junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Uno studio dell’OMS e dell’Organizzazione internazionale del lavoro ha rilevato che le lunghe ore di lavoro uccidono 745.000 persone ogni anno

I servizi di emergenza si prendono cura di un uomo che ha avuto un ictus a Madrid, in Spagna.

Notizie di Europa Press Europa Press Getty Images

Le lunghe ore di lavoro uccidono centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo ogni anno, secondo i risultati di uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanità e dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

In una ricerca congiunta condotta da agenzie per la salute pubblica e l’occupazione globali, l’Organizzazione mondiale della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro hanno stimato che ci sono stati 745.000 decessi per ictus e cardiopatia ischemica nel 2016, con un aumento del 29% dal 2000.

Lo studio pubblicato in Ambiente internazionale La rivista di lunedì è stata la prima analisi globale delle perdite di vite umane e di salute associate al lavoro prolungato.

L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro hanno stimato che 398.000 persone sono morte per ictus e 347.000 per malattie cardiache nel 2016 a causa del lavoro di almeno 55 ore settimanali. Tra il 2000 e il 2016, il numero di decessi per malattie cardiache a causa di orari di lavoro prolungati è aumentato del 42% e di ictus del 19%.

Lo studio ha concluso che lavorare 55 o più ore a settimana era associato a un rischio di ictus superiore del 35% e un rischio di morte per cardiopatia ischemica del 17% superiore, rispetto a 35-40 ore di lavoro a settimana. L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro hanno stimato che nel 2016 488 milioni di persone in tutto il mondo sono state esposte a lunghe ore di lavoro superiori a 55 ore settimanali.

Il “carico di malattie legate al lavoro” è risultato particolarmente importante per gli uomini (il 72% dei decessi si è verificato tra i maschi), le persone che vivono nel Pacifico occidentale (dove l’OMS include Cina, Corea del Sud, Australia e Giappone tra gli altri paesi) e le regioni del sud-est asiatico. Lavoratori di mezza età o anziani, Lo ha detto lunedì l’Organizzazione mondiale della sanità.

READ  Scopri la "rana di cioccolato" nella palude

L’organizzazione ha aggiunto che “la maggior parte dei decessi registrati sono stati tra persone che sono morte di età compresa tra 60 e 79 anni, che hanno lavorato 55 ore o più a settimana e la cui età variava tra 45 e 74 anni”.

“Sapendo ora che le lunghe ore di lavoro sono responsabili di circa un terzo del carico totale di malattie legate al lavoro, è stato identificato come un fattore di rischio con il maggior carico di malattie professionali”.

Lo studio dell’OMS e dell’ILO includeva un’analisi di 37 studi sulla cardiopatia ischemica e 22 studi sull’ictus, nonché dati di oltre 2.300 indagini raccolte in 154 paesi dal 1970 al 2018.

Una tendenza inquietante

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che sebbene lo studio non abbia coperto il periodo dell’epidemia, i risultati arrivano in un momento in cui il numero di persone che lavorano per lunghe ore è in aumento ed è attualmente pari al 9% della popolazione totale mondiale, aggiungendo : “Questa tendenza mette più persone a rischio di disabilità legata al lavoro e morte prematura”.

La pandemia di coronavirus ha anche posto maggiore enfasi sull’orario di lavoro, con l’Organizzazione mondiale della sanità che avverte che la pandemia sta accelerando gli sviluppi che potrebbero alimentare la tendenza verso un aumento dell’orario di lavoro.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha osservato che l’epidemia “ha cambiato radicalmente il modo in cui molte persone lavorano”.

“Il telelavoro è diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre, molte aziende hanno dovuto ridimensionare o interrompere le operazioni per risparmiare denaro e le persone che rimangono sul libro paga finiscono per lavorare per più ore. “Nessun lavoro merita il rischio di ictus o malattie cardiache. Governi, datori di lavoro e lavoratori devono lavorare insieme per concordare limiti a tutela della salute dei lavoratori”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato ai governi di “introdurre, attuare e applicare leggi, regolamenti e politiche che vietano lo straordinario obbligatorio e garantiscono limiti massimi di orario di lavoro” e ha suggerito che i dipendenti condividano l’orario di lavoro per garantire che il numero di ore di lavoro non superi le 55 ore o più a settimana.