octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Macron incontrerà Biden al G20, spera di andare avanti dopo la disputa su AUKUS

  • Macron si dice pronto a “ricoinvolgersi” con gli Stati Uniti
  • Riunione dei leader dell’UE in Slovenia
  • La strategia degli Stati Uniti è vista come un campanello d’allarme per l’Unione europea
  • Il vertice si dirigerà domani, mercoledì, nei Balcani occidentali

BRDO, Slovenia (Reuters) – Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto martedì di sperare di colmare una spaccatura con il suo omologo statunitense Joe Biden quando i due si incontreranno a Roma alla fine di ottobre, dicendo che voleva che i due alleati di lunga data lavorassero. Di nuovo insieme “in buona fede”.

La riconciliazione al vertice del G20 del 30-31 ottobre arriverà sulla scia di una telefonata tra Biden e Macron il mese scorso e potrebbe porre fine alla spaccatura transatlantica innescata il mese scorso dai negoziati segreti degli Stati Uniti su un accordo militare noto come AUKUS con gli Stati Uniti. Australia e Gran Bretagna per affrontare la Cina con l’eccezione della Francia.

“Dobbiamo guardare chiaramente alle decisioni prese dai nostri alleati. Ci sono state scelte che sono state fatte e non posso dire che Francia ed Europa siano state prese in considerazione, ma abbiamo una storia più grande (di questa)”, ha detto Macron. è arrivato a un vertice dei leader dell’UE in Slovenia.

Macron ha detto del suo programmato incontro con Biden: “Ci ritroveremo con il G20. Penso che sia l’occasione giusta per vedere come possiamo riconnetterci”.

“Riguarda i fatti e ciò che deve essere fatto insieme”, ha detto ai giornalisti nella tenuta di Brdo fuori dalla capitale slovena Lubiana.

La decisione dell’Australia sotto AUKUS di annullare un lucroso contratto sottomarino con la Francia a settembre e di optare per navi a propulsione nucleare di progettazione statunitense ha fatto arrabbiare Parigi. Macron ha affermato che l’incidente è un segno che l’UE ha bisogno di fare di più da sola, in particolare nelle crisi ai confini del blocco di 27 nazioni.

READ  Sorrisi e applausi mentre la regina torna a Royal Ascot

L’Unione Europea ha anche sviluppato una propria strategia per aumentare la propria presenza nell’Indo-Pacifico e contrastare la crescente potenza della Cina.

“Dobbiamo guardare a come l’Europa dovrebbe affrontare le sfide nel suo vicinato, le crisi esistenti, la sua sicurezza e continuare a lavorare in buona fede con partner e alleati storici”, ha detto Macron, riferendosi agli Stati Uniti.

Come l’UE dovrebbe trattare con Cina e Stati Uniti è stato il preludio e il fulcro della cena del vertice.

“Abbiamo tutti notato cosa è successo in Afghanistan, cosa è successo nell’Indo-Pacifico, cosa è successo con la Cina”, ha affermato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che presiede il vertice, riferendosi alla strategia degli Stati Uniti che ha minato le priorità dell’UE. Ha detto che l’UE ha bisogno di dimostrare “intelligenza collettiva” per plasmare la risposta dell’Europa.

Una chiamata alle armi

Molti in Europa ora vedono il brusco ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan, durante il quale gli alleati si sono sentiti ignorati quando hanno chiesto più tempo, come un avvertimento che Washington sotto Biden sta mettendo al primo posto i suoi interessi di politica estera.

Ma l’Ue vuole essere anche un utile alleato per Washington.

“Gli Stati Uniti hanno compreso l’importanza di una difesa europea più forte e più capace”, ha detto martedì al Parlamento europeo a Strasburgo Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea, prima di partire per la Slovenia. “Le crisi nel vicinato europeo sono un invito a rispondere”.

Un funzionario statunitense ha detto che Macron e il Segretario di Stato americano Anthony Blinken si sono incontrati oggi a Parigi per circa 40 minuti e hanno discusso degli sforzi francesi per una maggiore cooperazione in materia di sicurezza tra i paesi europei. Per saperne di più

READ  In migliaia hanno protestato contro il lockdown a Sydney, molti arrestati

Blinken ha detto a Macron che Washington “sostiene certamente le iniziative europee di difesa e sicurezza” che potrebbero aumentare le capacità ma non minare la NATO, ha affermato l’alto funzionario del Dipartimento di Stato.

I sei paesi balcanici dovrebbero unirsi ai leader dell’Unione europea mercoledì, sperando di unirsi al blocco un giorno.

Essendo il più grande blocco commerciale del mondo, l’Unione Europea ha il potere di stabilire le regole che possono modellare la politica al di fuori dei suoi confini, ma ha ripetutamente fallito nel coordinare una politica estera e militare comune, indebolendo la sua influenza.

È particolarmente combattuto sulla Cina, il secondo partner commerciale del blocco, ma Bruxelles lo vede come un concorrente mentre Pechino cerca di erodere il vantaggio tecnologico dell’Occidente.

L’Unione Europea, insieme a Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada, ha imposto sanzioni ai funzionari cinesi il 22 marzo per violazioni dei diritti umani, che Pechino nega. Pechino ha immediatamente colpito l’UE con sanzioni contro i legislatori del Parlamento europeo e ha bloccato l’approvazione dell’accordo di investimento UE-Cina recentemente concordato.

Segnalazioni aggiuntive di Ivana Sikularac, Jan Stropchevsky e John Chalmers a Bruxelles, Michel Rose e Richard Love a Parigi; Montaggio di Jan Harvey, Giles Elgood e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.