diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un giudice italiano ha sospeso il processo a un egiziano accusato di aver ucciso uno studente

  • Student Regency è morto nel 2016 ed è stato torturato
  • Funzionari egiziani negano il coinvolgimento della polizia negli omicidi
  • Il giudice ha stabilito che non avevano prove che i sospetti fossero a conoscenza delle indagini

ROMA, 14 ott. – Giovedì un giudice italiano ha sospeso le indagini su quattro funzionari della sicurezza egiziana sulla scomparsa e l’omicidio di uno studente italiano ucciso in Egitto perché gli uomini non erano a conoscenza delle accuse a loro carico.

La conclusione è che il caso tornerà ora davanti a un tribunale primario, che dovrà trovare quattro alti ufficiali e decidere se fare un nuovo tentativo di consegnare i loro atti.

Giovedì scorso, ha accusato l’Italia di aver fatto diversi tentativi per individuare i sospetti nell’omicidio di Giulio Regini e l’Egitto di essersi rifiutato di rivelare la loro posizione e di aver ripetutamente minato le indagini.

Tuttavia, il giudice Antonella Capri, dopo più di sette ore di deliberazioni, si è pronunciato a favore degli avvocati difensori nominati dal tribunale, sostenendo che i casi non sarebbero stati validi se tutti e quattro gli egiziani non fossero stati a conoscenza del caso.

La famiglia di Regene è rimasta scioccata dalla decisione, ha detto il loro avvocato, Alessandra Palerini.

«Questa è una battuta d’arresto, ma non ci arrendiamo. Chiediamo che chi ha torturato e ucciso Giulio non venga punito», ha detto il pm ai giornalisti dopo la sentenza.

Regini, una studentessa laureata presso l’Università di Cambridge nel Regno Unito, è scomparsa nel gennaio 2016 al Cairo. Il suo corpo è stato trovato quasi una settimana dopo e l’autopsia ha rivelato che era stato brutalmente torturato prima di morire.

READ  Govt-19, chi tra i lavoratori è il primo ad essere vaccinato? Lezioni dalla crisi italiana

Avvocati italiani ed egiziani hanno indagato insieme sul caso, ma in seguito entrambe le parti si sono ritirate e sono giunte a conclusioni molto diverse.

I pubblici ministeri italiani affermano che il maggiore Makti Sharif del servizio di intelligence pubblico egiziano, l’ex capo della difesa dello stato, il maggiore generale Tarek Sabir, il colonnello della polizia Hisham Helmi e l’ex capo dell’intelligence del Cairo, il colonnello Ether Kamal, erano «responsabili del rapimento». Di Regene.

Lo sceriffo è stato anche accusato di «cospirazione per commettere omicidio aggravato».

I sospetti non hanno risposto pubblicamente alle accuse e la polizia e le autorità egiziane hanno ripetutamente negato qualsiasi coinvolgimento nella scomparsa e nell’omicidio di Regeney. Per saperne di più

Prove mancanti

L’avvocato Sergio Kolaiko in precedenza ha spiegato come l’Egitto abbia prima cercato di sabotare il processo e poi ha presentato 13 punti alla corte che hanno impedito ai sospetti di essere accusati ufficialmente.

Gli investigatori egiziani hanno trascinato i piedi nel caso, ignorando 39 delle 64 richieste separate di informazioni. Il materiale consegnato era per lo più inutile, il video di Regini mancava dalla stazione della metropolitana e i 20 minuti in cui era lì erano vuoti.

«C’era un record completo il giorno prima e il giorno dopo. Naturalmente questa potrebbe essere una pura opportunità», ha detto.

L’Italia ha fatto circa 30 tentativi per ottenere gli indirizzi dei sospetti attraverso i canali diplomatici e governativi, e l’allora primo ministro Giuseppe Conte ha detto al presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi che la mancanza di cooperazione nel 2020 sarebbe dannosa per entrambe le parti. Relazioni.

«Non credo che sia possibile per l’uomo fare di più (per trovare le autorità)», ha detto Kolayoko, aggiungendo che il caso era così alto che non potevano immaginare di saperne nulla.

READ  Il CEO di Yoox Net-a-portter apre un centro di distribuzione in Italia-WWD

Regini si è recato al Cairo per studiare i sindacati indipendenti egiziani per la sua tesi di dottorato. Gli alleati affermano che era anche interessato al dominio a lungo termine dello stato e dei militari nell’economia egiziana. Entrambi i temi sono delicati in Egitto.

La polizia egiziana inizialmente ha detto che Regini è morto in un incidente stradale. In seguito hanno detto che è stato ucciso in un rapimento da teppisti, che sono stati successivamente uccisi.

Relazione aggiuntiva di Marco Cardo; Montaggio di William McLean e Alistair Bell

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.