diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

È morto all’età di 85 anni FW de Klerk, l’ultimo leader sudafricano dell’apartheid a liberare Nelson Mandela

De Klerk ha rilasciato Mandela, il suo successivo successore, dalla prigione e ha negoziato diligentemente una transizione verso la democrazia, ponendo fine al decennale sistema di apartheid che aveva mantenuto la minoranza bianca del Sudafrica al potere per generazioni sulla maggioranza nera.

I due uomini hanno condiviso il Premio per la pace nel 1993 per il loro lavoro per porre fine alla politica.

La Fondazione FW de Klerk ha dichiarato giovedì che de Klerk è morto nella sua casa di Fresnay a causa di un cancro al mesotelioma.

De Klerk, un politico ferocemente conservatore il cui partito ha sostenuto a lungo l’apartheid, è diventato un improbabile agente di cambiamento in Sudafrica durante i suoi cinque anni di governo del paese.

Rendendosi conto della possibilità di una guerra civile in mezzo a tensioni etniche, ha sorpreso il suo clan politico rilasciando Mandela e legittimando l’African National Congress. Nel 1993, de Klerk e altri leader hanno ratificato una nuova costituzione che ha ufficialmente posto fine a decenni di apartheid in Sud Africa.

Si è descritto come un «cambiamento» in un’intervista alla CNN nel 2012. Ha aggiunto che «l’obiettivo era separato ma uguale, ma separato ma uguale fallito». «Avremmo dovuto partire molto prima con il flusso quando i venti del cambiamento hanno soffiato in Africa».

De Klerk ha perso la prima elezione democratica multirazziale del Sudafrica a Mandela, prima di prendere posizione nel nuovo governo.

Ma dopo essersi ritirato dalla politica, ha fatto una serie di commenti contrastanti sull’era che ha contribuito a porre fine, e la sua eredità come premio Nobel a volte si è rivelata controversa.

READ  L'Australia ha i suoi peggiori giorni di COVID quest'anno con milioni di persone bloccate

Nella stessa intervista del 2012, de Klerk ha provocato indignazione cavillando sul fatto che l’apartheid fosse una politica moralmente ripugnante. «Posso solo dire che in modo qualificato… c’erano molti aspetti che erano moralmente indifendibili», ha detto.

L’anno scorso, la sua fondazione si è scusata dopo che de Klerk ha affermato che l’apartheid non era un crimine contro l’umanità durante un’intervista con l’emittente pubblica sudafricana SABC.