agosto 11, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli scienziati chiedono di restituire Plutone come pianeta – RT World News

Un nuovo studio suggerisce che l’attuale definizione di «pianeta» è radicata nel folklore e nell’astrologia e dovrebbe essere abbandonata perché non soddisfa le esigenze dell’astronomia moderna, aprendo la porta al ritorno di Plutone.

Plutone è stato scoperto nell’anello di oggetti al di fuori dell’orbita di Nettuno, noto come Cintura di Kuiper, nel 1930, ed è stato dichiarato il nono pianeta del sistema solare.

Tuttavia, il suo status è stato messo in discussione dopo che molti altri oggetti di dimensioni simili sono stati trovati nella fascia di Kuiper, con l’Unione Astronomica Internazionale (IAU) che alla fine ha declassato Plutone a «pianeta nano» nel 2006.

Per saperne di più

Ciò è avvenuto in linea con la nuova definizione di «pianeta» Adottato dall’Unione Astronomica Internazionale, che ha affermato che un corpo celeste deve ruotare attorno al Sole, avere una forma approssimativamente circolare ed essere gravitazionalmente dominante, eliminando la propria orbita, per soddisfare i criteri.

Plutone finì per essere escluso perché la sua orbita si interseca con quella di Nettuno e perché condivide la sua circonferenza orbitale con altri oggetti della fascia di Kuiper.

La regola che impone al pianeta di lasciare la sua orbita «In realtà è stato sviluppato in modo retrospettivo per preservare un piccolo numero ordinato di pianeti», ha affermato Philip Metzger, del Florida Space Institute della University of Central Florida (UCF).

Ha notato che l’idea di un numero finito di pianeti che non hanno nulla a che fare con la scienza, deriva dal folklore e dall’astrologia.

Per dimostrare questo punto, Metzger e il suo team hanno studiato un’enorme quantità di letteratura planetaria degli ultimi quattrocento anni, condividere I risultati di cinque anni del loro lavoro sono sulla rivista astronomica Icarus.

READ  L'asteroide "Dog-Bone" è più strano di quanto immaginassimo

Secondo il giornale, intitolato «le lune sono pianeti» La definizione data da Galileo nel XVII secolo – che un pianeta aveva bisogno solo di un corpo geologicamente attivo nello spazio – è stata utilizzata dagli scienziati per gran parte della storia e si è erosa solo nel XX secolo.

Per saperne di più

Un misterioso asteroide può essere riclassificato come il più piccolo pianeta nano del sistema solare

È successo tra il 1910 e il 1950, quando il declino del numero di articoli di ricerca sulla scienza planetaria ha coinciso con l’avvento di pubblicazioni come gli almanacchi, ha detto Metzger a UCF Today.

«C’erano abbastanza almanacchi venduti in Inghilterra e negli Stati Uniti che ogni famiglia poteva averne una copia ogni anno».

Questi almanacchi presentavano ai loro lettori un’intera gamma di informazioni, dai calendari di eventi astronomici alle ricette per cucinare e l’immaginazione. Ma c’era anche una grande enfasi sull’astrologia, comprese le previsioni meteorologiche astrologiche che potevano essere fatte solo se ci fosse un numero limitato di pianeti.

«Questo è stato un periodo chiave della storia, quando il pubblico ha accettato che la Terra ruotasse intorno al sole piuttosto che il contrario, e ha combinato questa grande intuizione scientifica con la definizione di pianeti che proveniva dall’astrologia», ha detto Metzger.

Quelle opinioni secondo cui le lune e i satelliti non dovrebbero essere considerati pianeti si sono poi fatti strada nella letteratura scientifica. Ha aggiunto che questa definizione non funziona più perché l’astronomia dipende da una tecnologia avanzata che le consente di studiare lo spazio in modo più completo.

«C’è un’esplosione nel numero di esopianeti che abbiamo scoperto negli ultimi 10 anni, e aumenterà solo man mano che lanceremo telescopi migliori nello spazio».

«Dobbiamo risolvere questo problema [the definition of a ‘planet’] Ora, prima di andare troppo lontano in questa rivoluzione con gli esopianeti. Vogliamo fare un eccellente lavoro scientifico perché questo grande flusso di dati rende così importante identificare correttamente le nostre nuove scoperte».

Metzger e i suoi colleghi stanno premendo per un ritorno alla definizione di Galileo e, se si sente il loro richiamo, Plutone tornerà ad essere un pianeta, con molti corpi celesti che si uniranno a esso.

READ  Quasi il 90% dei ricoveri COVID della contea di Sacramento non è vaccinato