enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati usano il metodo della corsa dei tori per raccogliere dati sulla corsa umana

questo Dentro le scienze una storia.

Le persone camminano da sole relativamente velocemente. Folla che cammina lentamente. Ma come si muove una folla quando c’è, diciamo, un enorme toro che li attacca? Per rispondere a questa domanda, gli scienziati hanno analizzato il movimento di una folla di corridori mentre correvano tori a Pamplona, ​​in Spagna, nel 2019.

Il Festival di San Fermín a Pamplona, ​​in Spagna, ospita l’evento più famoso al mondo per la corsa con i tori. Ogni mattina per una settimana all’anno, i funzionari del festival inviano sei tori lungo una serie di strade strette e chiuse verso folle di persone in attesa.

Nel 2019, il ricercatore di dinamiche pedonali Daniel Baresi, dell’Istituto Tecnologico di Buenos Aires, ha partecipato al festival, sebbene non fosse lui stesso a dirigere. Invece, Baresi stava raccogliendo dati da una serie di telecamere a circa quattro o cinque piani sopra la strada.

La dinamica pedonale è la scienza di come si muovono le folle ed è utile a chiunque progetta o progetta spazi come edifici o strade. Le uscite degli stadi che consentono alle persone di uscire rapidamente senza creare un ingorgo umano possono farlo grazie alle intuizioni delle dinamiche pedonali.

Ma c’è una lacuna nella conoscenza degli scienziati. Mentre gli scienziati hanno molti dati da folle che si muovono a velocità di camminata, quando si tratta di correre folle, ce ne sono pochissime. È difficile prevedere quando qualcosa causerà la confusione delle persone nel mondo reale. Una folla costante può essere pericolosa se le persone iniziano a inciampare l’una sull’altra.

READ  Una toilette rotta in una capsula SpaceX significa che gli astronauti torneranno sulla Terra con i pannolini: NPR

«In laboratorio, questo tipo di esperimento con un pericolo reale non è etico. Ma questo festival è quasi come le condizioni di laboratorio», ha detto Parisi. È facile osservare la strada, la corsa si svolge più volte e nello stesso luogo, e lo stimolo – l’apparizione improvvisa di un toro in fiamme – è una forza motivazionale costante. «Quindi questo non è sperimentale, ma è quasi sperimentale perché viene ripetuto più e più volte nelle stesse condizioni».

Catturando video e utilizzando software per contrassegnare e tracciare la posizione di ciascun corridore, Parisi e i suoi colleghi sono stati in grado di esplorare se gli scienziati potevano utilizzare eventi del mondo reale come questi per cercare informazioni. In tal modo, hanno fatto due scoperte.

Innanzitutto, Parisi e il suo team hanno scoperto che mentre la folla può essere veloce o densa a volte, c’è stata una combinazione di velocità e intensità che non si è mai verificata a causa di corridori che si inciampavano e cadevano. «È evidente», ha detto Parisi. «Con uno spazio personale limitato, non puoi correre troppo veloce.»

Ma il secondo risultato è stato inaspettato. Mentre si presume tradizionalmente che le folle si muovano rapidamente e le folle dense siano lente, Parisi ha scoperto che quando i tori si avvicinano per la prima volta ai corridori, per un breve periodo di tempo, la folla diventa più densa e più veloce. «Questo è sorprendente e non è stato notato prima», ha detto Parisi. Sottolinea che questo potrebbe essere in qualche modo unico per le particolari circostanze dell’evento: le persone hanno iniziato relativamente distanti e costantemente, solo per essere inviate a rimescolarsi in modi estremi per evitare i tori. I corridori sanno anche aspettarsi tori, anche se non sanno esattamente quando appariranno.

READ  Ecco come gli astronauti celebrano il Ringraziamento nello spazio

i ricercatori’ carta, pubblicato la scorsa settimana sulla rivista PNAS, mostra che con la giusta tecnologia, i ricercatori in dinamiche pedonali possono già guardare a questo tipo di festival o eventi estremi per ottenere informazioni sulle folle e sul loro comportamento, anche se è necessario più lavoro.

«Penso che la metodologia sia promettente», ha affermato Rachel Birney, ricercatrice di design urbano presso l’Università di Washington. Ha detto che avrebbe considerato la ricerca come esplorativa – è una buona idea rivedere qualsiasi risultato usando altri metodi prima di fare affidamento su di essa – ma quel tipo di ricerca può fornire spunti per i progettisti urbani.

Carlo Rati, direttore del Sensible City Laboratory del MIT, ha dichiarato in una e-mail a Inside Science che pensa che fare lo studio mentre i tori corrono sia interessante e che «il documento dimostra come la rivoluzione dei big data stia aiutando i ricercatori a documentare e descrivere ambienti precedentemente inesplorati, e far luce su problemi che solo pochi anni fa non erano quantificabili”.

Quanto allo stesso Parisi, si è accontentato di osservare i concorrenti senza vivere in prima persona l’evento. «Forse se avessi vent’anni di meno», disse, «ma non ora». Il festival ha invece molte altre attività meno rischiose da godersi.

Dentro le scienze è un servizio di notizie editorialmente indipendente e senza scopo di lucro per giornalismo cartaceo, elettronico e video, di proprietà e gestito dall’American Institute of Physics.