agosto 19, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Com’è viaggiare in Giappone in mezzo a un Omicron variabile

Tokyo (CNN) – Come tante persone in tutto il mondo, la mia vita è stata sconvolta drasticamente dall’epidemia.

Dopo esserci sposati legalmente nel 2019, mio ​​marito ed io avevamo programmato di celebrare il nostro matrimonio all’inizio dell’anno successivo in California.

Vivevamo a Pechino quando è iniziata l’epidemia di Covid-19. Poco dopo che mio marito è partito per un breve viaggio d’affari a Dubai, si è fermato lì per nove mesi.

Ci siamo finalmente incontrati nella mia nuova base di lavoro a Tokyo e, nel frattempo, abbiamo rimandato il matrimonio tre volte prima di stabilirci definitivamente il 19 novembre 2021.

Circondato da amici e familiari che non vedevo da anni, la vita inizia a sembrare che stia tornando alla normalità.

Dal sud della California, siamo andati alle Hawaii per la nostra luna di miele. Siamo rimasti stupiti dalla folla di turisti, dagli hotel al completo, dalle spiagge affollate e dai ristoranti affollati.

Ma questa sensazione di ritorno alla normalità non durò a lungo. Il 30 novembre, pochi giorni prima del nostro ritorno in Giappone, il Paese ha segnalato il suo primo caso di virus variante Omicron.

Il Giappone ha nuovamente chiuso le frontiere a tutti gli stranieri, in una delle misure precauzionali più severe al mondo. Inizialmente, il governo ha chiesto alle compagnie aeree di non accettare più prenotazioni per i voli nazionali.

Solo un giorno dopo, il Giappone ha annullato il divieto, dopo aver protestato che avrebbe bloccato i residenti e i cittadini giapponesi – ho un visto di lavoro – all’estero. Il numero di arrivi internazionali giornalieri è stato ridotto da 5.000 a 3.500 persone al giorno.

READ  Rusia dice que está intensificando operaciones en ciudades ucranianas

Il mio volo di ritorno a Tokyo dalle Hawaii è stato cancellato all’ultimo minuto, senza preavviso – non mi ero reso conto che fosse stato cancellato fino a quando non ho provato a fare il check-in online il giorno prima, solo per scoprire che il mio itinerario non esisteva. Dopo ore al telefono con il servizio clienti della compagnia aerea, alla fine è stata la nostra unica opzione per tornare in California e poi in Giappone.

Meno di un’ora prima del nostro arrivo all’aeroporto di Honolulu, i test PCR negativi erano a portata di mano, le Hawaii sono state aggiunte all’elenco dei luoghi in cui i residenti e i cittadini giapponesi in arrivo saranno costretti a mettere in quarantena in strutture di quarantena designate dal governo. (Dopo già Pechino, Hong Kong e Tokyo sono già in quarantenaEd ero pronto per questo.)

Le Hawaii hanno confermato il primo caso della variante Omicron il 2 dicembre, il giorno prima del nostro volo.

Quando io e mio marito siamo finalmente arrivati ​​a Tokyo il 5 dicembre, abbiamo attraversato un lungo processo di compilazione di questionari sulla salute, test per Covid e download di app di tracciamento dei contatti. Siamo stati portati attraverso l’aeroporto vuoto di Narita per ogni passo fino a quando non siamo stati finalmente indirizzati a un’area di attesa.

Dieci ore dopo, finalmente saliamo a bordo di un autobus per un hotel vicino all’aeroporto che è stato convertito in una struttura di quarantena.

È vietato aprire la porta della stanza di quarantena, tranne che per consumare cibo lasciato fuori per un breve periodo. L’altoparlante annuncia tre volte al giorno quando il cibo «Squid Game» è disponibile. Ogni mattina inviamo online un sondaggio sulla salute.

READ  Rusia bombardea objetivos civiles ucranianos antes de las conversaciones

Il terzo giorno faremo il test per il Covid e poi torneremo in aeroporto. Da lì, i viaggiatori devono prendere un trasporto privato per la quarantena a casa per altri 11 giorni. (A seconda della regione da cui provengono, alcuni viaggiatori sono tenuti a mettere in quarantena in una struttura governativa per un massimo di 14 giorni.)

Il governo giapponese conta il giorno dopo lo sbarco come primo giorno di quarantena. Il governo paga i costi associati alla quarantena, non i viaggiatori.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che «un divieto di viaggio completo non impedirà la diffusione internazionale e pone anche un pesante fardello sulle vite e sui mezzi di sussistenza».

Mentre i governi si affannavano per imporre una nuova serie di restrizioni, i viaggiatori si sono trovati confusi, frustrati e, in alcuni casi, improvvisamente bloccati. Le regole cambiano di giorno in giorno, anche di ora in ora, il che impone ai viaggiatori l’onere di essere preparati a qualsiasi scenario.

Altre regioni asiatiche hanno adottato misure più estreme. Residenti di Hong Kong Devi mettere in quarantena per 21 giorni (Pagano con i propri soldi) negli alberghi governativi se tornano da paesi considerati ad alto rischio.

Dopo più di un anno di severi controlli alle frontiere, molti si sentono isolati, frustrati e assediati. Ma in combinazione con altre misure antiepidemiche, queste regioni stanno segnalando una diminuzione del numero di casi di Covid, con numeri di casi giornalieri da una sola cifra a Hong Kong e circa un centinaio di casi al giorno in Giappone.

La ricerca mostra che i divieti di viaggio sono più simili a un primo soccorso che a una soluzione a lungo termine. Allo stesso tempo, hanno enormi costi economici e sociali. A quasi due anni dall’inizio della pandemia, il mondo stava appena iniziando a tirare un sospiro di sollievo. Sono finalmente ripresi i raduni come matrimoni, viaggi di vacanza e riunioni di famiglia internazionali.

READ  Un "nerd della NATO" gettato nella crisi su Russia e Ucraina

Invece, continuano ad apparire nuove varianti. Il mondo rimane vulnerabile a causa di fattori come la distribuzione non uniforme dei vaccini nel mondo e la durata limitata dell’immunità dai vaccini.

Quindi aspettati che i nuovi formati continuino a devastare i piani di viaggio ovunque mentre i governi continuano a giocare al gioco Whac-a-mole.

Immagine della sala arrivi dell’aeroporto di Narita a Tokyo tramite AP Photo/Hiro Komae.