octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una nuova splendida immagine del centro della nostra galassia suggerisce una fonte di energia interstellare precedentemente sconosciuta

Il panorama del centro galattico si basa su precedenti indagini di Chandra e altri telescopi. Quest’ultima versione espande la visualizzazione di Chandra di alta energia sopra e sotto il piano della galassia, cioè il disco in cui si trovano la maggior parte delle stelle della galassia, rispetto alle precedenti campagne fotografiche. Nelle prime due immagini, i raggi X di Chandra sono mostrati in arancione, verde e viola, le diverse energie dei raggi X ei dati radio da MeerKAT sono mostrati in grigio. Credito: raggi X: NASA / CXC / UMass / QD Wang; Radio: NRF / SARAO / MeerKAT

Un astronomo rivela dettagli inediti del centro della nostra galassia

Nuova immagine utilizzando NASAChandra X-Ray Observatory suggerisce una fonte di energia interstellare precedentemente sconosciuta in via Lattea Centro.

Una nuova ricerca dell’astronomo dell’Università del Massachusetts Amherst Daniel Wang rivela, con una chiarezza senza precedenti, i dettagli dei fenomeni violenti al centro della nostra galassia. Foto pubblicate di recente in Avvisi mensili della Royal Astronomical Society, Documentazione del filo dei raggi X, G0.17-0.41, che suggerisce un meccanismo interstellare precedentemente sconosciuto che potrebbe controllare il flusso di energia e forse l’evoluzione della Via Lattea.

“Una galassia è come un ecosistema”, afferma Wang, professore del dipartimento di astronomia dell’UMass Amherst, i cui risultati sono il risultato di oltre due decenni di ricerca. “Sappiamo che i centri galattici sono il luogo di lavoro e svolgono un ruolo enorme nella loro evoluzione”. Eppure tutto ciò che è accaduto al centro della nostra galassia è difficile da studiare, nonostante la sua relativa vicinanza alla Terra, perché, come spiega Wang, è oscurata da una fitta nebbia di gas e polvere. I ricercatori semplicemente non possono vedere il centro, anche con uno strumento così potente come una famosa macchina Telescopio spaziale Hubble. Tuttavia, Wang ha usato un telescopio diverso, il Chandra X-ray Observatory della NASA, che “vede” i raggi X, piuttosto che i raggi di luce visibile che vediamo con i nostri occhi. Questi raggi X sono in grado di penetrare nella foschia occulta e i risultati sono sorprendenti.

Indagine Chandra dell'omonimo centro galattico

Questa versione dell’immagine evidenzia molte delle caratteristiche chiave di questo nuovo sondaggio del Centro Galattico. I filamenti sono contrassegnati da rettangoli rossi nell’immagine, mentre i raggi X vengono riflessi dalla polvere attorno alle sorgenti luminose di raggi X (cerchi verdi), arco A *. Nei cerchi viola e nelle ellissi, sono state identificate le combinazioni di archi e pentagoni, DB00-58 e DB00-6, 1E 1743.1-28.43, nube di gas freddo e arco C. Credito: Raggi X: NASA / CXC / UMass / QD Wang; Radio: NRF / SARAO / MeerKAT

Le scoperte di Wang, supportate dalla NASA, danno il quadro più chiaro fino ad ora di un paio di pennacchi che emettono raggi X emessi dalla regione vicino al massiccio blocco. Buco nero Al centro della nostra galassia. Ancora più interessante è stata la scoperta di un filo radiografico chiamato G0.17-0.41, situato vicino al pilastro sud. “Questo thread rivela un nuovo fenomeno”, dice Wang. “Questa è la prova di un evento di riconnessione continua del campo magnetico”. Wang ha scritto che il filo probabilmente rappresenta “solo la punta dell’iceberg della riconnessione”.

READ  Elon Musk afferma che SpaceX si sta riducendo, regola il design della copertina anteriore per Starship

Un evento di riconnessione del campo magnetico è ciò che accade quando due campi magnetici opposti vengono messi insieme e si combinano tra loro, determinando il rilascio di un’enorme quantità di energia. “È un processo violento”, dice Wang, ed è noto per essere responsabile di fenomeni ben noti come i brillamenti solari, che producono condizioni meteorologiche spaziali abbastanza forti da interrompere le reti elettriche e i sistemi di comunicazione qui sulla Terra. Produce anche la sorprendente aurora boreale. Gli scienziati ora credono che la riconnessione magnetica avvenga anche nello spazio interstellare e tenda a verificarsi ai confini esterni delle colonne in espansione che sporgono dal centro della nostra galassia.

“Qual è la quantità totale di energia che fluisce nel centro galattico? Come viene prodotta e trasportata? Come organizza l’ecosistema galattico?” Queste, dice Wang, sono le domande fondamentali le cui risposte aiuteranno ad aprire la storia della nostra galassia . Anche se c’è ancora molto lavoro da fare, la nuova mappa di Wang indica la strada. Per ulteriori informazioni, comprese foto e video aggiuntivi, visitare il sito web del Centro galattico dell’Osservatorio Chandra X-Ray.

Per ulteriori informazioni su questa scoperta, guarda un nuovo panorama senza precedenti del centro della nostra galassia, la Via Lattea, che rivela filamenti magnetici che tessono un incredibile tessuto galattico.

Riferimento: “Chandra Large-Scale Mapping of the Galactic Center: Examining High-Energy Structures Around the Central Molecular Region” di Q. Daniel Wang, 27 aprile 2021, Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.
DOI: 10.1093 / mnras / stab801