septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il naufragio al largo dello Sri Lanka potrebbe diventare un disastro permanente: NPR

Giovedì un uomo passa davanti a sacchi contenenti relitti trascinati a riva dall’X-Press Pearl su una spiaggia di Colombo. La biologa marina Asha de Vos afferma che i pellet di plastica si degraderanno e saranno difficili da pulire nel tempo.

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images

Giovedì un uomo passa davanti a sacchi contenenti relitti trascinati a riva dall’X-Press Pearl su una spiaggia di Colombo. La biologa marina Asha de Vos afferma che i pellet di plastica si degraderanno e saranno difficili da pulire nel tempo.

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images

Un naufragio al largo delle coste dello Sri Lanka sta causando un disastro ambientale per il Paese che sembra destinato ad avere effetti a lungo termine.

La X-Press Pearl ha preso fuoco il 20 maggio e ha bruciato per due settimane, ma sembra che l’incendio si sia per lo più spento. L’equipaggio è stato evacuato. La nave è ora parzialmente seduta sul fondo del mare con la prua che si stabilizza lentamente.

Il suo carico è preoccupante: la nave trasportava sostanze chimiche pericolose, tra cui 25 tonnellate di acido nitrico e 350 tonnellate di olio combustibile. L’operatore della nave dice che il petrolio non è ancora fuoriuscito. Ma ciò che sta davvero influenzando le spiagge vicine sono 78 tonnellate di plastica chiamate nurdles, la materia prima utilizzata per realizzare la maggior parte dei tipi di prodotti in plastica.

Ondate di palline di plastica bagnano la spiaggia. La nave si trova a circa 5 miglia dalla spiaggia più vicina.

READ  Almeno 9 chiese canadesi sono state incendiate tra la rabbia degli indigeni nei collegi

“Sono stato su questa spiaggia molte volte prima”, dice la biologa marina Asha de Vos. “È quella spiaggia tropicale perfetta con palme e sabbia meravigliosa.”

De Vos ha visitato la spiaggia negli ultimi giorni. “Era solo una spiaggia ricoperta di queste palline bianche”, dice. Tutte le cose considerate. “Questo è successo dopo che i Marines avevano ripulito per giorni e giorni. Ogni volta che riempivano i sacchi e li tiravano fuori da tutte queste migliaia di altri sacchi, c’era un’altra ondata che si inzuppava di più pellet. Quindi sembrava senza fine. Per me, è stato davvero triste vederlo”.

Giovedì è stata scattata una foto dei sacchi contenenti detriti spiaggiati dalla X-Press Pearl su una spiaggia di Colombo.

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images

Giovedì è stata scattata una foto dei sacchi contenenti detriti spiaggiati dalla X-Press Pearl su una spiaggia di Colombo.

Lacrone Wanyarachi/AFP tramite Getty Images

De Vos afferma che gli scienziati non comprendono appieno gli effetti a lungo termine di queste plastiche sugli animali. Ecco gli estratti dell’intervista, modificati per lunghezza e chiarezza:

La vita marina, ovviamente, mangia questi pellet. C’è un senso della portata del disastro?

Penso che ora siamo davvero grati di non aver ancora avuto una fuoriuscita di petrolio. E penso che speriamo davvero che ciò non accada. Ma, ovviamente, la preoccupazione immediata nei primi giorni erano i prodotti chimici a bordo. Ma il concetto è che si sarebbero bruciati o se fossero caduti in acqua e si fossero rovesciati nell’acqua, avrebbero potuto sciogliersi. Quindi l’effetto delle sostanze chimiche è per lo più locale ea breve termine.

READ  Bolsonaro dice che sarà arrestato, ucciso o vincerà le imminenti elezioni brasiliane

Ma questi granuli di plastica, come quelle piccole microplastiche che galleggiano intorno, si muovono molto facilmente con le correnti, i venti e le onde. E li abbiamo trovati lungo tutta la costa occidentale, lungo la costa meridionale che ora iniziano a risalire la costa settentrionale. Quindi, sai, si muove velocemente. Entra in tutti gli angoli e le fessure.

Ci sono preoccupazioni per l’ingestione della specie. Questo è più che probabile che accada. Ma le specie più colpite saranno i piccoli pesci, perché possono bloccare i loro percorsi e cose del genere. Indipendentemente da ciò, il pesce più grande probabilmente lo tirerà fuori.

Ma c’è anche la preoccupazione che queste minuscole particelle, questi granuli, possano assorbire le tossine chimiche dall’ambiente oceanico. E mentre lo fanno — e poi viaggiano, ovviamente portano con sé queste tossine. Ora, questo è chiaramente qualcosa che sarà di maggiore preoccupazione in futuro poiché sono stati nell’acqua per più tempo.

Se un animale lo ingoiasse, non capiamo appieno cosa potrebbe succedere. E non siamo solo noi. Questa è la comunità globale che lo studia.

Un granchio che vaga su una spiaggia contaminata da palline di plastica che sono arrivate a riva dalla nave. Gli scienziati non conoscono gli effetti completi degli animali che ingeriscono questi tipi di plastica.

Iranja Jayawardena/AFP


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Iranja Jayawardena/AFP

Ma ci sono anche impatti sui mezzi di sussistenza. I cacciatori non possono andare a pescare in questo momento. Queste spiagge sono molto importanti per la nostra industria del turismo. Anche gli effetti sono sicuramente di vasta portata.

Li descrivi come microplastiche. Sono del tipo che le persone possono ripulire o, in alcuni casi, sono troppo giovani per farlo?

Microplastiche che di solito sono inferiori a 5 millimetri. E qui, come sai, sono ancora visibili. Puoi pulirlo, puoi raccoglierlo. Sono ovviamente all’incirca delle stesse dimensioni dei granelli di sabbia. Questo lo rende un po’ difficile. La cosa principale ora è che in Sri Lanka siamo in una situazione chiusa. Quindi non possiamo inviare volontari sulle spiagge per aiutare a ripulire.

Perché l’Asia meridionale è la più colpita dall’epidemia oltre a questo disastro ambientale

Esattamente. È un buon equilibrio tra cercare di mantenere le persone sane e al sicuro, ma allo stesso tempo anche cercare di gestire questo disastro ambientale. Ma il fatto è che ora sono visibili, giusto? Come se qui fosse lo shock. Quando vediamo le immagini, vedete le pile di queste palline di plastica.

Ma quello che accadrà nel tempo è che con il movimento del vento, delle onde e dei raggi ultravioletti, queste particelle inizieranno a dividersi in particelle sempre più piccole e saranno ancora lì, ma saranno meno visibili. È allora che diventa davvero difficile ripulire.

L’intervista audio è stata prodotta e montata da Manu Sundaresan e Patrick Jarnoatanon. Prodotto da James Dubic per il Web.