junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una scoperta “inimmaginabile” in Canada dove sono stati trovati i resti di 215 bambini sepolti nei pressi di un collegio

Harvey McLeod, che ha frequentato la scuola per due anni alla fine degli anni ’60, ha detto in un’intervista telefonica con la CNN venerdì.

“La storia è così irrealistica che ieri è diventata vera per molti di noi in questa comunità”, ha detto.

La comunità di Tk’emlúps te Secwépemc nell’entroterra meridionale della British Columbia, dove si trova la scuola, È stata rilasciata una dichiarazione Nella tarda serata di giovedì, è stata confermata una “perdita inimmaginabile di cui si è parlato ma non documentato”.

“Alla fine della scorsa settimana, con l’aiuto di uno specialista in radar a penetrazione terrestre, la cruda verità è emersa dai risultati preliminari – la conferma dei resti di 215 bambini che erano studenti della Kamloops Indian Residential School”. Dalla comunità di Tk’emlúps te Secwépemc.

“Per quanto ne sappiamo, questi bambini scomparsi sono morti senza documenti”, ha detto nella dichiarazione.

Per decenni, Macleod dice che lui e gli ex studenti come lui si sono chiesti cosa sia successo Un evento per amici e compagni di classe.

“A volte le persone non tornano, eravamo felici per loro, e pensavamo che fossero scappati, e non sappiamo se lo hanno fatto o cosa è successo a loro”, ha detto MacLeod, che ora è presidente di “Upper Nicolas” in British Columbia.

“Ci sono state discussioni sulla possibilità che ciò accadesse, e potrebbe essere passato”, dice, aggiungendo: “Quello che ho capito ieri è quanto sono forte, da bambino, e quanto sono forte per essere qui oggi, perché So che molte persone non sono tornate a casa “.

La Kamloops Indian Residential School è stata una delle più grandi del Canada e ha operato dalla fine del 1800 alla fine degli anni ’70. È stato aperto e gestito dalla Chiesa cattolica fino a quando non è stato rilevato dal governo federale alla fine degli anni ’60.

Chiuso definitivamente dopo quasi un decennio, ora ospita un museo e una struttura comunitaria con eventi culturali e commemorativi.

I leader della comunità affermano che le indagini continueranno in collaborazione con l’ufficio del coroner della Columbia Britannica e che i funzionari governativi e la comunità garantiranno che i resti siano protetti e identificati. Capo patologo forense Lisa La Pointe Ha rilasciato una dichiarazione Ha detto che il suo ufficio è in una fase iniziale del processo di raccolta delle informazioni.

“Siamo consapevoli della tragica e straziante devastazione che il sistema scolastico residenziale canadese ha inflitto a così tanti, e pensiamo a tutti coloro che sono in lutto oggi”, ha detto.

Nel 2015 Commissione canadese per la verità e la riconciliazione Un rapporto che descrive in dettaglio l’eredità devastante del sistema scolastico residenziale della nazione. Migliaia di bambini indigeni sono stati separati dalle loro famiglie e costretti a frequentare collegi.

Il rapporto descrive decenni di abusi fisici, sessuali ed emotivi che i bambini hanno subito nel governo e nelle istituzioni ecclesiastiche.

READ  L'esercito israeliano ha colpito Gaza per la seconda volta questa settimana, dopo che palloni incendiari hanno appiccato otto incendi nel sud di Israele

Un capitolo straziante nella storia canadese

“La notizia che è stata trovata nell’ex scuola residenziale di Kamloops mi spezza il cuore – è un doloroso ricordo di quel capitolo oscuro e vergognoso della storia del nostro paese. Penso a tutti coloro che sono stati colpiti da questa dolorosa notizia. Siamo qui per te”, Il primo ministro canadese Justin Trudeau Tweet del venerdì.

In un’intervista con la CNN, Caroline Bennett, ministro canadese delle relazioni tra la Corona e gli indigeni, ha detto che questa rivelazione parla a tutti i canadesi di una “verità molto dolorosa” e “di un orribile capitolo della storia canadese”.

“Questo era il motivo per cui cinque chiamate della Commissione per la verità e la riconciliazione volevano lavorare per occuparsi dei bambini scomparsi e delle tombe non contrassegnate perché sapevano che c’era molto di più di quanto erano in grado di confermare nelle udienze”, ha detto Bennett.

Comitato raccomandato 94 Call to Action Come una cura e una cura. I gruppi per i diritti degli indigeni affermano di aver preso pochissime misure, inclusa la necessità di giustizia sanitaria ed educativa tra i bambini indigeni e non indigeni.

Nel 2019, Trudeau ha detto che lui e il suo governo hanno accettato il danno alle popolazioni indigene del Canada come un genocidio, dicendo all’epoca che il governo sarebbe andato avanti “per porre fine a questa tragedia in corso”.

MacLeod dice che il sistema del collegio ha messo a dura prova generazioni nella sua famiglia e che gli abusi che ha subito a scuola a Kamloops lo hanno terrorizzato, la sua famiglia ei suoi compagni di classe.

Foto d'infanzia di Harvey McLeod, a sinistra.

“L’abuso a cui sono stato sottoposto era fisico, sì, era sessuale, sì, e nel 1966 ero una persona che non voleva più vivere, mi ha cambiato”, ha detto MacLeod, riferendosi al trauma che ha subito dai prigionieri di guerra trauma.

READ  Una donna di Singapore è stata incarcerata per 30 anni per aver ucciso una cameriera del Myanmar che l'ha torturata e affamata

Dice di essere andato a scuola nel 1966 con la maggior parte dei suoi fratelli.

Sette di noi sono andati contemporaneamente, la stessa scuola frequentata da mia madre e mio padre, non c’era scelta, era un requisito, era la legge. E posso solo immaginare cosa fossero mia madre e mio padre, come si sentivano, quando si sono lasciati lì sapendo cosa hanno passato in quella scuola “.

Come documentato dalla Commissione per la verità e la riconciliazione, molti bambini nei collegi non hanno ricevuto cure mediche adeguate, con alcuni che muoiono prematuramente a causa di malattie come la tubercolosi.

La commissione stima che più di 4.000 bambini siano morti mentre erano in collegi per diversi decenni, ma il rapporto finale della commissione riconosce che era impossibile conoscere il numero reale.

McLeod dice che la scoperta di questa settimana nella sua ex scuola ha già aiutato i membri della comunità che conosce a discutere degli abusi che hanno subito e del trauma intergenerazionale che hanno causato.

Dice che vorrebbe partecipare alla guarigione e ora vuole evitare di essere accusato o incolpato.

“Ho perdonato i miei genitori. Hai perdonato i miei molestatori. Hai spezzato la catena che mi tratteneva in quella scuola. Non voglio più vivere lì ma allo stesso tempo mi assicuro che le persone che non tornano mai a casa siano riconosciute, rispettate e portato a casa in un certo senso. “Bene”.