octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Morto a 84 anni Abdelaziz Bouteflika, il presidente più alto d’Algeria

ALGERI – Abdelaziz Bouteflika, che si è unito alla guerra del suo Paese contro il dominio coloniale francese negli anni ’50, è morto come ministro degli Esteri all’età di 26 anni, è stato esiliato in esilio con l’accusa di corruzione e poi è tornato per aiutare a tirare fuori la nazione dalla guerra civile, secondo al reportage TV di Stato ha riferito. Venerdì. Aveva 84 anni.

Bouteflika, che è stato costretto a dimettersi dalla presidenza nel 2019, ha guidato l’Algeria per 20 anni, più di tutti i suoi predecessori.

Dopo aver subito un ictus all’inizio del 2013, ha trascorso due mesi e mezzo in un ospedale militare francese e molti altri mesi per riprendersi.

Dopo l’ictus, il signor Bouteflika è stato visto raramente in pubblico o in televisione, dando l’impressione a molti che il paese fosse governato dalla sua cerchia ristretta, sospettata di diversi scandali di corruzione.

Nonostante i suoi problemi di salute, ha insistito per candidarsi per un quarto mandato alle elezioni dell’aprile 2014, una decisione che ha diviso l’élite al potere del paese, i militari e i servizi di intelligence. I principali partiti di opposizione algerini si sono rifiutati di partecipare alle elezioni e quando è tornato al potere con l’81 per cento dei voti, si sono rifiutati di riconoscere il risultato.

Tuttavia, il signor Bouteflika è rimasto al potere, governando in base a una direttiva scritta e ricevendo occasionalmente dignitari stranieri.

proteste scoppiata a fine febbraio 2019Quando è stato annunciato che Mr. Bouteflika si sarebbe candidato per un quinto mandato alle elezioni previste per il 18 aprile. Centinaia di migliaia di manifestanti hanno marciato pacificamente nel centro di Algeri il 1° marzo, cantando “Ciao, ciao Bouteflika” e “No a un quinto mandato!” Alla notizia che ha lasciato il Paese per visite mediche a Ginevra.

READ  Coesistenza con COVID-19: Israele cambia strategia con l'arrivo della versione Delta

Nell’aprile di quell’anno, I disordini popolari hanno costretto le sue dimissioni.

È nato da genitori algerini il 2 marzo 1937, a Ouja, in Marocco, allora sotto il protettorato francese, dove è cresciuto e ha frequentato la scuola. (I suoi inizi marocchini di solito non sono menzionati nella sua autobiografia algerina.)

All’età di vent’anni si unì all’Esercito di Liberazione Nazionale nella sua ribellione contro l’amministrazione coloniale franco-algerina e prestò servizio nel cosiddetto Esercito di Frontiera, che operava dal territorio marocchino. Divenne uno stretto collaboratore del leader rivoluzionario Houari Boumediene.

Dopo l’indipendenza dell’Algeria nel 1962, Bouteflika è stato nominato Ministro della Gioventù e dello Sport nel governo di Ahmed Ben Bella, il primo presidente eletto dell’Algeria. Ha guidato le delegazioni algerine ai negoziati con i francesi nel 1963 ed è stato nominato ministro degli Esteri quell’anno.

Nel 1965 è stato un giocatore importante in un colpo di stato incruento guidato da Mr. Boumediene che ha rovesciato il presidente Ben Bella. Il signor Bouteflika è rimasto a capo del Ministero degli Affari Esteri fino alla morte del signor Boumediene nel dicembre 1978. Ministro degli Affari Esteri di talento e senza pari, ha guidato una politica anticoloniale di non intervento e ha evidenziato l’Algeria come il leader del Non -Movimento allineato. E un membro fondatore dell’Unione Africana.

Per un po’, Bouteflika è stato citato come possibile successore di Boumediene, fino a quando non è stato arrestato per aver sottratto milioni di dollari al bilancio del Ministero degli Affari Esteri nel corso degli anni e processato davanti alla Corte dei Conti. Decise – o fu costretto – ad andare in esilio all’estero per sei anni.

READ  Capo della sanità: gli stessi vaccini che sono stati rifiutati dall'AP sono stati dati ai nostri figli "ora"

Tornato in Algeria nel 1987, è tornato al Comitato Centrale del Fronte di Liberazione Nazionale, il braccio politico del movimento indipendentista. Ma è rimasto una figura dietro le quinte per la maggior parte degli anni ’90, quando figure militari e di intelligence hanno dominato il governo durante la guerra d’Algeria con i ribelli islamisti.

La rivolta è iniziata quando il governo ha annullato le elezioni per evitare una vittoria schiacciante per il partito islamista, il Fronte islamico di salvezza, noto anche con l’acronimo francese FIS.

Mr. Bouteflika è tornato alla ribalta con l’avvicinarsi della fine della guerra civile. Durante la corsa per la presidenza nel 1999, si è trovato l’unico candidato rimasto dopo che sei concorrenti si sono ritirati per protesta, affermando che le condizioni in cui si sono svolte le elezioni erano ingiuste.

Come presidente, ha promosso il concetto di “riconciliazione nazionale”, imponendo un’amnistia virtuale a tutti gli oppositori della guerra, siano essi islamisti o membri delle forze armate. Le organizzazioni per i diritti umani hanno accusato entrambe le parti di aver commesso atrocità durante la guerra che ha provocato la morte di circa 200.000 algerini.

Bouteflika ha vinto altre tre elezioni dopo, l’ultima nell’aprile 2014, dopo che la costituzione è stata modificata per consentirgli di candidarsi senza limiti di mandato. I suoi sostenitori gli hanno attribuito il merito di aver riportato la pace e la sicurezza nel paese dopo un decennio di guerra devastante e notano che era l’unica persona in grado di unire il paese nella sua scia. I suoi oppositori lo incolparono della stagnazione economica, dell’aumento della corruzione e del nepotismo man mano che il suo governo si allungava, e alla fine criticarono il suo rifiuto di rinunciare al potere quando la sua salute stava venendo meno come egoista.

READ  I risultati delle elezioni tedesche indicano la politica di Messier e la leadership più debole dopo la Merkel

Tuttavia, ha sottolineato che l’Algeria rimane un’importante influenza negli affari regionali nordafricani, collabora segretamente con Francia e Stati Uniti sulla strategia antiterrorismo nella regione e aiuta a mediare i conflitti e l’instabilità politica nei paesi vicini Mali, Libia e Tunisia.

Amir Jalal Zardoumi ha riferito da Algeri e Carlotta Gall da Istanbul.