julio 31, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un’organizzazione no profit dello Utah è inclusa nell’ultimo round di donazioni di beneficenza di $ 2,7 miliardi al filantropo MacKenzie Scott

Mackenzie Scott è stata vista ai Vanity Fair Academy Awards a Beverly Hills, California, il 4 marzo 2018. Scott ha annunciato martedì di aver donato 2,7 miliardi di dollari a quasi 300 organizzazioni. (Danny Molochuk, Reuters)

NEW YORK (Reuters) – Un’organizzazione no profit dello Utah è stata una delle circa 300 organizzazioni che hanno beneficiato martedì delle donazioni da 2,7 miliardi di dollari del miliardario Mackenzie Scott.

Scott si è concentrata su organizzazioni che ha descritto come “categorie e comunità che sono state storicamente sottofinanziate e ignorate”.

Spy Hope, un centro di arti multimediali per giovani di Salt Lake City che incoraggia i giovani a raccontare la loro storia attraverso film, musica, suoni e design, ha ricevuto $ 3 milioni, ha affermato l’organizzazione senza scopo di lucro in una nota martedì. Il centro offre campi scolastici, doposcuola, campi estivi, assistenza ai giovani e programmi satellitari per bambini dai 9 ai 19 anni, secondo il suo sito web.

“L’incredibile regalo (di Scott) dimostra il lavoro svolto dai nostri dipendenti per guidare i giovani a trovare la loro voce, raccontare le loro storie e fare una differenza positiva nelle loro vite e nel mondo”, ha dichiarato Cassandra Verbruggen, CEO di SpyHub. “Questa donazione senza restrizioni arriva in un momento cruciale per la nostra organizzazione, in quanto ci dà la capacità di pensare profondamente, sognare in grande e, infine, creare un piano che guiderà la nostra organizzazione in avanti”.

Il sindaco di Salt Lake City Erin Mendenhall si è congratulato con l’organizzazione in un tweet su Twitter. “Stai facendo grandi cose per i giovani creativi della nostra comunità e sono entusiasta di vedere cosa porterai dopo!” Libri di Mendenhall.

Scott, che è diventata una delle donne più ricche del mondo dopo il divorzio del 2019 dal fondatore di Amazon.com Jeff Bezos, da allora ha donato più di 8 miliardi di dollari in tre round di contributi, ciascuno effettuato tramite un annuncio a sorpresa.

L’anno scorso, in mezzo alla pandemia di coronavirus, ha donato oltre 4 miliardi di dollari a banche alimentari e fondi di emergenza, mesi dopo aver annunciato 1,7 miliardi di dollari per cause come l’uguaglianza razziale, i diritti LGBT e il cambiamento climatico.

Scott, ora sposata con Dan Jewett, un insegnante di scienze a Seattle, ha preso una quota del 4% in Amazon come parte del suo divorzio e ha promesso di dare via la stragrande maggioranza della sua fortuna. La 51enne ha una fortuna di circa 60 miliardi di dollari, secondo la rivista Forbes, che la rende la ventesima persona più ricca del mondo.

In un post sul blog sul sito Web di Medium, Scott ha affermato che lei e Jewett hanno lottato su come pubblicizzare le donazioni perché non erano a loro agio nel diventare il fulcro della storia, piuttosto che i gruppi di cui intendevano beneficiare.

“Sono Dan, una costellazione di ricercatori, amministratori e consulenti, tutti che cercano di separarsi da una fortuna resa possibile da sistemi che necessitano di cambiamento”, ha scritto. “In questo sforzo, siamo governati dall’umile convinzione che sarebbe meglio se la ricchezza disuguale non fosse concentrata in poche mani”.

I gruppi spaziano da istituti di istruzione superiore come scuole in college e sistemi comunitari in California e Texas, a centri artistici come l’Apollo Theatre e organizzazioni dedicate all’uguaglianza razziale e di genere.

Contributo: Ashley Freddy, KSL.com

(Segnalazione di Joseph Axe; Montaggio di Jonathan Otis)

© Copyright Thomson Reuters 2021

Storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  American Airlines si unisce a Southwest per sospendere i servizi di alcolici dopo aver aggredito un assistente di volo