agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le inondazioni tedesche alzano l’asticella per il maltempo

Giorni prima che le acque impetuose spazzassero la Germania occidentale, un’agenzia meteorologica europea ha emesso un “grave” avviso di inondazione dopo che modelli dettagliati hanno mostrato tempeste che minacciavano di mandare i fiumi a livelli che un meteorologo tedesco ha detto venerdì che non si vedeva da 500 o addirittura 1.000 anni.

Fino a venerdì, quelle previsioni si erano dimostrate incredibilmente accurate, con più di 100 persone uccise e 1.300 dispersi, mentre le squadre di soccorso in elicottero hanno sollevato in pochi minuti i residenti bloccati dai villaggi a volte sommersi, sollevando domande sulle lacune nel sistema avanzato di allarme alluvione della Germania.

Vittime e funzionari hanno affermato che molte aree sono rimaste impreparate quando ruscelli e ruscelli normalmente silenziosi si sono trasformati in piogge torrenziali che hanno spazzato via auto, case, ponti e tutto il resto sul loro cammino.

“È andato in fretta. Hai provato a fare qualcosa, ed era già troppo tardi”, ha detto un residente di Sjöld alla televisione pubblica ARD in Germania, dopo che il fiume Ahr ha ingrossato le sue sponde, facendo a pezzi le case con la struttura in legno e facendo ondeggiare i veicoli come una vasca da bagno giocattoli.

Le forti piogge come quella tedesca sono uno dei segni più visibili del cambiamento climatico a causa dell’aumento delle temperature dovuto alle emissioni di gas serra. Gli studi hanno scoperto che ora si verificano più frequentemente per un semplice motivo: un’atmosfera più calda può contenere più umidità, generare più pioggia ed essere più potente.

Ma anche se gli eventi meteorologici estremi stanno diventando sempre più comuni in tutto il mondo, che si tratti di incendi nell’ovest americano o di forti uragani, Nei Caraibi – Le inondazioni che questa settimana hanno tagliato un ampio percorso di devastazione attraverso Germania, Belgio, Svizzera e Paesi Bassi erano sconosciute, secondo meteorologi e funzionari tedeschi.

Tuttavia, non era inaspettato.

“Non dovrebbero esserci molti morti per questo evento”, ha detto la dottoressa Linda Speight, idrometeorologa dell’Università britannica di Reading, che studia come avvengono le inondazioni. Ha accusato la scarsa comunicazione dell’alto rischio di inondazioni come contributo all’enorme perdita di vite umane.

Per ora, i politici tedeschi hanno espresso la loro riluttanza a sembrare politicizzare un disastro, e il portavoce della cancelliera Angela Merkel ha detto che ha intenzione di visitare lo stato colpito della Renania-Palatinato, dopo essere tornato da Colloqui a Washington.

Ma un disastro naturale aveva tutte le caratteristiche di un evento che un tempo ha rimodellato le sorti politiche nelle stagioni elettorali tedesche come questa.

READ  Il concorrente repubblicano della California Newsom ci accusa di "fallire" con un nuovo annuncio

“Il nostro stato sta vivendo un disastro alluvionale di portata storica”, ha detto venerdì in una conferenza stampa Armin Laschet, il leader conservatore del Nord Reno-Westfalia, che è in lizza per succedere alla Merkel dopo le elezioni nazionali del 26 settembre.

“Dobbiamo rendere il paese più resiliente al clima”, ha affermato Laschet, che sta affrontando la sua sfida più forte da parte del Partito dei Verdi ambientalisti. “Dobbiamo rendere la Germania climaticamente neutra più velocemente”.

Ma il suo stato è stato tra i più colpiti e, una volta che l’acqua si sarà ritirata, lui e la signora Merkel potrebbero dover affrontare domande sul perché le loro roccaforti politiche non siano meglio preparate.

Funzionari tedeschi hanno detto venerdì che il loro sistema di allerta, che include una rete di sensori che misurano i livelli dei fiumi in tempo reale, funziona come previsto. Il problema, hanno detto, era la quantità di pioggia che non avevano mai visto prima, cadendo così velocemente da coprire anche piccoli ruscelli e fiumi che normalmente non sono considerati minacce.

Descrivere gli eventi degli ultimi giorni come un’alluvione di 100 anni sarebbe un eufemismo, ha affermato Uwe Kirsch, un portavoce del servizio meteorologico tedesco, descrivendolo come un’alluvione che probabilmente non si vedeva da mille anni.

“Con questi piccoli fiumi, non hanno mai visto niente di simile”, ha detto il signor Kirsch. “Nessuno può prepararsi perché nessuno si aspetta una cosa del genere”.

Felix Dietsch, meteorologo del Servizio meteorologico tedesco, martedì, Sono andato su YouTube Per avvertire che alcune aree della Germania sudoccidentale potrebbero ricevere quantità di pioggia prima inimmaginabili. Ha avvertito che fino a 70 litri, o più di 18 galloni, di acqua potrebbero fuoriuscire oltre un metro quadrato in poche ore.

Il servizio meteorologico, un’agenzia governativa, ha assegnato il suo avviso di tempesta più estremo, codice viola, alle regioni dell’Eifel e della Mosella. È stato uno dei numerosi avvisi emessi dal servizio meteorologico su Twitter e altri media all’inizio di questa settimana che sono stati inviati anche a funzionari statali e locali, vigili del fuoco e polizia.

Ma le acque sono aumentate così rapidamente, ad altezze che hanno superato i livelli record precedentemente registrati, che i piani di risposta di alcune comunità sono diventati completamente inadeguati mentre altri sono stati colti completamente di sorpresa.

Un portavoce dell’ufficio responsabile del monitoraggio delle inondazioni e dell’allerta dei funzionari locali nella Renania-Palatinato ha affermato che tutti gli avvertimenti sono stati ricevuti dal Met Office e inviati alle comunità locali come previsto.

READ  Papa Francesco ribalta papa Benedetto, reimpone restrizioni alla messa in latino

Ma quello che è successo dopo è critico e non del tutto chiaro.

Nel villaggio di Müsch, alla confluenza dei fiumi Ahr e Trierbach, Michael Stoffels, 32 anni, ha affermato di non aver ricevuto alcun avvertimento dal governo, ma un vicino lo ha chiamato per avvertirlo che mercoledì il livello dell’acqua stava salendo rapidamente.

Si è precipitato a casa dal negozio al dettaglio che gestisce nelle vicinanze per salvare ciò che può. Ha detto che è stato fortunato ad avere un magazzino al piano terra e la sua zona giorno è più alta, quindi i 12 piedi d’acqua che la sua casa ha usato non hanno causato molti danni.

Ma il villaggio di 220 persone è stato così colpito da inondazioni improvvise che una residente, Maria Vazquez, ha detto che ha fatto il suo lavoro in meno di due ore. Venerdì sera, era senza elettricità, acqua corrente o copertura cellulare.

Le sponde del fiume sono state scene di devastazione, con automobili che si schiantano e enormi tronchi d’albero che si schiantano, mentre fango e detriti hanno coperto le numerose strade di ciottoli. Camion carichi di mobili rotti, rami di alberi e frammenti di pietra sono stati lentamente spinti oltre le linee elettriche malfunzionanti.

“Un sacco di buone auto sono state distrutte o distrutte”, ha detto la signora Vasquez, che lavora in una vicina officina di riparazione auto. “Lavoro con le auto, il che è triste, ma spero che tutti stiano bene”

Venerdì, il primo ministro belga Alexandre de Croo ha dichiarato che oltre il confine in Belgio, 20 persone sono state confermate morte e 20 sono ancora disperse, descrivendo le inondazioni come “le più catastrofiche che il nostro paese abbia mai conosciuto”.

L’acqua è salita nei laghi in Svizzera e attraverso i corsi d’acqua nei Paesi Bassi, lasciando centinaia di case senza elettricità e annegando nel centro di Valkenburg, nei Paesi Bassi, sebbene nessuno dei due paesi abbia causato morti o distrutto città tedesche.

Medard Roth, sindaco di Cordel, Renania-Palatinato, ha difeso i sistemi di allarme e ha affermato di aver attivato la risposta di emergenza alle inondazioni nella sua città non appena è stato avvisato che l’acqua del fiume Kiel si stava avvicinando a livelli pericolosi. Ma l’acqua è salita troppo in fretta per essere trattenuta dalle solite misure.

“I vigili del fuoco di Cordel hanno già iniziato mercoledì pomeriggio alle 15:30 mettendo in atto misure di sicurezza”, ha detto Roth al quotidiano tedesco Bild. “Alle 18:00, era già tutto sott’acqua. Nessuno avrebbe potuto prevederlo”.

READ  Coesistenza con COVID-19: Israele cambia strategia con l'arrivo della versione Delta

Venerdì, durante una presentazione online, Ursula Heinen Esser, ministro dell’ambiente per lo stato del Nord Reno-Westfalia, ha affermato che le acque alluvionali hanno raggiunto “livelli non registrati in precedenza”.

Il sistema tedesco di allerta per le inondazioni lascia decidere ai funzionari locali quale azione intraprendere, basandosi sulla teoria che conoscono meglio il terreno locale e le persone o le proprietà lungo il percorso di un fiume in piena.

In alcuni casi gli avvertimenti sembrano essere stati emessi in modo tempestivo. Nella città di Wuppertal, in una valle attraversata dal fiume Wober, un comitato di crisi composto da polizia, vigili del fuoco e funzionari della città ha utilizzato i social media per invitare le persone a rimanere a casa.

Giovedì presto, poco dopo la mezzanotte, hanno suonato le sirene, che suonano stranamente come quelle usate durante la seconda guerra mondiale, per avvisare i residenti di spostarsi ai piani più alti o di evacuare quando le acque si alzavano.

La portavoce della città, Martina Eckermann, ha affermato che Wuppertal ha subito danni materiali, come inondazioni, nella fossa dell’orchestra del teatro dell’opera locale, ma non ci sono stati morti.

Ma in altri luoghi gli avvertimenti sono arrivati ​​troppo tardi.

Nella regione di Arweiler, nella vicina Renania-Palatinato, i funzionari regionali hanno emesso il loro primo avvertimento ai residenti che vivono vicino alle rive del fiume mentre si avvicinava al livello record di 3 metri, o quasi 10 piedi. L’emergenza non è stata dichiarata fino a tre ore dopo, poiché le acque hanno superato il precedente record di inondazioni.

A quel punto molte persone erano fuggite ai piani superiori delle loro case, ma quelle che non potevano muoversi abbastanza velocemente sono morte, come i 12 portatori di handicap residenti in una casa di cura a Senzica, che non sono stati avvisati in tempo per ricevere aiuto dalla loro terra . Locali a terra prima che l’acqua scorra.

“Gli avvisi sono arrivati”, ha detto Kirsch del servizio meteorologico tedesco. Ma la domanda è perché le evacuazioni non sono state fatte prima? Questo è qualcosa a cui dobbiamo pensare”.

Scritto da Melissa Eddy a Berlino, Jack Ewing a Francoforte, Megan Specia a Londra e Stephen Erlanger a Mush, in Germania.