enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un nuovo rapporto rileva che Amazon, Walmart e i principali rivenditori al mondo stanno aumentando la congestione e l’inquinamento dei porti

Non sorprende che i maggiori colpevoli siano i maggiori rivenditori al mondo, secondo A nuovo rapporto Condotto martedì dalle organizzazioni ambientali Stand.earth e Pacific Environment. Il rapporto mostra che la merce importata negli Stati Uniti da Walmart, Target, Amazon e IKEA tra il 2018 e il 2020 rappresenta 20 milioni di tonnellate di emissioni equivalenti di CO2.

A partire da lunedì, c’erano 84 Navi in ​​attesa al largo della costa della California meridionale, 37 Fuori dal porto di Los Angeles e dagli altri 47 Vicino al porto di Long Beach.

Per le comunità che circondano quei porti, le emissioni delle navi mercantili hanno a lungo portato a gravi preoccupazioni per la salute. Il Aumento della domanda dei consumatori Secondo il rapporto, a causa della pandemia di Covid-19 e della congestione in corso nei porti, i livelli di inquinamento in queste comunità sono stati portati ai massimi storici.

«Fino a poco tempo fa, le enormi interruzioni meteorologiche e le emissioni dannose per la salute umana dovute al trasporto internazionale di container – e alle società che acquistano i loro servizi – sono passate sotto il radar del controllo pubblico», afferma il rapporto.

A partire dal 2021, l’industria navale rappresenta circa il 3% delle emissioni totali di gas serra del mondo. È più delle emissioni dei viaggi aerei globali. Il rapporto prevede che se la domanda dei consumatori continua, le emissioni aumenteranno del 50% rispetto ai livelli del 2018, un aumento fino a 500 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

un grande ruolo

delle società esaminate, targeting (CBDY) e Amazon (AMZN) Ha svolto «un ruolo enorme nell’attuale crisi di congestione e inquinamento» al largo della costa della California.

Amazon ha indicato che il suo obiettivo è quello di consegnare il 50% delle sue spedizioni con emissioni nette pari a zero entro il 2030. È stata anche firmataria del Climate Pledge per raggiungere emissioni nette pari a zero in tutta la sua attività entro il 2040.

come navi di Due dei più grandi rivenditori al mondo Disoccupato all’estero, ha portato «livelli più elevati di asma e inquinanti atmosferici correlati al cancro, tra cui particolato, ossido di azoto e ossido di zolfo, nelle comunità portuali di San Pedro, Wilmington e West Long Beach», afferma il rapporto.

Il rapporto stima che Target sia responsabile di oltre 6,4 milioni di tonnellate di emissioni equivalenti di CO2, mentre Amazon è responsabile di 1,4 milioni di tonnellate.

READ  Nella Silicon Valley, i pubblici ministeri non vedono il male

Un portavoce di Target ha affermato che la società è impegnata a «ridurre l’impronta di carbonio delle spedizioni mentre lavoriamo verso il nostro obiettivo di essere un’azienda a zero entro il 2040, con emissioni zero sia nelle nostre operazioni che nella catena di approvvigionamento». Il portavoce ha aggiunto che Target sta anche lavorando con i vettori globali per garantire che sia conforme ai limiti del 2020 dell’IMO sul carburante a base di zolfo per le navi per aiutare a ridurre le emissioni.

Walmart (WMT), Il Il più grande rivenditore al mondo, in cima alla lista con il maggior volume di scambi e le maggiori emissioni. Il rapporto stima che Walmart sia responsabile di oltre 11,5 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 equivalenti negli ultimi due anni.

Un rappresentante di Walmart non ha risposto a una richiesta di commento.

IKEA ha affermato di concordare sul fatto che le emissioni del trasporto marittimo sono un argomento importante e richiedono maggiore attenzione.

Ridurre le emissioni

A differenza delle altre tre società incluse nel rapporto, le emissioni di IKEA sono diminuite negli ultimi due anni. Il rapporto stima che il rivenditore di mobili abbia rilasciato 1,3 milioni di tonnellate di emissioni equivalenti di CO2 tra il 2018 e il 2020. Tuttavia, queste emissioni hanno seguito una tendenza generale al ribasso, calando del 16% tra il 2018 e il 2019 e di un altro 8,5% tra il 2019 e il 2020.

Nel tentativo di superare la congestione della catena di approvvigionamento e in linea con la sua strategia per ridurre le emissioni di carbonio, IKEA sta spostando le merci dalla Cina all’Europa su rotaia anziché su nave. Questo cambiamento è uno dei motivi per cui il rivenditore ha visto un calo delle emissioni, secondo il rapporto.

READ  IBM consentirà il ritorno delle vaccinazioni complete negli uffici statunitensi solo dal 7 settembre

«Siamo uno dei principali acquirenti di trasporti e abbiamo una grande responsabilità nell’influenzare l’industria delle spedizioni in modo positivo», ha affermato la società in una nota. «IKEA si impegna a diventare clima positivo entro il 2030, riducendo le emissioni di gas serra più della catena del valore IKEA.»

Congestione costante

Il mese scorso, Goldman Sachs ha avvertito che l’arretrato nei porti sarebbe probabilmente continuato «almeno» fino alla metà del 2022 e ha stimato che ci fosse stato all’incirca 24 miliardi di dollari in merce Solo fuori dai porti di Los Angeles e Long Beach.
Congestione portuale costante preoccupazioni sollevate Con lo shopping natalizio alle stelle e i prezzi al consumo che continuano a salire.
In ottobre, il presidente Joe Biden annuncialo Il porto di Los Angeles passerà a un programma 24 ore su 24, 7 giorni su 7, allineandolo al porto di Long Beach, che era già operativo 24 ore su 24.

Biden dovrebbe parlare mercoledì della crisi della catena di approvvigionamento.