agosto 11, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un serpente velenoso è stato trovato in agguato nell’albero di Natale della famiglia

Rob e Marcella Wilde non hanno perso tempo a chiamare un professionista dopo aver scoperto una delle malattie più tossiche dell’Africa. serpenti Venerdì si nascondono tra decorazioni e bigiotteria nella loro casa in Sudafrica.

Dopo aver decorato l’albero poche ore prima, hanno visto i loro gatti fissarne i rami.

«I gatti stavano guardando l’albero e mia moglie ha detto ‘Probabilmente c’è un topo là fuori da qualche parte'», ha detto martedì alla CNN Rob Wilde, un commerciante di borsa britannico che si è trasferito con la moglie costaricana in Sudafrica 18 anni fa.

Presto scoprono un animale un po’ diverso che guarda indietro: un boomsling.

«Non sapevo cosa fosse in quel momento, ma poi ho cercato su Google i serpenti nella nostra zona e si sono immediatamente presentati come serpenti. Ho pensato ‘Santo Mosè, questo è il re di tutti i serpenti velenosi'», ha detto, anno

Il boomslang è conosciuto come una specie timida, ma è tra le più velenose dell’Africa. Il veleno animale provoca emorragie e può essere fatale per l’uomo in piccole quantità.

Il cacciatore di serpenti, Jerry Hines, ha confermato l’identità dell’animale quando è arrivato alla proprietà della famiglia a Robertson, Western Cape, poco dopo. Hines ha detto alla CNN martedì che il serpente era una femmina ed era lungo tra 1,3 metri (4,3 piedi) e 1,5 metri (4,9 piedi).

Ha detto di aver ordinato alla famiglia di stare lontano dall’albero, ma di «tenere gli occhi sul serpente» fino al suo arrivo.

«Il serpente è rimasto sull’albero per due ore finché non sono arrivato lì», ha detto Haines. Ha aggiunto che ha usato «pinze da serpente» per metterli a terra, dove sono «facili da maneggiare».

READ  Las autoridades ucranianas dicen que los convoyes humanitarios han sido detenidos y asaltados por las fuerzas rusas. Esto es lo que sabemos

«Una volta che l’ho preso sotto controllo, la famiglia è venuta immediatamente a vedere il serpente», ha detto Hines. «Non ha cercato di mordere o di mettersi sulla difensiva perché non ho dato una ragione per questo. Si è rivelato spaventoso momento in un momento emozionante per i bambini».

Il cacciatore di serpenti, Jerry Hines, ha recuperato l'animale dall'albero genealogico.

Poi l’ha afferrata per il collo e l’ha messa in un «tubo di serpente». Al calar della notte, Haines ha portato il rettile a casa dove lo ha temporaneamente collocato in un recinto di serpenti prima di rilasciarlo di nuovo in libertà domenica.

Haines ha detto che il serpente potrebbe essere entrato nella proprietà in cerca di cibo, acqua e riparo.

«Forse quando ha visto il primo movimento ha cercato di scappare nel nascondiglio più vicino, che è l’albero», ha detto.

Haines, che ha rimosso centinaia di serpenti dalle case sudafricane, ha affermato che i morsi di una bomba sono rari.

Haines ha detto che nei suoi otto anni di caccia professionale, è stato morso solo una volta, perché non si era reso conto che l’animale era stato colpito e si era messo sulla difensiva.

«Loro (serpenti) sono molto riluttanti a mordere, ma sono stati demonizzati molto», ha aggiunto.