septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Giordania è stata attaccata da droni iraniani – King Abdullah

Domenica, il re Abdullah ha dichiarato alla CNN che droni e missili di fabbricazione iraniana hanno attaccato la Giordania in numero crescente, descrivendo i pericoli per il Regno hascemita e la regione dalla Repubblica islamica.

“Sfortunatamente, la Giordania è stata attaccata da droni che sono apparsi ed è una firma iraniana con cui abbiamo a che fare”, ha detto Abdullah a Fareed Zakaria della CNN. Ha spiegato che gli attacchi di droni si sono verificati nell’ultimo anno e sono aumentati.

Abdullah ha elencato una serie di questioni relative all’Iran, tra cui il programma nucleare, lo sviluppo di missili balistici, attacchi informatici e schermaglie lungo il confine giordano.

Il re ha detto che “la tecnologia balistica iraniana è notevolmente migliorata. Lo abbiamo visto, purtroppo, contro le basi americane in Iraq. Abbiamo visto che l’Arabia Saudita riceve missili dallo Yemen. Israele dalla Siria e dal Libano, in una certa misura”.

“Ciò che va storto con Israele a volte arriva in Giordania…Aggiungi a questo. [the] Gli attacchi informatici sono in aumento in molti dei nostri paesi. Le sparatorie ai nostri confini sono aumentate quasi fino al momento in cui alla fine eravamo con l’ISIS [ISIS]ha detto Abdullah, riferendosi ai pericoli per il suo regno.

Israele, negli ultimi anni, lo ha fatto Chiudere Un certo numero di droni di fabbricazione iraniana lungo i suoi fronti settentrionali e al confine con la Giordania, anche durante l’operazione Guards of the Fences.

Israele ha bombardato dall’aria obiettivi iraniani in Siria e Damasco ha spesso lanciato missili contro gli aerei che hanno effettuato gli attacchi e sono atterrati in territorio giordano.

READ  La Germania cerca di aumentare i tassi di vaccinazione

In un’intervista con la CNN, Abdullah è stato ambiguo quando gli è stato chiesto se sostenesse la pressione dell’amministrazione Biden per aderire all’accordo nucleare iraniano del 2015, noto come Piano d’azione globale congiunto. I colloqui a Vienna per riattivare l’accordo tra Teheran e sei potenze mondiali – Stati Uniti, Russia, Cina, Germania, Francia e Regno Unito – sono in stallo, anche se le discussioni dovrebbero riprendere solo ad agosto.

“Ci sono legittime preoccupazioni nella nostra parte del mondo su molti portafogli ministeriali che speriamo gli americani possano discutere con gli iraniani”, ha detto Abdullah, aggiungendo che questo include questioni di particolare importanza per la Giordania.

Abdullah ha detto: “Il programma nucleare colpisce Israele così come il Golfo”.

Abdullah ha aggiunto, tuttavia, che sentiva che americani e iraniani Gli atteggiamenti nei colloqui di Vienna sono “piuttosto distanti”.

Il monarca giordano ha notato gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti, del Kuwait e dell’Arabia Saudita per raggiungere l’Iran al fine di allentare le tensioni.

Abdullah ha aggiunto: “Speriamo che questi colloqui ci portino a una situazione migliore in cui possiamo calmare la regione perché abbiamo molte sfide”.

Il re ha parlato alla CNN durante il suo viaggio negli Stati Uniti, durante il quale ha visitato la Casa Bianca la scorsa settimana ed è diventato il primo leader esecutivo del Medio Oriente a incontrare gli Stati Uniti.

Il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kazemi incontrerà Biden lunedì e funzionari statunitensi e israeliani stanno lavorando per fissare una data Incontro presto tra Biden e il primo ministro Naftali Bennett.

Omri Nahmias, Anna Aharonheim e Reuters hanno contribuito a questo rapporto.