diciembre 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

11 morti in un incidente minerario russo, i soccorsi sono stati interrotti a causa del rischio di esplosione

  • Decine si sono fermate sottoterra, i soccorsi si sono fermati
  • I soccorritori temono l’esplosione
  • Un altro incidente colpisce il cuore delle miniere di carbone in Russia

MOSCA (Reuters) – Almeno 11 minatori sono morti giovedì in un incidente in una miniera di carbone nella Siberia russa, ha detto il governatore della regione, e un’operazione per salvare decine di persone intrappolate nel sottosuolo è stata sospesa a causa del rischio di un’esplosione.

La polvere di carbone ha preso fuoco nella bocca della miniera di Listvaiznaya nella regione di Kemerovo coperta di neve giovedì, riempiendo la miniera di fumo, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa TASS citando i servizi di emergenza locali.

«La possibilità di un’esplosione è molto alta. Abbiamo deciso di sospendere le operazioni di ricerca e soccorso fino a quando la concentrazione di gas non diminuirà», ha affermato il governatore della regione, Sergei Tsivelev. Ha detto che i livelli di metano e anidride carbonica sono pericolosamente alti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Ha aggiunto che 11 persone erano morte e altre 35 erano ancora sottoterra. Decine stanno ricevendo cure in ospedale, almeno alcuni di loro hanno avvelenamento da fumo. Quattro di loro erano in condizioni critiche.

L’industria del carbone di Kemerovo, a circa 3.500 chilometri (2.175 miglia) a est di Mosca, è stata colpita per anni da incidenti mortali.

La miniera fa parte di SDS-Holding, di proprietà del Siberian Business Consortium, di proprietà privata. Nessun commento immediato dal sindacato.

Prima che l’operazione di salvataggio venisse interrotta, il governatore ha detto che la miniera aveva ancora elettricità e ventilazione, ma che avevano perso il contatto con alcune persone nelle profondità del sottosuolo.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina sono severi sul commercio dopo un altro incontro ad alto livello, ma dicono di voler continuare a parlare

«Al momento non c’è fumo denso, quindi speriamo che non ci sia fuoco», ha detto Tsevilev sul suo canale Telegram. «Non abbiamo linee di comunicazione con queste persone e il sistema di comunicazione sotterraneo non funziona», ha aggiunto.

Il ministero delle Emergenze ha detto che circa 285 persone erano all’interno della miniera quando il fumo si è diffuso attraverso lo sfiato. Le autorità hanno affermato che almeno 239 persone sono riuscite a volare da terra. Non hanno menzionato la causa del fumo.

«grosso errore»

Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato alla televisione di stato di aver parlato con il governatore e i funzionari dell’emergenza, descrivendo l’incidente come un «grande calvario».

«Purtroppo la situazione non è diventata più facile. C’è un pericolo per la vita dei soccorritori… Speriamo che possano salvare quante più persone possibile», ha detto.

Il Cremlino ha detto che Putin ha ordinato al ministro delle Emergenze di recarsi nella regione per chiedere aiuto.

Kemerovo ha dichiarato tre giorni di lutto.

Nel 2007, Kemerovo è stato il luogo del peggior incidente minerario dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, quando un’esplosione nella miniera di Ulyanovskaya ha ucciso più di 100 persone.

Nel 2010, le esplosioni nella miniera Raspadskaya nella regione hanno ucciso più di 90 persone.

La sezione regionale delle forze dell’ordine della commissione investigativa ha dichiarato di aver aperto un procedimento penale per negligenza che ha causato la perdita della vita.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Segnalazione di Anton Kolodiazny, Alexander Marrow, Anastasia Lerchikova e Gleb Stolyarov; scrittura di Alexander Marrow/Tom Palmforth; montaggio di Stephen Coates e Bernadette Bohm

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Dall'India a Twitter: rispettare le regole IT o affrontare "conseguenze indesiderate"