agosto 4, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una donna di Singapore è stata incarcerata per 30 anni per aver ucciso una cameriera del Myanmar che l’ha torturata e affamata

La singaporiana Gayathiri Murugian si è dichiarata colpevole a febbraio di omicidio premeditato tra 28 capi di imputazione relativi al suo abuso nei confronti della 24enne Biang Nghe Don, che è stata picchiata per 14 mesi, che hanno portato alla sua morte nel 2016.

Il giudice See Kee Oon ha affermato che sebbene Murugayan, 40 anni, soffrisse di significativi problemi psicologici, i crimini che ha commesso erano riprovevoli e mirati.

“Le circostanze estremamente aggravanti e spaventose dei crimini sono considerazioni critiche che fanno pendere la bilancia verso ritorsioni e deterrenze”, ha detto il giudice nella sentenza.

“Era consapevole delle sue azioni e determinata nel suo comportamento. Non le mancava la capacità di capire cosa stava facendo”.

Joseph Chen, l’avvocato di Murugian, ha detto che un membro della famiglia del suo cliente gli aveva chiesto di presentare ricorso per una pena detentiva più breve da 15 a 16 anni in modo che potesse trascorrere del tempo con i suoi figli dopo il suo rilascio.

“Le persone con un disturbo mentale vedono le cose in modo diverso e non riescono a tirarsi fuori dalla situazione”, ha detto a Reuters. “Per i familiari, una condanna a 30 anni è grave quanto l’ergastolo”.

Le lavoratrici domestiche in Asia ei loro sostenitori hanno da tempo riferito di essere state esposte a sfruttamento e gravi abusi da parte dei loro datori di lavoro, nonché a condizioni di lavoro e di vita povere o pericolose. La maggior parte di queste lavoratrici domestiche sono donne migranti provenienti dai paesi del sud-est asiatico, tra cui Myanmar, Indonesia e Filippine, e ricevono poca protezione dalle leggi dei paesi ospitanti.

a Hong Kong , Ad esempio – una delle principali destinazioni per i lavoratori filippini – non ci sono leggi sull’orario di lavoro massimo giornaliero o settimanale, il che significa che molti di loro sono costretti a lavorare 16 ore al giorno o più.
A Singapore, la situazione dei lavoratori domestici ha ricevuto ampia attenzione nel 2012: nel maggio di quell’anno c’erano 10 lavoratori domestici Sono caduti verso la morte di appartamenti a molti piani mentre si eseguono attività come la pulizia delle finestre. Gli attivisti affermano che un certo numero di questi decessi si verifica ogni anno, nonostante le leggi in vigore per prevenire dazi pericolosi, a causa della mancanza di applicazione da parte delle autorità.
Nonostante le richieste di cambiamento nel corso degli anni, ci sono stati pochi miglioramenti o riforme reali. studio 2017 Quasi 800 lavoratori domestici a Singapore hanno scoperto che circa il 60% ha subito lo sfruttamento da parte dei datori di lavoro, con i lavoratori che dichiarano salari bassi, meno assenze dal lavoro e abusi verbali e fisici.