enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

4,5 milioni di lavoratori si sono dimessi dal lavoro

I passeggeri arrivano dai treni della Metro North Railroad alla Grand Central Station di New York.

Timothy A. Clary | AFP | Getty Images

I lavoratori hanno lasciato il lavoro in numero record a novembre, mentre le opportunità di lavoro complessive sono leggermente diminuite Lo ha detto martedì il ministero del Lavoro.

Il cosiddetto livello di cessazione del fumo è salito a 4,53 milioni al mese, secondo l’indagine del ministero sulle offerte di lavoro e sul turnover del lavoro. Ciò ha rappresentato un aumento del 9% da ottobre e ha rotto il massimo di settembre di 4,36 milioni. In percentuale della forza lavoro, il tasso di turnover del 3% ha raggiunto il segno di settembre.

In un fenomeno soprannominato «La grande rassegnazione», i lavoratori hanno lasciato il lavoro in parte in risposta all’aumento della mobilità nel mercato del lavoro, dove le persone in cerca di lavoro sono più numerose di quelle in cerca di lavoro.

Per novembre, il numero totale di posti di lavoro vacanti è stato di 10,56 milioni, in calo rispetto agli 11 milioni stimati da FactSet e dagli 11,09 milioni di ottobre. Tuttavia, il livello era ben al di sopra del totale di 6,88 milioni di disoccupati e in cerca di lavoro a novembre, secondo Il rapporto del governo sui salari non agricoli per quel mese.

Il tasso di posti vacanti è stato del 6,6%, in calo rispetto al 7% circa di ottobre, ma ben superiore al 4,5% rispetto all’anno precedente.

«Le principali dimissioni non mostrano alcun segno di cedimento, poiché le dimissioni hanno stabilito un nuovo record. La domanda è perché e le risposte sono molto diverse», ha affermato Robert Frick, economista della Navy Federal Credit Union. «La fatica e la paura del COVID-19 persistono, ma anche molti americani hanno la fiducia necessaria per smettere di fumare, dato l’alto livello di opportunità di lavoro e gli alti salari».

READ  Tesla lancia un pacchetto di abbonamento completo per la guida autonoma a $ 199 al mese

Un rapporto economico separato martedì ha mostrato che l’attività manifatturiera a dicembre è stata più lenta del previsto.

il Indice di produzione ISM Ha registrato una lettura del 58,7%, al di sotto delle aspettative del 60% e in calo dal 61,1% di novembre.

Le maggiori sottrazioni dall’indice sono arrivate nelle spedizioni dei fornitori, che sono diminuite di 7,3 punti percentuali, e un improvviso calo dei prezzi, che sono scesi di 14,2 punti percentuali in un momento in cui l’inflazione è al suo livello più alto in quasi 40 anni. Le risposte al sondaggio hanno indicato che i prezzi di alcuni acciaio e petrolio erano diminuiti.

Al rialzo, l’indice di occupazione è salito al 54,2%, con un aumento di 0,9 punti percentuali e segno che l’occupazione rimane forte.

Il rapporto JOLTS ha mostrato, tuttavia, che ci sono alcuni spostamenti in atto nel mercato del lavoro.

A livello di settore, il tasso di aperture nel tempo libero e nell’ospitalità è sceso all’8,7% dal 10,1%, a causa di un calo dei servizi di alloggio e ristorazione all’8,9% dal 10,5%. Gli affitti per il tempo libero e l’ospitalità sono saliti all’8,1%, ma il tasso di cessazione del fumo è balzato di un intero punto percentuale al 6,4%.

Anche il settore sanitario e dell’assistenza sociale ha mostrato pressione con i casi di Covid in aumento, con il tasso di cessazione dal fumo in quest’area che ha raggiunto il 3% nel mese, il massimo storico.

Il rapporto arriva tre giorni prima che il Dipartimento del Lavoro rilasci il suo numero di libro paga non agricolo strettamente controllato per dicembre. Gli economisti intervistati dal Dow Jones prevedono una crescita di 422.000 posti di lavoro e un tasso di disoccupazione in calo al 4,1%.

READ  Il piano da 2,1 miliardi di dollari di AirTrain per La Guardia è stato interrotto