octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Australia non accoglierà i turisti stranieri almeno fino al 2022

CANBERRA, Australia (AP) – I turisti stranieri non saranno di nuovo i benvenuti almeno fino al prossimo anno, ha detto martedì il primo ministro australiano, delineando i piani per eliminare alcune delle restrizioni di viaggio più dure e più lunghe imposte da qualsiasi democrazia a causa della coronavirus.

Invece, lo stato darà la priorità al ritorno degli immigrati e degli studenti qualificati dopo aver raggiunto lo standard del primo ministro Scott Morrison per la riapertura dei suoi confini esterni: vaccinare completamente l’80% della popolazione di 16 anni o più. Si prevede di raggiungere quel punto martedì.

La notizia arriva pochi giorni dopo che Morrison ha annunciato l’intenzione di consentire ai cittadini immunizzati e ai residenti permanenti di viaggiare all’estero a partire da novembre. Per la prima volta da marzo 2020.

Le rigide restrizioni di viaggio, che hanno confinato la maggior parte degli australiani nelle loro case e hanno tenuto lontano la maggior parte degli stranieri, hanno portato al livello di immigrazione più basso dalla seconda guerra mondiale. Le università australiane, che dipendono molto dalle tasse pagate dagli studenti internazionali, sono state colpite particolarmente duramente e molti studenti hanno paura di andare altrove se non sono ammessi presto.

Mentre molti paesi hanno imposto rigidi blocchi che hanno chiuso gran parte delle economie, le restrizioni ai viaggi in Australia hanno mantenuto la vita in qualche modo normale per la maggior parte della pandemia, anche se ora stanno vedendo blocchi nelle più grandi città, Sydney e Melbourne, così come la capitale è Canberra.

Le regole imponevano un pesante fardello emotivo in un Paese dove metà della popolazione era nata all’estero o almeno un genitore era immigrato. Le famiglie sono state separate e ad alcuni nonni è stato vietato di incontrare nipoti in Australia che ora stanno per compiere due anni.

READ  La Russia afferma che Israele ha usato due aerei civili come copertura per lanciare un attacco in Siria

Dopo aver revocato le restrizioni sugli australiani, Morrison ha affermato che la prossima priorità sarà per gli immigrati qualificati e gli studenti internazionali, prima dei turisti. Non ha specificato quando a quei gruppi sarebbe stato permesso di entrare.

“Arriveremo anche ai visitatori internazionali, penso l’anno prossimo”, ha detto Morrison.

L’Australian Tourism Export Council, un settore che ha generato 45 miliardi di dollari australiani (33 miliardi di dollari) all’anno da turisti internazionali prima della pandemia, vuole che i visitatori internazionali tornino entro marzo.

Gli operatori turistici australiani – che hanno sofferto non solo dei divieti al turismo internazionale ma anche delle frequenti restrizioni nazionali ai confini della pandemia – sono frustrati dalla mancanza di maggiori dettagli su come riprendere i viaggi di piacere.

“Gli arrivi di turisti internazionali dovrebbero far parte del piano”, ha affermato Daniel Geschwind, amministratore delegato del Queensland Tourism Industry Council, il gruppo di punta del Queensland. “Anche se non è la prima priorità, vorremmo sapere come funziona. Ci sono molte aziende che sono ancora in sospeso”.

Gschwind ha affermato che il suo settore deve pianificare come gestire i rischi di COVID-19, forse attraverso test rapidi e autoisolamento.

Ci sono poche eccezioni al divieto di viaggio in Australia e il turismo non è stato accettato come motivo per attraversare il confine. Chi è riuscito ad entrare deve passare due settimane in quarantena in albergo. Questo potrebbe essere un grosso ostacolo se rimani anche dopo aver fatto entrare i turisti.

Morrison ha dichiarato la scorsa settimana che il suo governo lavorerà per “completare i viaggi senza quarantena verso alcuni paesi, come la Nuova Zelanda, quando sarà sicuro farlo”. Non ha approfondito i tempi.

READ  Si presume che un uomo tedesco abbia ucciso sua moglie e che poi la squadra di ricerca sia partita per trovarla

Australia e Nuova Zelanda hanno condiviso brevemente una bolla di viaggio senza quarantena quando entrambi i paesi erano essenzialmente liberi dalla trasmissione di COVID-19.

Ma la Nuova Zelanda ha reintrodotto la quarantena dopo che le autorità australiane hanno perso il controllo di un focolaio della variante altamente contagiosa del Delta, che è stata trasportata a Sydney a giugno da un equipaggio aereo statunitense.

La variante Delta ha cambiato il gioco in molti paesi che in precedenza erano in grado di tenere a bada il virus in gran parte con regole di viaggio molto rigide, inclusa la Nuova Zelanda. Lunedì, il governo di quel paese ha riconosciuto per la prima volta che non può più liberarsi completamente del coronavirus.

L’Australia continua a combattere l’epidemia, correndo anche per vaccinare la sua popolazione. La diffusione della vaccinazione è stata lenta all’inizio, ma è migliorata.

Il Victoria martedì ha stabilito un record nazionale di 1.763 nuove infezioni locali. Anche il secondo stato più popoloso dell’Australia ha riportato quattro decessi per COVID-19.

Il Nuovo Galles del Sud ha stabilito il precedente record nazionale di 1.599 infezioni in 24 ore quando la sua prevalenza ha raggiunto il picco il 10 settembre.

Il Nuovo Galles del Sud guida altri stati nei tassi di vaccinazione e si prevede che l’aeroporto di Sydney sarà il primo a riaprire ai passeggeri vaccinati.