septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Due sospetti agenti di sicurezza dell’AP sono stati uccisi in uno scontro con le forze israeliane

Due ufficiali dell’intelligence militare dell’Autorità Palestinese sono stati uccisi mercoledì notte in uno scontro a fuoco con le forze israeliane che operano nella Cisgiordania settentrionale.

Nel fuoco incrociato è rimasto ucciso anche un terzo palestinese, sospettato di essere un membro della Jihad islamica e oggetto di un arresto israeliano.

Secondo i media palestinesi, lo scontro a fuoco è iniziato quando gli ufficiali dell’unità antiterrorismo delle guardie di frontiera al-Yamam hanno cercato di arrestare sospetti terroristi palestinesi fuori dalla sede dell’Unità di intelligence militare dell’Autorità palestinese a Jenin.

Gli ufficiali dell’intelligence militare palestinese che erano di guardia hanno notato l’operazione di arresto in corso, con le forze israeliane che operavano da un veicolo civile, e hanno scelto di impegnarsi.

Secondo la polizia di frontiera israeliana, l’operazione di arresto ha preso di mira due sospetti in una serie di sparatorie nelle ultime settimane che si nascondevano nell’edificio accanto al complesso dell’intelligence militare. Gli scontri hanno allertato gli uomini della sicurezza palestinese nelle vicinanze che hanno preso parte ai combattimenti.

Guardando l’abbigliamento civile delle forze israeliane sotto copertura, non è immediatamente chiaro se gli ufficiali dell’AP sapessero quando hanno aperto il fuoco che coloro che inseguivano i sospetti erano le forze di sicurezza israeliane.

L’Autorità Palestinese ha identificato i due agenti di sicurezza uccisi nello scontro: il tenente Adham Alawi, 23 anni, del villaggio di Zawata vicino a Nablus, e il capitano Taysir Issa, 33 anni, della città di Sanur vicino a Jenin.

Il terzo ucciso è Jamil al-Amouri, uno degli obiettivi dell’operazione. Il secondo sospettato, Wissam Abu Zeid, è stato ferito. Israele ritiene che i due siano responsabili di diverse sparatorie negli ultimi mesi.

Il tenente Adham Aliwi, 23 anni, dal villaggio di Zawata vicino a Nablus, a sinistra, e il capitano Taysir Issa, 33, dalla città di Sanur vicino a Jenin, a destra, in un poster pubblicato dal servizio di intelligence militare dell’Autorità Palestinese il 10 giugno/2021. – Dopo che i due ufficiali sono stati uccisi la scorsa notte in uno scontro a fuoco con le forze israeliane a Jenin.

Nessun soldato israeliano è rimasto ferito nell’incidente.

Rapporti non confermati dicono che le forze israeliane hanno arrestato due persone durante l’operazione. Non è chiaro se il sospettato sopravvissuto, Abu Zeid, sia uno di loro.

Un alto comandante delle forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese ha detto al sito di notizie palestinese Al-Quds che l’esercito israeliano non aveva avvertito i suoi soldati dell’operazione di arresto a Jenin prima del previsto.

Di solito, le forze israeliane coordinano il loro ingresso nelle città palestinesi con le forze di sicurezza dell’Autorità palestinese per consentire a queste ultime di ritirarsi ed evitare lo scontro. Tuttavia, in passato si è verificato un errore di comunicazione che ha portato i soldati dell’IDF a prendere di mira per errore le forze dell’Autorità Palestinese, ritenendole elementi terroristici.

Ci sono stati anche casi in cui membri delle forze di sicurezza del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas hanno commesso azioni canaglia e hanno aperto il fuoco contro le forze israeliane senza provocazione.

L’incidente della notte è avvenuto meno di un mese dopo che i soldati israeliani hanno erroneamente aperto il fuoco su due ufficiali dell’intelligence dell’Autorità Palestinese che credevano erroneamente terroristi mentre si stavano ritirando verso la giunzione di Tabwah nella Cisgiordania settentrionale.

Ahmad Daraghmeh, un residente della città di Laban al-Sharqiya in Cisgiordania, vicino a Nablus, è stato ucciso sul posto. Il suo collega, Muhammad al-Nubani, è stato portato in ospedale in condizioni critiche.

Aaron Boxman ha contribuito a questo rapporto.

sei serio lo apprezziamo!

Ecco perché veniamo a lavorare ogni giorno – per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante per aiutare a sostenere il nostro lavoro unendosi La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiti, così come l’accesso a contenuti esclusivi disponibili solo per i membri della comunità di Times of Israel.

Unisciti alla nostra community

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più

READ  Un'eruzione del vulcano Nyiragongo nel Congo orientale