septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Secondo quanto riferito, Tesla ha pagato 1 milione di dollari all’ex dipendente per insulti

Immagine dell'articolo intitolato Tesla ha pagato $ 1 milione a un ex dipendente per insulti razziali

Foto: NICOLAS ASFOURI/AFP (Getty Images)

Un ex dipendente di Tesla ha preso $ 1 milione dalla società dopo che è stato rivelato che Tesla non aveva agito quando un supervisore ha riferito a quel dipendente, Melvin Berry, con un insulto razzista, Legge Bloomberg Rapporti.

Berry, un nero, è stato assunto nello stabilimento di Tesla ad Alameda, in California, nel 2015. Di recente ha intentato una causa contro la società secondo cui un supervisore lo ha chiamato una parolaccia, poi dopo che Berry lo ha affrontato, Chiede a Berry di lavorare più a lungo e di svolgere compiti più impegnativi dal punto di vista fisico dai suoi colleghi.

Tesla ha negato le accuse, ma l’arbitro Elaine Rushing ha dato credito alle accuse, affermando in un’udienza inedita del 12 maggio “La giurisprudenza chiarisce che una singola istanza di un supervisore che indirizza una parola N a un subordinato è sufficiente per costituire una grave molestia”.

Legge Bloomberg Nota che i casi che coinvolgono presunte discriminazioni razziali possono creare difficoltà quando si tratta di vincere un accordo, come spesso accade È difficile dimostrare che le molestie si siano effettivamente verificate. Nel caso di Perry, ad esempio, può essere difficile verificare che il suo supervisore gli abbia effettivamente chiesto di svolgere un lavoro fisicamente più impegnativo a causa del colore della sua pelle. è grande L’accordo indica che ci sono prove sufficienti per sostenere l’affermazione di Perry.

Ecco più della storia su come si è rivelato il risultato della valutazione, che di solito è tenuto riservato:

Sebbene l’arbitrato di Berry fosse confidenziale, io…In genere, la sua vittoria è apparsa in una petizione standard che il suo avvocato ha presentato in tribunale per far rispettare l’ordine di un arbitro. Il suo avvocato, Lawrence Organ, ha dichiarato in un’intervista telefonica che il suo cliente non intraprenderà ulteriori azioni legali perché Tesla da allora ha pagato il premio.

Tre quarti del premio di $ 1,02 milioni sono per le spese legali e le spese legali di Berry. Si è anche affrettato a ordinare a Tesla di pagare ex soldidipendente $ 266.278,50 di risarcimento, inclusi $ 100.000 di risarcimento per disagio emotivo.

Tesla, da parte sua, sosteneva che Perry se ne fosse andato volontariamente, Non ha lasciato alcuna traccia scritta del supervisore riferendosi a lui freddamente, Aveva diritto solo a $ 148 in perdite economiche.

Questo accordo segue altre accuse di discriminazione razziale nelle fabbriche di Tesla. Marcus Vaughn, anche lui un operaio di Fremont, ha citato in giudizio la società nel 2017 perché sosteneva che la società non avesse indagato sulla sua relazione scritta secondo cui Anche i colleghi e i supervisori la chiamavano la parola n. un Diverso Una causa sostiene che Tesla non è riuscita a ripulire rapidamente i graffiti odiosi nelle aree pubbliche.

READ  Le Hawaii riportano altri 3 decessi correlati al COVID oltre a 622 nuove infezioni