octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il peruviano Fujimori guida la protesta per annullare i voti mentre Castillo si avvicina alla vittoria

La candidata presidenziale di destra peruviana Keiko Fujimori, che rischia di perdere al ballottaggio contro la rivale socialista, ha guidato una protesta sabato a Lima, chiedendo nuovamente la revoca dei voti che non la sostenevano.

“Se la giuria (elettorale) lo analizzerà, le elezioni saranno ribaltate, cari amici”, ha detto Fujimori a migliaia di sostenitori, molti dei quali hanno sventolato la bandiera rossa e bianca peruviana. “Sono il tipo che non si arrende mai”.

Il primo candidato Pedro Castillo, membro del partito di sinistra liberale del Perù, sta per essere nominato prossimo presidente del paese andino, nonostante le accuse infondate di frode di Fujimori, mentre il conteggio si avvicinava al secondo turno di votazioni all’inizio di questo mese. .

Castillo, un insegnante di scuola elementare cresciuto in un villaggio povero, era in testa con 50.000 voti sabato sera, con solo 16.000 voti rimasti da contare.

Ma Fujimori questa settimana ha raddoppiato sempre più le accuse di frode, affermando che i sostenitori di Castillo hanno rubato voti nelle aree rurali dove i voti non sono stati ricevuti. Gli osservatori internazionali hanno affermato che non ci sono prove di brogli e che le elezioni sono state pulite.

“C’è sicuramente un boicottaggio, la gente vuole cambiare la nostra voce, il che porta all’esclusione dei voti di Keiko (Fujimori)”, ha detto Ronald Vertes, un manifestante a Lima che lo sostiene.

Fujimori afferma di aver cercato di cancellare 200.000 schede che sono già state conteggiate, anche se la maggior parte di tali domande è stata presentata dopo una scadenza cruciale, il che significa che è improbabile che vengano prese in considerazione.

READ  L'Etiopia espelle sette funzionari Onu, accusandoli di "interferenza"

“Maestro Pedro Castillo (presidente), abbiamo vinto”, ha scritto il suo partito su Twitter venerdì in ritardo.

Fujimori ha anche accusato la “sinistra internazionale” di aver premuto per la vittoria di Castillo, osservando come Argentina e Bolivia, paesi guidati da leader della sinistra, siano stati pronti a riconoscere il candidato socialista come presidente eletto del Perù.

“Il Perù è un paese di importanza strategica e geopolitica in America Latina ed è per questo che la sinistra internazionale sta cercando di farlo”, ha detto Fujimori in una conferenza stampa con i media stranieri sabato mattina.

I sostenitori del candidato presidenziale peruviano Keiko Fujimori si riuniscono fuori dal Palazzo di Giustizia, sede della Corte Suprema del Perù, durante una manifestazione a Lima, Perù, 12 giugno 2021. REUTERS/Alessandro Cinque

Fujimori, la figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori che è incarcerato con l’accusa di violazioni dei diritti umani e corruzione, affronta problemi legali da sola.

I pubblici ministeri questa settimana hanno cercato di incarcerarla di nuovo per le accuse di riciclaggio di denaro, per le quali chiedono 30 anni di carcere. Una vittoria elettorale fermerebbe il processo penale contro Fujimori fino alla fine della sua amministrazione.

Anche se Fujimori riesce a eliminare alcuni voti, il numero di voti rimasti rende improbabile che faccia pendere il punteggio.

Il teso conteggio dei voti è il culmine di un’elezione aspramente divisiva in Perù, in cui molti cittadini a basso reddito hanno sostenuto Castillo mentre i ricchi hanno votato per Fujimori.

Venerdì, la giuria elettorale del Perù, che sovrintende alle elezioni del Paese, ha cercato di posticipare la scadenza per consentire a Fujimori di presentare richieste di squalifica fino a 200.000 voti espressi nelle regioni più povere del Perù, ma nel pomeriggio ha affermato di essersi ritirata da quel piano. , aprendo la strada a una vittoria Castillo.

READ  Elezioni in Perù: le accuse di frode di Fujimori sono state criticate mentre il vantaggio del rivale si amplia | Perù

Sabato, Fujimori ha guidato una protesta che ha chiesto che gli appelli fossero ascoltati di fronte a 200.000 voti, uno sforzo che Castillo ha messo in dubbio.

“Chiediamo (alla giuria elettorale) di garantire e sostenere un processo elettorale pulito ed equo”, ha scritto Castillo su Twitter venerdì sera. “Il popolo del Perù se lo merita”.

Fujimori ha presentato per la prima volta accuse di frode lunedì, quando le statistiche preliminari del ballottaggio di domenica hanno mostrato che probabilmente avrebbe perso con un margine ristretto.

La potenziale amministrazione Castillo ha spaventato i mercati, in gran parte perché il suo partito si definisce marxista-leninista.

Recentemente ha cercato una piattaforma di sinistra moderata, ma non è chiaro se la sua amministrazione alla fine manterrà questo tono o tornerà alle radici del partito come organizzazione di estrema sinistra.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.