diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il Pentagono afferma che la Cina sta rapidamente espandendo il suo arsenale nucleare

Veicoli militari che trasportano missili balistici intercontinentali DF-5B partecipano a una parata militare in Piazza Tiananmen a Pechino il 1° ottobre 2019, in occasione del 70° anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese.

Greg Baker | AFP | Getty Images

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono) ha dichiarato mercoledì che la Cina sta rapidamente espandendo il suo arsenale nucleare e potrebbe avere 1.000 testate nucleari entro il 2030, il che fa parte dell’ambizioso rafforzamento militare di Pechino.

La stima aggiornata rappresenta un aumento significativo rispetto alle aspettative del China Military Power Report dello scorso anno, che indicava il numero totale di circa 400 testate in un decennio.

Il Pentagono ha avvertito che «nel prossimo decennio, la Repubblica popolare cinese mira a modernizzare, diversificare ed espandere le sue forze nucleari». In un rapporto commissionato dal Congresso, con riferimento alla Repubblica popolare cinese.

«La Repubblica popolare cinese sta investendo ed espandendo una serie di piattaforme di consegna di armi nucleari terrestri, marittime e aeree e sta costruendo le infrastrutture necessarie per supportare questa significativa espansione delle sue forze nucleari», afferma il rapporto, aggiungendo che la Cina ha iniziato costruire almeno tre impianti di silo ICBM.

Il crescente arsenale della Cina è ancora sminuito dagli Stati Uniti e dalla Russia, che possiedono la parte del leone delle armi nucleari mondiali. La scorta degli Stati Uniti è di circa 3.750 testate nucleari.

Washington ha precedentemente invitato la Cina ad unirsi a Stati Uniti e Russia in un nuovo trattato sul controllo degli armamenti.

Il rapporto ha anche sollevato preoccupazioni per il comportamento sempre più aggressivo di Pechino nei confronti di Taiwan.

Il rapporto del Pentagono affermava che «sebbene la Repubblica popolare cinese abbia pubblicamente sostenuto la riunificazione pacifica con Taiwan, la Repubblica popolare cinese non ha mai rinunciato all’uso della forza militare; le circostanze in cui la Repubblica popolare cinese ha storicamente indicato che considererebbe ambiguo l’uso della forza.» Si è evoluto nel tempo.» .

Il rapporto aggiungeva che la Cina aveva «una gamma di opzioni per le campagne militari contro Taiwan», incluso un possibile blocco aereo e marittimo di un’invasione anfibia su larga scala.

Il mese scorso, il presidente cinese Xi Jinping ha promesso che Pechino cercherà la «riunione pacifica» con Taiwan.

«La missione storica della riunificazione completa della madrepatria deve e certamente sarà compiuta». Xi ha detto in un discorso l’8 ottobre.

All’inizio di mercoledì, il massimo ufficiale militare del paese ha detto a un pubblico all’Aspen Security Forum che riteneva improbabile che il Partito comunista cinese si impossessasse di Taiwan nei prossimi anni.

«Sulla base della mia analisi della Cina, non credo che accadrà nel prossimo futuro», ha detto all’Aspen Security Forum il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti.

«Detto questo, i cinesi stanno chiaramente e inequivocabilmente costruendo la capacità di fornire queste opzioni alla leadership nazionale se lo scelgono in futuro. Ma nel prossimo futuro? Forse no. Ma tutto può succedere», ha aggiunto Milley. .