octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Castillo è vicino a vincere una stretta elezione presidenziale

Pedro Castillo è andato vicino a vincere le elezioni presidenziali in Perù giovedì, con il socialista che ha un leggero vantaggio di quasi 70.000 voti sul suo rivale conservatore Keiko Fujimori, che deve ancora concedere e accusa di frode nonostante le scarse prove.

Castillo ha ricevuto circa il 50,2% dei voti e ha portato 0,4 punti percentuali con il 99,3% dei voti, con solo un piccolo numero di voti contestati ancora in esame.

L’insegnante e novizio politico ha ottenuto un ampio sostegno pubblico per le sue promesse di riscrivere la costituzione e ridistribuire la ricchezza mineraria, sebbene negli ultimi giorni abbia cercato di placare i timori degli investitori con un tono più favorevole al mercato.

Ma Fujimori, che giovedì ha dovuto affrontare nuovi problemi legali, non ha concesso e sta cercando di abbattere circa 500.000 voti che ritiene sospetti.

“Continueremo a difendere il diritto legittimo di milioni di peruviani fino all’ultimo voto”, ha detto su Twitter.

Il partito Libre peruviano di Castillo afferma che non ci sono prove di attività sospette. Osservatori elettorali indipendenti affermano che il voto è stato condotto in modo pulito.

La Corte etica del collegio arbitrale delle elezioni nazionali, l’organismo incaricato di vigilare sulla legalità del processo elettorale, ha dichiarato giovedì che mettere in discussione i risultati senza prove è “irresponsabile”.

Washington ha affermato che le autorità elettorali dovrebbero essere autorizzate a esaminare eventuali accuse di frode.

“Non vediamo l’ora di lavorare con il candidato debitamente eletto”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato.

Presidente eletto?

Ma in America Latina molti già festeggiavano la vittoria di Castillo.

READ  Il regista della cerimonia di apertura olimpica licenziato per scherzo sull'Olocausto

Il presidente argentino Alfredo Fernandez è stato il primo leader mondiale a congratularsi con Castillo, affermando su Twitter di aver chiamato il “presidente eletto” e di aver espresso il desiderio di unire le forze per l’America Latina.

L’attuale governo provvisorio del Perù ha dichiarato in una dichiarazione di aver presentato una “nota di protesta” all’Argentina per i commenti e le autorità elettorali del paese non hanno ancora annunciato ufficialmente i risultati finali.

In Brasile, l’ex presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva, che dovrebbe sfidare il presidente di estrema destra Jair Bolsonaro nelle elezioni del prossimo anno, ha affermato che Castillo ha inferto un duro colpo ai conservatori della regione.

“Il risultato dei sondaggi d’opinione in Perù è simbolico e rappresenta l’ennesimo progresso nella lotta popolare nella cara America Latina”, ha affermato.

Si è anche congratulato con l’ex presidente boliviano Evo Morales Castillo per la sua “vittoria”, definendolo “un fratello dell’anima e un compagno nella lotta”.

Scommesse legali

Il debole vantaggio di Castillo su Fujimori è stato superiore al margine dello 0,24% che Fujimori ha perso contro Pedro Pablo Kuczynski nelle elezioni presidenziali del 2016.

“All’epoca Fujimori non ha chiesto un riconteggio, ma visti i suoi rischi politici e legali, questa volta potrebbe farlo”, ha affermato Eileen Gavin, principale analista per i mercati globali e la società di consulenza a rischio per le Americhe Verisk Maplecroft.

Fujimori ha trascorso più di un anno in prigione in attesa di processo per aver accettato contributi illegali alla campagna elettorale quando si è candidata per la prima volta alla presidenza nel 2011. Ha negato le accuse, definendole persecuzione politica.

READ  Un alto funzionario in Sudan rifiuta un piano etiope per riempire per la seconda volta una gigantesca diga

Giovedì, il procuratore generale Jose Domingo Perez ha chiesto che la cauzione di Fujimori fosse revocata e restituita alla custodia in attesa del processo, sostenendo che era stata in contatto con un testimone.

Il giudice valuterà la richiesta nei prossimi giorni. Un portavoce di Fujimori non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

“I pubblici ministeri hanno il diritto di chiedere la sua reclusione, ma la gente lo interpreterà come un tentativo di interferire con il processo elettorale”, ha affermato Ernesto de la Garra, un avvocato peruviano per i diritti umani che è stato critico nei confronti di Fujimori.

Vincere le elezioni presidenziali fermerà la sua causa fino alla fine della sua amministrazione.

Il Perù, che ha visto tre presidenti in una settimana l’anno scorso tra scandali e proteste politiche, è stato colpito dall’epidemia di COVID-19 più letale al mondo in termini di decessi pro capite. Il secondo produttore mondiale di rame ha registrato il peggior declino economico degli ultimi tre decenni l’anno scorso.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.