diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

«Fuori controllo»: piccola azienda australiana erroneamente nominata partner dei talebani nella cannabis

SYDNEY (Reuters) – Una piccola società di consulenza medica australiana è stata colpita da un’inaspettata tempesta mediatica giovedì dopo che è stato etichettato erroneamente che aveva concordato con i talebani al potere in Afghanistan di finanziare un impianto di lavorazione della cannabis da 450 milioni di dollari nel paese dell’Asia centrale.

Un rapporto del Pajhwok African News afghano ha affermato che i rappresentanti della società australiana Cpharm hanno incontrato i funzionari per il controllo della droga presso il Dipartimento degli Interni per discutere della produzione di medicinali e creme nello stabilimento, fornendo l’uso legale della cannabis che circola lì.

Il rapporto è stato selezionato da un gruppo di testate globali tra cui il Times di Londra, che ha pubblicato la propria storia nominando la società australiana. Account Twitter verificati collegati alla BBC e al canale di notizie arabo del Medio Oriente hanno ripetuto l’affermazione sugli australiani.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Ma la società ha detto a Reuters che Cpharm Australia, un’azienda a conduzione familiare con 17 dipendenti del Maitland centrale regionale, non aveva mai parlato con i talebani e non aveva rapporti con l’estero o legati alla cannabis.

«Stiamo solo cercando di capire cosa faremo per fermarlo», ha detto al telefono Tony Gabbets, chief financial officer di Cpharm Australia, dalla sede della società situata a 166 chilometri (100 miglia) da Sydney.

«Probabilmente abbiamo ricevuto 40 o 50 chiamate oggi. È semplicemente fuori controllo e sono tutte bugie ragazzi media… Non fanno alcuna due diligence su ciò che vogliono pubblicare», ha detto.

Gabbets sospetta che le notizie provengano da un tweet di un account collegato ai talebani che ha chiamato una società chiamata Cpharm, in riferimento a un’altra organizzazione in altre parti del mondo con un nome simile.

READ  Panico come un grattacielo alto 300 metri vacilla in Cina | Cina

Cpharm Australia fornisce consulenza medica sui prodotti farmaceutici e non è un produttore, quindi non accetterà in alcun modo un contratto di produzione. Gabbets ha aggiunto che non sarebbe in grado di raccogliere 450 milioni di dollari.

La società potrebbe ricorrere a vie legali se perde affari a causa di rapporti con i talebani erroneamente segnalati – una potenziale violazione delle sanzioni – ma non si aspettava di essere influenzata a lungo termine.

«La maggior parte delle aziende con cui abbiamo a che fare guarderanno questo articolo e rideranno», ha detto Gabbets.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Byron Kay Reporting) Montaggio di Leslie Adler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.