septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Un calo del petrolio dopo i profondi tagli dei prezzi in Arabia Saudita ha sollevato preoccupazioni sulla domanda

Una vista generale dei serbatoi e degli oleodotti Aramco presso la raffineria di petrolio Ras Tanura e il terminal petrolifero Saudi Aramco il 21 maggio 2018. REUTERS/Ahmed Jadallah/File Photo

  • L’Arabia Saudita taglia i prezzi di ottobre per l’Asia di almeno un dollaro al barile
  • L’industria petrolifera della costa del Golfo degli Stati Uniti lotta con la ripresa dell’Eda
  • Baker Hughes: il numero di piattaforme petrolifere statunitensi è diminuito da giugno 2020

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi lunedì per estendere le perdite dopo che l’Arabia Saudita, il più grande esportatore mondiale, ha tagliato i prezzi del greggio per l’Asia nel fine settimana, riflettendo le buone forniture nei mercati globali e le preoccupazioni per le prospettive della domanda.

I futures del greggio Brent per novembre sono scesi di 49 centesimi, o dello 0,67%, a 72,12 dollari al barile entro le 1042 GMT.

Il greggio US West Texas Intermediate di ottobre è stato di 68,82 dollari al barile, in calo di 47 centesimi, o dello 0,68%. Entrambi i contratti sono scesi di oltre $ 1 nelle negoziazioni precedenti.

Il gigante petrolifero Saudi Aramco ha comunicato domenica ai clienti in una dichiarazione che avrebbe abbassato i prezzi di vendita ufficiali (OSP) di ottobre per tutti i tipi di greggio venduti in Asia, la sua più grande regione di acquisto, di almeno $ 1 al barile.

I tagli dei prezzi sono stati maggiori del previsto, secondo un sondaggio Reuters delle raffinerie asiatiche. Per saperne di più

“Il taglio dei prezzi ufficiali del petrolio sauditi in Asia ha fornito una breve pressione al ribasso questa mattina da cui il mercato si sta riprendendo”, ha affermato Tamas Varga di BVM Oil Associates.

READ  Sanofi acquista Translate Bio per 3,2 miliardi di dollari in mRNA Push

“Il rapporto mensile EIA (dati del governo degli Stati Uniti) previsto per mercoledì sarà osservato con attenzione e se le stime della domanda per quest’anno e il saldo del 2022 rimarranno forti, il mercato potrebbe facilmente dirigersi verso il massimo di luglio”.

Le forniture globali di petrolio stanno aumentando poiché l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati, un gruppo noto come OPEC+, aumentano la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese tra agosto e dicembre. Per saperne di più

“Dato che l’OPEC+ continua con il suo piano di aumentare la produzione mensile, nonostante i dati deboli provenienti da Cina e Stati Uniti aumentino i timori di rallentamento e l’Arabia Saudita cerchi quote di mercato nella regione, è probabile che il petrolio rimanga sotto pressione”, ha affermato Jeffrey Haley. . Analista di mercato senior per la regione Asia Pacifico presso OANDA Brokerage.

Il calo dei future sul greggio si è aggiunto al calo di venerdì dopo che un rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti più debole del previsto ha indicato una ripresa economica irregolare che potrebbe significare un rallentamento della domanda di carburante durante la pandemia. Per saperne di più

Le perdite sono state limitate dalle preoccupazioni che le forniture statunitensi sarebbero rimaste limitate a seguito dell’uragano Ida.

Il governo degli Stati Uniti rilascia petrolio greggio dalle riserve strategiche di petrolio mentre la produzione nella costa del Golfo degli Stati Uniti fatica a riprendersi.

I dati del governo rilasciati venerdì hanno mostrato che la produzione di circa 1,7 milioni di barili di petrolio e 1,99 miliardi di piedi cubi di gas naturale è rimasta ininterrotta, mentre una carenza di energia ha impedito ad alcune raffinerie di riprendere le operazioni. Per saperne di più

READ  La cinese Didi raccoglie 4,4 miliardi di dollari da fonti IPO statunitensi

I dati di Baker Hughes di venerdì hanno mostrato che l’uragano ha spinto le compagnie energetiche statunitensi la scorsa settimana a ridurre il numero di impianti petroliferi e di gas naturale operativi per la prima volta in cinque settimane. Il numero di piattaforme petrolifere è diminuito di più da giugno 2020.

(Segnalazione di Florence Tan e Julia Payne); Montaggio di Simon Cameron Moore, Jason Neely e Louise Heavens

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.