enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Tesla apre uno showroom nello Xinjiang cinese tra le accuse di genocidio degli Stati Uniti

Tesla società

TSLA 13,53%

Un nuovo showroom è stato aperto nello Xinjiang, la remota regione dove le autorità cinesi stanno portando avanti una campagna di assimilazione forzata contro le minoranze religiose che è diventata un pantano di pubbliche relazioni per i marchi occidentali.

Il produttore di auto elettriche con sede ad Austin, in Texas, ha iniziato le operazioni nel suo nuovo showroom a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, ha dichiarato la società in un post venerdì sul suo account ufficiale sulla piattaforma di social media cinese Weibo.

«L’ultimo giorno del 2021, ci incontriamo nello Xinjiang. Nel 2022, lanciamo insieme lo Xinjiang nel suo viaggio elettrico! «Ha scritto Tesla nel post, che è stato accompagnato da foto della cerimonia di apertura che includeva danze e persone tradizionali cinesi del leone. tenendo in mano cartelli con la scritta «Tesla (Cuore dello) Xinjiang».

Non è stato possibile contattare un portavoce di Tesla con sede in Cina per un commento su un giorno festivo.

Tesla è ampiamente ammirata in Cina e si è rapidamente espansa nel paese più popoloso del mondo. Tuttavia, con la sua recente espansione, la casa automobilistica rischia di guadare una foresta di reputazione che sono stati recentemente intrappolati da altre grandi società americane Piace

Walmart società

e

Intel Corporation corp.

I ricercatori affermano che le autorità dello Xinjiang hanno detenuto fino a un milione di uiguri e membri di altre minoranze musulmane turche in una rete di campi di internamento come parte del Campagna di assimilazione governativa, che secondo loro include anche sorveglianza di massa, lavoro forzato e rigoroso controllo delle nascite. Il governo degli Stati Uniti, insieme ad alcuni legislatori di altri paesi occidentali, ha affermato che queste politiche equivalgono a una forma di genocidio.

Pechino sta contrastando le critiche internazionali sul trattamento degli uiguri nello Xinjiang con la propaganda su Facebook, Twitter e sul grande schermo. Ecco come la repressione cinese sui marchi occidentali sta prendendo di mira il pubblico in patria e all’estero. Foto: Thomas Peter/Reuters

Pechino ha respinto l’accusa di genocidio come fabbricata e la sua campagna nello Xinjiang come uno sforzo innovativo per contrastare l’estremismo religioso e il terrorismo.

A dicembre, il presidente Biden ha firmato la nuova legge sulle regole Bandire la maggior parte delle importazioni dallo Xinjiang Sulle preoccupazioni sull’uso del lavoro forzato. La Casa Bianca ha anche imposto sanzioni a diverse società e individui che accusa di aver partecipato alla campagna di assorbimento.

In risposta a una domanda sul nuovo showroom di Tesla, una portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha dichiarato in una dichiarazione che non avrebbe commentato la situazione che circonda una delle società, ma in generale ha affermato di ritenere che il settore privato dovrebbe opporsi al governo cinese . Violazioni dei diritti umani e genocidio nello Xinjiang.

Il Council on American-Islamic Relations, che ha criticato le aziende occidentali che operano nello Xinjiang, ha esortato Tesla a chiudere il suo showroom a Urumqi. «Nessuna azienda americana dovrebbe fare affari in un’area che è il punto focale di una campagna di genocidio contro una minoranza religiosa ed etnica», ha detto lunedì Abraham Hooper, direttore delle comunicazioni nazionali per il gruppo di difesa con sede a Washington.

Lo Xinjiang sta rapidamente diventando un banco di prova critico per le aziende straniere che operano in Cina. Coloro che abbracciano la regione rischiano problemi normativi e una battuta d’arresto reputazionale nei loro mercati interni, mentre coloro che la evitano affrontano l’ira del governo cinese e dei consumatori sempre più nazionalisti.

Walmart è diventata l’ultima azienda statunitense ad essere coinvolta in ricadute politiche mentre l’anno volge al termine, dopo che i post dei consumatori cinesi sui social media affermavano che il rivenditore aveva rimosso i prodotti dello Xinjiang dai suoi scaffali e da quelli nei suoi negozi. Sam’s Club catena all’ingrosso.

Il cane da guardia della disciplina cinese ha rimproverato l’azienda per «stupidità e miopia» e Walmart ha dovuto affrontare richieste di boicottaggio dei consumatori online. La società ha rifiutato di commentare.

Azienda americana di semiconduttori Intel Chiedi scusa ai consumatori cinesi Il 23 dicembre, dopo che le critiche sono esplose online su una lettera che l’azienda ha inviato ai fornitori chiedendo loro di evitare di acquistare prodotti dallo Xinjiang.

I ricercatori affermano che fino a un milione di uiguri e membri di altre minoranze sono stati internati nei campi dello Xinjiang come quelli della contea di Yarkent.


Foto:

Di Han Guan/The Associated Press

Simile a Tesla, la casa automobilistica tedesca Volkswagen ha affrontato critiche da parte di legislatori e attivisti per i diritti umani al di fuori della Cina per la sua decisione di mantenere uno stabilimento a Urumqi. L’azienda ha difeso la sua presenza nella regione, affermando che la sua catena di approvvigionamento è libera dal lavoro forzato.

Tesla, che vende auto elettriche Model S e Model 3 in Cina, ha avuto una serie di successi nel paese anche se altre aziende occidentali devono affrontare le sfide della dura concorrenza interna. È diventata la prima casa automobilistica straniera a costruire un impianto di produzione interamente di proprietà in Cina dopo aver firmato un accordo per l’apertura di uno stabilimento a Shanghai nel 2018. Le vendite dell’azienda in Cina hanno continuato a essere resilienti di fronte a normative rigide e pubblicità negativa. Affrontare alcuni problemi di qualità l’anno scorso.

Tesla Più di 930.000 veicoli consegnati in tutto il mondo La casa automobilistica ha dichiarato domenica che è nel 2021, con un aumento dell’87% rispetto all’anno precedente. Secondo le stime dell’azienda, più della metà dei veicoli che produrrà nel 2021 saranno probabilmente realizzati a Shanghai

credito svizzero.

Con l’apertura dello showroom di Urumqi, il sito web di Tesla mostra che ora ha negozi in 30 regioni e province della Cina continentale, Hong Kong e Macao.

Fondatore di Tesla

Elon Musk

È personalmente popolare in Cina per il suo acume imprenditoriale e lo stile eccezionale. Da parte sua, l’imprenditore di origine sudafricana Ha vinto l’elogio del governo cinese Per i suoi sforzi per affrontare le emissioni di carbonio e rilanciare la sua economia, ha previsto che la Cina sarebbe diventata il più grande mercato di Tesla a lungo termine.

Il signor Musk ha avuto qualche problema in Cina. Le autorità cinesi di recente Presentare un reclamo alle Nazioni Unite Dopo aver affermato che i satelliti lanciati da SpaceX, una società fondata anche da Musk, si sono avvicinati alla collisione con una stazione spaziale cinese nel luglio e nell’ottobre 2021.

Il 31 dicembre, il giorno in cui Tesla ha annunciato l’apertura del suo showroom nello Xinjiang, il regolatore del mercato cinese ha affermato che la casa automobilistica avrebbe richiamato circa 200.000 auto vendute in Cina e prodotte tra gennaio 2015 e dicembre 2020. L’amministrazione statale cinese per la regolamentazione del mercato ha dichiarato sul suo sito web Circa tre quarti di questi veicoli sono stati prodotti a livello nazionale, mentre i restanti veicoli Model S e Model 3 sono stati importati e i veicoli sono stati richiamati a causa di serrature del cofano anteriore difettose e problemi con le telecamere di retromarcia che potrebbero causare incidenti.

scrivere a Lisa Lin a [email protected]

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Guardare l'uscita di Jason Keelar inizia con l'accordo industriale Parsis Warner Media