septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Saudi Aramco registra un aumento di quasi il 300% nell’utile del secondo trimestre grazie alla ripresa della domanda globale

Un’immagine del logo Saudi Aramco è visibile in un impianto petrolifero ad Abqaiq, in Arabia Saudita, il 12 ottobre 2019.

Maxim Shemetov | Reuters

Il colosso petrolifero Saudi Aramco ha registrato un incredibile aumento del 288% dell’utile netto a $ 25,5 miliardi nel secondo trimestre, pur mantenendo il suo dividendo di $ 18,8 miliardi, poiché le major petrolifere beneficiano di prezzi più elevati e di una ripresa della domanda globale.

L’utile netto di Aramco di $ 25,5 miliardi rispetto al trimestre precedente $ 6,6 miliardi nello stesso trimestre del 2020. Il risultato ha superato le aspettative, con gli analisti che si aspettavano un reddito netto medio di 24,7 miliardi di dollari per il trimestre.

“I nostri risultati per il secondo trimestre riflettono una forte ripresa della domanda globale di energia e ci dirigiamo verso una seconda metà del 2021 più resiliente e resiliente, poiché la ripresa globale acquisisce slancio”, ha affermato il presidente e CEO di Aramco Amin Nasser in una dichiarazione della società pubblicata la domenica. .

Aramco ha dichiarato che l’utile netto per la prima metà dell’anno è stato di 47,2 miliardi di dollari. Rispetto a 23,2 miliardi di dollari nella prima metà del 2020, ovvero un aumento del 103%. La società ha affermato che i risultati sono stati supportati dall’allentamento globale delle restrizioni Covid-19, dalle campagne di vaccinazione, dalle misure di stimolo e dall’accelerazione dell’attività nei mercati chiave.

“Mentre ci sono ancora alcune incertezze sulle sfide poste dalle variabili di Covid-19, abbiamo dimostrato di poterci adattare rapidamente ed efficacemente alle mutevoli condizioni di mercato”, ha affermato Nasser.

piani di distribuzione degli utili

Aramco ha affermato che il flusso di cassa gratuito è stato di $ 22,6 miliardi nel secondo trimestre e di $ 40,9 miliardi nella prima metà del 2021, rispetto a $ 6,1 miliardi e $ 21,1 miliardi, rispettivamente, negli stessi periodi del 2020.

Ciò è significativo, perché per la prima volta dall’inizio della pandemia il flusso di cassa libero è salito al di sopra del dividendo trimestrale di 18,75 miliardi di dollari. Aramco sta già pagando il dividendo più grande del mondo, ma il miglioramento delle aspettative ha spinto alcuni analisti a chiedere pagamenti più elevati.

“Sono necessari aumenti dei dividendi per rimanere competitivi”, hanno affermato gli analisti di Bank of America in una nota di ricerca prima dell’annuncio degli utili. “I prezzi elevati del petrolio e gli aumenti della produzione guidati dall’OPEC + supporteranno un aumento significativo del flusso di cassa libero nei prossimi due anni”, ha aggiunto.

Previsione del prezzo

prezzi del petrolio È balzato di quasi il 40% nel 2021 a circa 70 dollari al barile, guidando i principali concorrenti petroliferi BPe chevron e Royal Dutch Shell Per aumentare i dividendi e lanciare programmi di riacquisto di azioni.

“Ci aspettiamo che la ripresa continui”, ha detto Nasser. “Stiamo assistendo a più aperture di economie e prevediamo che entro la fine dell’anno la domanda sarà di circa 99 milioni di barili… e 100 milioni di barili l’anno prossimo come previsione per la domanda totale”, ha aggiunto.

Amin Nasser, CEO di Saudi Aramco, fa un gesto mentre parla durante la tavola rotonda del terzo giorno del World Economic Forum a Davos, in Svizzera, giovedì 23 gennaio 2020.

Jason Eldin | Bloomberg | Getty Images

Aramco ha anche affermato di aver ridotto il rapporto di indebitamento, essenzialmente il rapporto debito/patrimonio netto della società, al 19,4% il 30 giugno, in calo rispetto al 23% del 31 dicembre 2020. Il calo è dovuto principalmente all’aumento della liquidità e dei mezzi equivalenti e al rafforzamento dell’operatività. flussi di cassa. , nonché i proventi connessi al recente accordo Aramco sugli oleodotti.

“Il nostro importante accordo di pipeline da 12,4 miliardi di dollari è stato un supporto per la nostra strategia aziendale a lungo termine da parte di investitori internazionali, segnando un significativo progresso nel nostro programma di miglioramento del portafoglio”, ha affermato Nasser.

La spesa in conto capitale è stata di 7,5 miliardi di dollari nel secondo trimestre e di 15,7 miliardi di dollari nella prima metà del 2021, con aumenti rispettivamente del 20% e del 15%. Aramco ha affermato che la spesa in conto capitale per il 2021 dovrebbe essere di circa 35 miliardi di dollari.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha detto che il regno lo farà Vendi più azioni Aramco All’inizio di quest’anno, la società non ha commentato i piani. Aramco ha anche rifiutato di commentare l’accordo oil-to-chemicals precedentemente riportato con la Reliance Industries indiana, che dovrebbe essere formalizzato entro l’anno.

“Continuiamo ad andare avanti con una serie di programmi strategici, che si concentrano sulla sostenibilità e sui combustibili a basse emissioni di carbonio, massimizzando il valore delle nostre risorse e migliorando il nostro percorso di integrazione ed espansione”, ha aggiunto Nasser.

“Per tutte queste ragioni e altre ancora, rimango molto positivo sulla seconda metà del 2021 e oltre”.

READ  TSMC e Foxconn affermano di essere in procinto di firmare un accordo sul vaccino BioNTech COVID-19