agosto 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Cina Covid-19: alle persone non vaccinate in alcune parti del paese è negato l’accesso a ospedali, parchi e scuole

Nell’ultima settimana, dozzine di governi a livello provinciale in almeno otto province hanno pubblicato avvisi che avvisano i loro cittadini fino alla fine di luglio o all’inizio di agosto di ricevere le vaccinazioni, dopodiché dovranno affrontare una serie di restrizioni sulla vita quotidiana.

Shao Yiming, un epidemiologo presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato ai media statali che poiché il tasso di protezione dei vaccini cinesi è inferiore al 100%, la Cina dovrà vaccinare completamente dall’80% all’85% della popolazione, che è equivalente a un miliardo di persone. La popolazione totale del paese è 1,4, per rispettare la scadenza di dicembre.

Con la Cina che contiene in gran parte la diffusione del virus, molti residenti inizialmente hanno visto poco bisogno di vaccinazione. Anche la storia degli scandali sulla sicurezza relativi ai vaccini domestici ha contribuito all’esitazione pubblica. Tuttavia, diversi recenti focolai locali, tra cui nelle province settentrionali di Anhui e Liaoning e Guangdong nel sud, hanno sollevato timori di infezione, spingendo a una corsa per ottenere le vaccinazioni nelle aree colpite.

In tutto il paese, il tasso di vaccinazione è accelerato negli ultimi mesi, con una media di oltre 10 milioni di iniezioni al giorno. Da mercoledì, il governo cinese è in corsa 1,4 miliardi Dosi di vaccino contro il Covid-19, secondo le stime dei media governativi, anche se non è chiaro quale percentuale della popolazione totale abbia ricevuto due vaccinazioni.

L’ampia campagna ha visto i dipendenti del governo spostarsi nei quartieri per cercare di far vaccinare le persone, con siti di vaccinazione che offrono vantaggi, che vanno dai buoni spesa a generi alimentari e gelati gratuiti.

Ma gli esperti hanno avvertito che molti residenti che non hanno ancora ricevuto una singola dose saranno difficili da raggiungere, specialmente nelle aree rurali, spingendo i governi locali ad adottare misure più severe per garantire l’immunità del gregge.

“Tutte quelle strategie che hanno usato per invogliare le persone a farsi vaccinare… potrebbero non funzionare in questa prossima fase dello sforzo di vaccinazione”, ha affermato Yanzhong Huang, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations.

“Renderlo obbligatorio potrebbe essere l’unica soluzione pratica al problema”, ha aggiunto.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina sono severi sul commercio dopo un altro incontro ad alto livello, ma dicono di voler continuare a parlare

Ingresso vietato

Nelle prime due settimane di luglio, almeno 50 contee in 12 province cinesi hanno emesso avvisi di misure rafforzate per incoraggiare i cittadini non vaccinati a farsi vaccinare, aggiungendo che “la mancata vaccinazione influenzerà la vita e l’uscita”.

Finora, le notifiche delle nuove misure sono state pubblicate in Sichuan, Fujian, Shaanxi, Jiangsu, Jiangxi, Guangxi, Anhui, Shandong, Hebei, Henan, Zhejiang e Mongolia interna.

La maggior parte delle aree che applicano queste misure sono relativamente piccole per gli standard cinesi: la più grande è la città di Zaozhuang nella provincia di Shandong, che ha una popolazione di 4,2 milioni. La prima misura è stata annunciata l’8 luglio e venerdì vengono ancora pubblicati nuovi avvisi.

Le politiche variano ampiamente da luogo a luogo: in 33 province, le autorità hanno affermato che i registri delle vaccinazioni saranno controllati all’ingresso nelle strutture pubbliche, compresi gli edifici amministrativi e le strutture sanitarie, e i cittadini che non sono stati vaccinati saranno incoraggiati a farlo. E quindi.

Ma in 19 contee, i governi locali hanno esplicitamente avvertito che entro poche settimane, ai cittadini non vaccinati potrebbe essere negato l’accesso a una vasta gamma di luoghi e servizi pubblici.

“A partire dal 17 luglio, in linea di principio, le persone che non sono state vaccinate… non possono entrare in luoghi chiave come reparti ospedalieri, case di cura, scuole, biblioteche, ecc.”, ha affermato un avviso pubblicato nel distretto di Jingyan, provincia del Sichuan. Ha aggiunto che sarebbe un’eccezione per coloro che hanno un legittimo motivo di salute per evitare il vaccino. L’avviso diceva anche che i dipendenti dei supermercati non vaccinati e i proprietari delle bancarelle del mercato sarebbero stati esclusi dal loro lavoro.

In alcune contee le misure sono più estreme. Nel Guangxi, due città – Guiping e Beiliu – hanno affermato che agli studenti non sarebbe stato permesso di andare a scuola a meno che i loro genitori non fossero a pieno titolo. vaccinazione. Dopo un’opposizione schietta sui social media, gli avvisi sono stati cancellati anche se non è chiaro se le restrizioni rimarranno in vigore.

E nella contea di Tangyi, nella provincia di Henan, i media statali hanno riferito che le agenzie governative locali avrebbero smesso di pagare i dipendenti o i lavoratori delle imprese statali se si fossero rifiutati di vaccinare.

I cittadini ricevono il vaccino contro il Covid-19 presso la Fuyang Normal University il 13 maggio a Fuyang, nella provincia di Anhui.

Pallone di prova o pressione ufficiale?

I funzionari cinesi non sono i soli a ordinare le vaccinazioni per alcuni lavoratori chiave o a vietare l’accesso a coloro che non hanno ricevuto vaccinazioni. L’ordine del presidente francese Emmanuel Macron Tutti gli operatori sanitari Vaccinare a rischio di perdere il lavoro, mentre prova di due colpi Ospedali, ristoranti e alcuni mezzi di trasporto saranno necessari in Francia dall’inizio di agosto.

Allo stesso modo, il governo australiano ha richiesto a tutti gli operatori di assistenza agli anziani di ricevere almeno un vaccino contro il Covid-19 entro metà settembre.

Ma queste sono le prime misure del loro genere in Cina, il che ha portato a critiche, con alcuni preoccupati che le restrizioni siano un precedente nazionale. Vaccinazione obbligatoria.
scrivi dentro China News Weekly di proprietà stataleShen Cui, direttore del Centro di ricerca sui diritti umani e il diritto umanitario dell’Università di Pechino, ha messo in dubbio la legalità delle misure, paragonandolo a vere e proprie vaccinazioni obbligatorie.

“Le persone che non sono vaccinate dovranno affrontare vari ostacoli nel vivere e lavorare secondo questa politica. L’unico modo per evitare questi ostacoli è farsi vaccinare. Se la vaccinazione non è forzata, cosa potrebbe essere?” chiese Shane.

READ  Trudeau afferma che non c'è accordo sulla revoca delle restrizioni alle frontiere dopo i colloqui con Biden

“Prima che la vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19 diventi un requisito legale, non esiste una base legale per tali restrizioni”, ha aggiunto.

quella editoriale Riguardo alle nuove misure per gli scolari a Guiping, pubblicate sul popolare sito di notizie Sohu, ha affermato che ignorare il diritto dei cittadini a non prendere il vaccino è “un tradimento e una sfiducia nei confronti della gente”.

“Come dipartimento amministrativo locale, dovrebbe rispettare le persone, avanzare e ritirarsi con le persone e costruire un fronte unito per la prevenzione delle epidemie”, ha affermato l’editoriale.

Finora, il governo centrale cinese non ha ufficialmente imposto la vaccinazione contro il Covid-19. Jin Dongian, professore di medicina di precisione presso la School of Biomedical Sciences dell’Università di Hong Kong, ha affermato che le politiche sono state probabilmente il risultato di funzionari del governo locale sottoposti a forti pressioni per raggiungere gli obiettivi di vaccinazione di Pechino.

COVAX firma un accordo per 550 milioni di vaccini cinesi contro il Covid-19 tra domande sull'efficacia

Sotto la struttura amministrativa verticistica del governo cinese, la leadership del paese spesso stabilisce decreti politici e poi lascia ai funzionari locali la decisione di come attuarli. Il mancato raggiungimento degli obiettivi politici può comportare la perdita di future promozioni o addirittura il posto di lavoro dei politici locali.

“Devono soddisfare e useranno tutti i mezzi a loro discrezione e proveranno tutte le opzioni disponibili”, ha detto Jane.

Ma Huang del Council on Foreign Relations si è chiesto se le nuove politiche fossero un atto troppo zelante dei funzionari del governo locale sotto pressione per raggiungere gli obiettivi di vaccinazione, o un pallone di prova lanciato dal Partito Comunista a Pechino.

Huang ha affermato che il governo cinese ha una lunga storia di sperimentazione di iniziative potenzialmente controverse a livello locale prima di introdurle a livello nazionale per vedere come i cittadini le riceveranno.

READ  Incendio alla raffineria di petrolio iraniana: i vigili del fuoco combattono un enorme incendio dopo la perdita e l'esplosione della linea di GPL

“Forse questa è un’iniziativa del governo centrale”, ha detto.

Huang ha aggiunto che se Pechino vuole garantire che la Cina possa mantenere l’immunità di gregge, potrebbe dover rendere obbligatorio il vaccino, che si tratti di una procedura comune o meno. “Per qualsiasi vaccino con tassi di efficacia inferiori all’80%, è necessario vaccinare l’intera popolazione”, ha affermato. “Solo chiedere alle persone di ottenere il vaccino non lo otterrà”.

La Cina ha approvato l’uso di cinque vaccini domestici – due sviluppati dalla Sinopharm di proprietà statale, altri da Sinovac, CanSino e Anhui Zhifei – con la maggior parte della popolazione che riceve iniezioni Sinopharm o Sinovac.

Finora, gli esperimenti mostrano che Sinopharm e Sinovac sono meno efficaci contro Covid-19 rispetto alle loro controparti mRNA. Negli studi brasiliani, Sinovac ha avuto quasi il 50% di efficacia contro i sintomi di Covid-19 e il 100% di efficacia contro le malattie gravi, secondo i dati degli studi presentati all’Organizzazione mondiale della sanità. L’efficacia di Sinopharm sia per i sintomi che per le malattie ospedaliere è stata stimata al 79%, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Nectar Gan e Yong Xiong della CNN hanno contribuito a questo rapporto.