octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Papa Francesco ribalta papa Benedetto, reimpone restrizioni alla messa in latino

Papa Francesco La repressione di venerdì sulla diffusione dell’antica liturgia latina è stata presa, ribaltando una delle decisioni di papa Benedetto XVI in grande sfida ai tradizionalisti. cattolico che subito lo denunciò come un attacco a loro e all’antica liturgia.

Francesco ha reimposto le restrizioni alla celebrazione della messa in latino che Benedetto ha allentato nel 2007, arrivando al punto di limitarne l’uso. Il Papa ha detto di agire perché la riforma del Papa è diventata fonte di divisione nella Chiesa ed è stata strumentalizzata dai cattolici contrari al Concilio Vaticano II, incontri degli anni Sessanta che hanno modernizzato la Chiesa ei suoi riti.

I critici hanno affermato di non aver mai visto il papa in questo modo, che rifletteva il suo predecessore. Il capovolgimento riguardava qualcosa di fondamentale come la liturgia, mentre Benedetto è ancora vivo e vive in Vaticano come papa in pensione, ha solo esagerato la natura straordinaria della mossa di Francesco, che avrebbe sicuramente portato a una maggiore ostilità di destra nei suoi confronti .

In questa foto, giovedì 1 aprile 2021, Papa Francesco celebra la Messa Crismale all’interno della Basilica di San Pietro in Vaticano. (AFP)

Francesco, 84 anni, ha approvato una nuova legge che richiede ai singoli vescovi di acconsentire alle celebrazioni dell’antica messa, chiamata anche messa tridentina, e che richiede ai sacerdoti di nuova nomina di ottenere l’espresso permesso di celebrarla dai loro vescovi, in consultazione con il Vaticano.

Secondo la nuova legge, i vescovi devono anche determinare se i gruppi esistenti di credenti associati all’Antica Messa accettino il Vaticano II, che ha permesso di celebrare la Messa in colloquiale anziché in latino. Questi gruppi non possono utilizzare le chiese regolari; Invece, i vescovi devono trovare per se stessi luoghi alternativi senza creare nuove parrocchie.

Inoltre, Francesco ha affermato che ai vescovi non è più consentito autorizzare la formazione di nuovi gruppi filolatini nelle loro diocesi.

READ  Garcetti è stato nominato ambasciatore di Biden in India, secondo l'Associated Press

Papa Francesco torna in Vaticano 10 giorni dopo l’intervento

Francesco ha detto che sta prendendo misure per promuovere l’unità e affrontare le divisioni all’interno della Chiesa che sono cresciute dal documento di Benedetto del 2007, Summorum Pontificum. Ha detto di aver basato la sua decisione su un sondaggio condotto dal Vaticano nel 2020 su tutti i vescovi del mondo, le cui “reazioni rivelano una situazione che mi preoccupa e addolora, e mi convince della necessità di intervenire”.

La ritirata del papa suscitò subito un putiferio tra i tradizionalisti che si erano già opposti alla propensione più avanzata e nostalgica di Francesco per il pontificato dottrinale di Benedetto.

“Questo è un documento molto deludente e invalida completamente le disposizioni legali”, ha affermato Joseph Shaw, presidente della Society of Latin Mass in England and Wales, del documento Benedict 2007.

La prima apparizione di Papa Francesco dopo l’intervento all’intestino

Mentre le cerimonie in latino possono andare avanti, “la presunzione è costantemente contro di loro: i vescovi sono chiamati a chiuderle”, ha detto Shaw, aggiungendo che l’obbligo di tenere messe in latino fuori dalla parrocchia è “poco pratico”.

“Si tratta di uno straordinario rifiuto del duro lavoro della Chiesa e della fedeltà alla gerarchia che ha caratterizzato per tanti anni il movimento liturgico tradizionale e che temo rafforzi un senso di alienazione tra coloro che sono legati agli antichi riti della Chiesa. ,” Egli ha detto.

Benedetto ha pubblicato il suo documento nel 2007 per accedere a un gruppo scissionista che celebra la messa in latino, la Fraternità San Pio X, che si è staccata da Roma a causa delle riforme di modernizzazione del Vaticano II.

Papa Francesco ha avuto la febbre per 3 giorni dopo l’intervento all’intestino

Ma Francesco ha detto che gli sforzi di Benedetto per promuovere l’unità sono stati controproducenti.

READ  Il calo della produzione di combustibile nucleare iraniano dopo l'esplosione di Natanz

In una lettera ai vescovi che accompagna la nuova legge, il papa ha affermato che l’opportunità offerta dal Papa “è stata sfruttata per allargare le distanze, rafforzare le differenze e incoraggiare i disaccordi che danneggiano la Chiesa, ne bloccano il cammino e la mettono in pericolo dalla divisione”.

Francesco si è detto “triste” che l’uso dell’antica liturgia sia stato accompagnato dal rifiuto del Vaticano II di “asserizioni infondate e intollerabili secondo cui lei aveva tradito la tradizione e la ‘vera Chiesa'”.

Il Vaticano dice che papa Francesco sta “bene” dopo un intervento chirurgico all’intestino

Francesco ha fatto bene a intervenire, ha detto Christopher Peleto, professore di storia della chiesa alla Keene University, osservando che la decisione originale di Benedetto ha avuto una pletora di conseguenze indesiderate che non solo hanno creato divisioni interne ma hanno temporaneamente inasprito le relazioni con gli ebrei.

“Francesco la colpisce in testa con la sua osservazione che l’allentamento dei regolamenti di Benedetto del 2007 contro il rito latino ha permesso ad altri di usarli per dividere”, ha detto. “La battuta d’arresto dimostra il suo punto.”

La reazione è stata davvero violenta, anche se è anche possibile che molti abbiano semplicemente ignorato l’editto di Francesco e abbiano proceduto come prima con i vescovi simpatizzanti. Alcuni di questi tradizionalisti e cattolici furono tra i più accaniti critici di Francesco, alcuni lo accusarono di eresia perché aprì la porta a consentire ai cattolici divorziati e civilmente sposati di ricevere l’Eucaristia.

Spiegazione: Papa Francesco, anche se è in ospedale, è ancora responsabile

Rorat Cayley, un popolare blogger tradizionale degli Stati Uniti, ha affermato che “l’attacco” di Francesco è stato il più forte rimprovero del Papa contro i suoi predecessori a memoria d’uomo.

“Francesco odia gli Stati Uniti. Francesco odia la tradizione. Francesco odia tutto ciò che è buono e bello”, ha scritto il gruppo su Twitter. Ma ha concluso: “Francesco morirà e la messa latina vivrà per sempre”.

READ  Il corrispondente di Al-Jazeera Sheikh Jarrah è stato arrestato a Gerusalemme con l'accusa di "aggressione" ai poliziotti

Anche il blog latino di Messa, un blog italiano tradizionale, è stato aspro nelle sue critiche.

Vaticano: il Papa impartisce la benedizione domenicale dall’ospedale di Roma

“La misericordia è sempre e solo per i peccatori (a cui non è stato chiesto di pentirsi) ma non c’è misericordia per i pochi cattolici tradizionalisti”, ha detto venerdì il blogger.

Nonostante ciò, per anni Francesco ha espresso il suo disappunto per l’antica liturgia, descrivendo i suoi aderenti in particolare come inquisitori marini autoreferenziali estranei alle esigenze della Chiesa. Ha represso gli ordini religiosi che celebravano esclusivamente l’antica liturgia, denunciando spesso “l’inerzia” dei sacerdoti di mentalità tradizionale che privilegiavano le regole sull’accompagnamento pastorale.

I tradizionalisti hanno insistito sul fatto che la vecchia liturgia non sia mai stata abolita e che la riforma di Benedetto nel 2007 le ha permesso di fiorire.

Indicano la crescita di parrocchie tradizionali, spesso frequentate da giovani e famiglie numerose, nonché di nuove parrocchie religiose che celebrano l’antica liturgia. La Latin Bloc Association sostiene che il numero delle messe tradizionali celebrate ogni domenica in Inghilterra e Galles è più che raddoppiato dal 2007, da 20 a 46.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Ma per molti la scritta era sul muro una volta che Francesco salì nella loggia della Basilica di San Pietro dopo essere stato eletto nel 2013 senza il mantello di velluto rosso ornato di ermellino che Benedetto prediligeva ed è un simbolo della Chiesa pre-Vaticano II.

Le restrizioni sono entrate in vigore subito dopo essere state pubblicate venerdì sul quotidiano ufficiale vaticano, L’Osservatore Romano.