

Sag ha detto di aver incontrato altri pazienti con sintomi persistenti che si sentono anche frustrati.

“Sono andati dai loro fornitori che hanno detto: ‘Questo è nella tua testa, o questo non è nulla di cui preoccuparsi, ma era molto profondo'”, ha detto Sage.

A volte le persone chiamano l’esperienza “trasporto a lunga distanza” covid lungoE il dopo il covid circostanze, sindrome post covid – Non esiste un nome stabile. Non ci sono nemmeno test diagnostici, trattamenti specifici e pillole da prendere. E mentre la ricerca continua, non ci sono ancora grandi studi clinici sottoposti a revisione paritaria che siano d’oro.

Alcune persone migliorano da sole nel tempo o i sintomi possono essere curati, ma per altre il recupero rimane sfuggente.

questa settimana , Associazione medica americana Ha adottato una politica per educare medici e studenti sulle sindromi post-virali dopo il Covid-19.
Anche questa settimana ha pubblicato anche il CDC percorso temporaneo Ha lo scopo di aiutare i medici a valutare meglio i pazienti con condizioni post-Covid, anche con molta incertezza intorno a loro.

100 sintomi e un po’ di coerenza

Post-Covid è un termine generico che descrive una varietà di problemi fisici e mentali che possono seguire quattro o più settimane dopo aver contratto il Covid-19, Secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie.
esistere forse centinaia I sintomi includono mancanza di respiro, affaticamento, mal di testa, febbre, ansia, depressione, dolore, perdita del gusto e dell’olfatto, difficoltà di pensiero, battito cardiaco accelerato e molti altri.

I sintomi non sono coerenti. I medici non possono prevedere quali sintomi avrà qualcuno o chi li avrà, e i sintomi possono cambiare nel tempo, andare via e poi tornare.

Le donne potrebbero essere più suscettibili al Covid-19 di cui nessuno parla
A volte la correzione sembra relativamente semplice. Dott. Mitchell Miglis, specialista in disturbi del sistema nervoso autonomo che lavora con pazienti post-Covid in Stanford Healthcare Ha detto che ci sono casi in cui ricorda alle persone di guardare il loro sale, aumentare i loro liquidi o prescrivere beta-bloccanti e alla fine migliorare.

“Prima cerchiamo di controllare i sintomi e poi lo usiamo come ponte per renderli più attivi fisicamente e poi trattiamo tutti gli ingredienti che possiamo”, ha detto Miglis.

READ  L'archivio e l'ufficio di Stephen Hawking sono stati acquisiti dai giganti della cultura britannica in un accordo fiscale del valore di milioni

Ma non tutti i sintomi sono facili da trattare. “Non abbiamo davvero un singolo trattamento che tratti la malattia di base, perché ancora non sappiamo cosa stia causando la malattia di base”, ha detto Miglis.

Milioni potrebbero essere colpiti

Non è nemmeno del tutto chiaro quante persone ce l’abbiano. Ad aprile, il Direttore del National Institutes of Health Il dottor Francis Collins Ha detto al Congresso che una ricerca preliminare ha rilevato che circa il 10-30% delle persone che contraggono Covid-19 può sviluppare problemi di salute a lungo termine.
Studia un white paper da buona salute Martedì è stato pubblicato che ha esaminato i registri delle assicurazioni private di quasi due milioni di pazienti Covid-19 e ha concluso che quasi un quarto di loro, il 23,2%, aveva almeno un caso post-Covid 30 o più giorni dopo la diagnosi iniziale. Con oltre 33 milioni di casi di Covid-19 negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia, potrebbero essercene milioni con sintomi persistenti.
L'infezione da Covid-19 lascia grandi spese mediche per alcuni sopravvissuti
“Questo potrebbe essere un eufemismo”, ha detto. Leonard Jason, un professore di psicologia che sta lavorando a un caso cervello annebbiato Con i pazienti post-Covid alla DePaul University di Chicago. Vuole che i medici prestino attenzione a questi pazienti in modo che possano ricevere le cure giuste.

“È probabile che ci siano molte persone che hanno avuto questo e non sono state identificate. Questo è un problema, come facciamo a stabilire i parametri di cosa significa essere un viaggiatore a lunga distanza?” disse Giasone. “Non c’è molto consenso a questo punto, il che è un problema”.

Chi sono gli inciampatori a lunga distanza?

Lo studio FAIR Health che ha esaminato i registri assicurativi tra febbraio e dicembre 2020 ha rilevato che i casi post-Covid erano più comuni tra i pazienti con Covid-19 più grave, ma che una percentuale “significativa” di casi asintomatici presentava anche sintomi a lungo termine. Ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche.

READ  NASA e USPS: nuovi francobolli celebrano un decennio di osservazione del sole dallo spazio

La maggior parte dei casi post-Covid studiati erano più comuni nelle donne, tuttavia c’erano 12 sintomi più comuni negli uomini.

“Sono rimasto colpito dal numero di persone senza condizioni di base, infatti, i giovani maratoneti tra i venti e i trent’anni. Sono tornati con condizioni post-Covid in cui a volte avevano problemi a stare in bagno”, ha detto Sag di alcuni dei i pazienti che ha curato…

Cosa si sta facendo

A febbraio, il National Institutes of Health ha lanciato un’iniziativa per identificare la causa, la prevenzione e il trattamento della condizione post-Covid. in dicembre, Presentato il Congresso 1,15 miliardi di dollari in finanziamenti in quattro anni per sostenere la ricerca del National Institutes of Health.

La politica dell’American Medical Association adottata questa settimana richiede anche maggiori finanziamenti per la ricerca, la prevenzione, il controllo e il trattamento.

Attualmente, una persona con sintomi prolungati di Covid potrebbe essere in grado di ricevere cure dal proprio medico di base o da una delle cliniche di assistenza post-Covid che sono state aperte in tutto il paese. durante chiamare con i medici Questa settimana, il CDC ha affermato che la maggior parte dei casi può essere identificata e gestita dal medico di base di una persona, in coordinamento con specialisti e tali cliniche.

Le cliniche post-Covid vedono segni di speranza

Monte Sinai Centro di assistenza post-covid a New York, Una delle prime cliniche ad essere avviata, era occupata. A febbraio, i medici avevano già visitato 1.600 pazienti. Questi giorni, David Porteno, a Fisioterapista Chi aiuta i pazienti nella gestione della clinica, sente un nuovo senso di speranza.

“Quando parlavo con i media tre mesi fa, dicevo che tutti stanno migliorando e siamo incoraggiati da come stanno migliorando, ma non c’è una sola persona oltre Covid”, ha detto Portino. “Ora, dopo mesi e mesi di lavoro e perfezionamento, abbiamo dozzine di persone che abbiamo rilasciato ora che ci dicono che si sentivano allo stesso modo che si sentivano prima del Covid. Questo è un nuovo sviluppo”.

READ  Nessuna maschera al lavoro? La proposta della California dice che i dipendenti non devono farlo, se tutti vengono vaccinati

Per molti pazienti non è stato facile. Ha detto che ha avuto una media di 100 giorni di trattamento. “È un processo lungo, un trattamento molto lento e molto graduale, due volte a settimana, e le persone devono apportare molti aggiustamenti comportamentali e di stile di vita lungo il percorso per evitare fattori scatenanti ed esacerbazioni dei sintomi”, ha detto Portino. “Ma sai, siamo incoraggiati dal fatto che finalmente stiamo ottenendo un po’ di slancio”.

Non tutti impiegano così tanto tempo per guarire. Dott. Panagis Galyatsatos, un pneumologo e medico di terapia intensiva che cura i pazienti in Johns Hopkins Postcare Center per Covid-19 La clinica ha detto che alcune persone migliorano in circa tre mesi.

“Dì loro che è come quando ti rompi un osso. Se rimuoviamo il gesso, non sarà pronto per funzionare subito. Devi riabilitarlo e sarà scomodo, ma lo sarà”, ha detto Galyatsatos .

Un’altra categoria di pazienti presenta sintomi curabili più specifici del polmone, come l’asma.

“Tutto, dal cervello ai piedi, può essere influenzato”, ha detto Galyatsatos. Alcune persone hanno anche bisogno di cure per la salute mentale.

“L’ultima categoria di pazienti che vediamo mostra sintomi sproporzionati rispetto all’effettivo processo patologico di cui siamo a conoscenza”, ha detto Galyatsatos. Dice loro che lo scopriranno insieme.

Un paziente che ha curato lo ha paragonato al modo in cui i medici hanno trattato l’AIDS negli anni ’80.

“A volte dobbiamo fare alcune cose fuori dagli schemi e pensare a come aiutare al meglio”, ha detto Galyatsatos. “Ma ho fiducia che possiamo.”