octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Israele vieta la vendita di pellicce all’industria della moda, primo Paese a farlo

Israele ha Vietare la vendita di pellicce mercoledì all’industria della moda, diventando il primo paese al mondo a farlo.

“L’industria delle pellicce provoca la morte di centinaia di milioni di animali in tutto il mondo e provoca indicibili crudeltà e sofferenze”, ha dichiarato il ministro della protezione ambientale Gila Gamliel in una nota dopo aver firmato l’emendamento, che entrerà in vigore entro sei mesi.

“L’uso di pelli e pellicce di animali selvatici nell’industria della moda non è etico e certamente non necessario. Le pellicce di animali non possono coprire la brutale industria di uccisione che le produce. La firma di queste normative renderà il mercato della moda israeliano più ecologico e rispettoso degli animali”.

Il ministro della protezione ambientale Gila Gamliel firma un emendamento che vieta la vendita di pellicce all’industria della moda. (Credito immagine: cortesia)

L’ONG per i diritti degli animali Animal Now ha accolto con favore la decisione, salutandola come una “pietra miliare storica” ​​che “salverà innumerevoli animali dall’inferno dell’industria delle pellicce”.

L’Ong ha aggiunto in un comunicato: “Abbiamo combattuto per anni per vietare la vendita di pellicce all’industria della moda, e dall’inizio l’86% del pubblico israeliano lo ha sostenuto.

“Ringraziamo il ministro Gamliel e Tal Gilboa, consigliere del primo ministro per i diritti degli animali, e i nostri partner nella lotta da anni, Let Animals Live e l’International Anti-Fur Alliance (IAFC).

“La IAFC ha promosso un disegno di legge per vietare la vendita di pellicce in Israele dal 2009, e lodiamo il governo israeliano per aver finalmente compiuto un salto storico verso la creazione di pellicce per la storia della moda”, ha dichiarato in una nota la fondatrice della IAFC Jane Halevy.

READ  Un alto funzionario in Sudan rifiuta un piano etiope per riempire per la seconda volta una gigantesca diga

“Tutti gli animali stanno soffrendo terribilmente per mano di questa industria crudele e arretrata”, ha aggiunto Halevi, la cui organizzazione sta facendo accadere questo da più di un decennio. Niente è più potente di un’idea il cui tempo è giunto. Uccidere animali per la pelliccia dovrebbe essere reso illegale ovunque: è ora che i governi di tutto il mondo vietino la vendita di pellicce”.

Anche l’organizzazione per i diritti degli animali PETA ha salutato la mossa come una “vittoria storica”, scrivendo su Twitter che avrebbe “protetto innumerevoli volpi, visoni, conigli e altri animali dall’uccisione violenta per la loro pelle”.

Su Twitter, Gamliel ha anche scritto di essere orgogliosa del fatto che Israele sia stato il primo paese a vietare la vendita di pellicce.

La mossa per vietare il commercio di pellicce rende Israele il primo paese al mondo a farlo, anche se lo stato americano della California ha vietato la vendita di pellicce all’industria della moda nel 2019.

Già in ottobre, quando Gamliel annunciò per la prima volta i piani, fu chiarito che i futuri permessi per il commercio di pellicce sarebbero stati ancora concessi, ma solo in alcuni casi. Tali permessi sono rilasciati dall’Ente per la natura ei parchi, ma queste nuove norme si limiteranno a concederli solo nei casi di “ricerca scientifica e didattica a fini didattici, religiosi e di tradizione”.

Quest’ultima categoria ha il potenziale per essere particolarmente controversa a causa del ruolo che la pelliccia svolge nella tradizione haredi Gli ebrei che indossano spesso cappelli di pelliccia sono chiamati shtreimels, anche se potrebbero ricevere un’eccezione.
READ  Il ristorante tailandese guida un'ondata di successo mentre i clienti si affollano per cenare nelle acque alluvionali | Tailandia