octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché i monitor della qualità dell’aria sono un nuovo accessorio alla moda per il ritorno a scuola?

Quando Lizzie Rothwell, un architetto di Filadelfia, ha mandato suo figlio in terza elementare questo autunno, ha rifornito il suo zaino blu LL Bean di matite, carta di grande formato e un monitor portatile di CO2.

Il dispositivo le ha fornito un modo rapido per valutare la quantità di aria fresca che scorre attraverso la scuola. Bassi livelli di anidride carbonica indicano che è ben ventilato, il che riduce le possibilità di suo figlio di contrarre il coronavirus.

Ma presto ha scoperto che durante il pranzo, i livelli di anidride carbonica nella mensa sono saliti al doppio dei livelli raccomandati dai Centers for Disease Control and Prevention. Ho condiviso quello che ho imparato con il preside e ho chiesto se gli studenti potevano mangiare fuori invece.

“Era sorpreso che non avessi alcun dato”, ha detto.

La signora Rothwell fa parte di un numero crescente di genitori che stanno introducendo di nascosto monitor di anidride carbonica nelle scuole nel tentativo clandestino di assicurarsi che le aule dei loro figli siano sicure. Aranet, che rende lo schermo popolare tra i genitori, afferma che le richieste sono raddoppiate dall’inizio del nuovo anno scolastico.

Alcuni sistemi scolastici hanno reso gli schermi parte delle loro precauzioni ufficiali contro la pandemia. New York City ha distribuito i dispositivi a tutte le scuole pubbliche e al governo britannico lei ha Annunciare piani fare lo stesso.

Ma in altri luoghi, i genitori prendono in mano la situazione, infilando schermi – che possono costare un centinaio di dollari o più – negli zaini dei loro figli o nelle tasche dei pantaloni.

Sebbene i dispositivi, che possono essere impostati per eseguire letture ogni pochi minuti, funzionino al meglio se esposti all’aria fresca, possono generare dati informativi finché non sono completamente chiusi, ha affermato il dott. Alex Hoffman, scienziato dell’aerosol presso l’Università di Denver che ha mandato Monitors a scuola con i suoi figli. (Consigliava di lasciare aperti gli zaini o le tasche dei pantaloni, o di mettere il monitor nella borsa della bottiglia d’acqua in rete ora standard su molti zaini.)

Molti di questi genitori hanno formato una community su Twitter, dove usano l’hashtag #CovidCO2 per condividere suggerimenti su come introdurre di nascosto gli schermi in classe, come interpretare i dati che raccolgono e come la scuola sta interagendo con le loro scoperte.

Alcuni funzionari scolastici hanno espresso insoddisfazione per questo sforzo di sorveglianza aerea della guerriglia, ma i genitori affermano che i dispositivi hanno fornito loro dati per difendere i loro figli.

READ  Aumentano i ricoveri tra i vaccinatori

“Il distretto scolastico probabilmente non sarà contento di questo perché penso che ci dia una finestra sul fatto che potrebbero non prendere la ventilazione sul serio come dovrebbero”, ha detto il dott. Hoffman.

Il coronavirus si diffonde attraverso minuscole goccioline trasportate dall’aria note come aerosol. Migliorare la ventilazione interna riduce la concentrazione di questi aerosol e il rischio di infezione all’interno, ma non esiste un modo semplice per i membri del pubblico di misurare il tasso di ventilazione, per non parlare dell’accumulo di aerosol virali, negli spazi comuni.

ha detto Jose Luis Jimenez, uno scienziato dell’aerosol presso l’Università del Colorado Boulder, che invia a scuola un monitor di anidride carbonica con suo figlio. Ma in assenza di un tale dispositivo, ha affermato, “La CO2 è qualcosa che fornisce una scorciatoia conveniente e molto significativa”.

Ogni volta che espiriamo, espelliamo non solo l’aerosol, ma anche l’anidride carbonica; Peggiore è la ventilazione, più anidride carbonica si accumula in una stanza occupata.

“Se vediamo la CO2 in aumento, significa anche che la concentrazione di aerosol sta aumentando”, ha detto il dott. Hoffman. “Anche solo portare il sensore per un giorno o due può darti una finestra davvero divertente e utile nel mondo della ventilazione di quello spazio.”

Jane Norris, che vive nella zona di St. Louis, ha detto di aver acquistato il suo monitor dopo aver perso fiducia nei funzionari del distretto scolastico di suo figlio.

“Non erano molto trasparenti riguardo alla ventilazione”, ha detto. “Dicono che va bene e hanno eseguito i propri test, ma poi non avrebbero condiviso quei dati con me”.

La signora Norris e suo marito sono entrambi insegnanti di scienze e finora i loro dati indicano che la ventilazione è eccellente in entrambe le classi. Ma i livelli di anidride carbonica nella classe di suo figlio a volte superano le 1.300 parti per milione. Il CDC lo consiglia livelli di anidride carbonica indoor rimanere inferiore a 800 ppm

Dopo aver raccolto più dati, ha intenzione di trasmettere le sue scoperte ai funzionari della scuola e chiedere loro di migliorare la ventilazione. “Sono disposta a essere creativa e pensare con loro”, ha detto.

Alcuni genitori hanno ottenuto risultati. Quando Jeremy Chrysler, di Conway, Ark, ha inviato un monitor con sua figlia di 13 anni questo autunno, le letture di anidride carbonica erano alte fino a 4.000 parti per milione.

READ  Le prime immagini della sonda cinese su Marte potrebbero richiedere del tempo per raggiungere la Terra

Ha portato le sue scoperte ai funzionari distrettuali, che hanno scoperto che due componenti del sistema HVAC della scuola non funzionavano correttamente. Dopo che le unità sono state riparate, i livelli di anidride carbonica sono diminuiti.

“Ciò che le mie misurazioni hanno dimostrato è che la misurazione della CO2 può identificare i problemi e talvolta questi problemi sono facili da risolvere”, ha affermato.

Sebbene la signora Rothwell non abbia convinto la scuola di suo figlio a spostare il pranzo all’aperto, il preside ha affermato di essere impegnato a migliorare la ventilazione nella caffetteria, ha detto.

“Ci sono alcune storie di successo”, ha detto Kimberly Prather, un chimico atmosferico presso l’Università della California, a San Diego. “Purtroppo ho sentito dire che più genitori si sono rifiutati”.

Dopo che Shannon Kerr, di Waterloo, in Canada, ha trovato alti livelli di anidride carbonica in alcuni degli spazi scolastici di sua figlia, ha chiesto ai funzionari distrettuali di monitorare la qualità dell’aria interna in tutto l’edificio e ha persino fornito il proprio monitor di anidride carbonica. “Erano molto sprezzanti”, ha detto.

In una e-mail al Times, Loretta Nuten, direttrice dell’istruzione per il Waterloo Catholic District School Board, ha affermato che i test di follow-up nelle aule stabiliti dalla signora Kerr hanno rivelato che i livelli di anidride carbonica erano “entro standard accettabili”.

I test sulla qualità dell’aria vengono eseguiti in base alle necessità, ha affermato: “Il consiglio non intende condurre un monitoraggio continuo della CO2”.

(La signora Kerr ha anche incontrato resistenza vicino alla casa. Sua figlia non voleva più portare lo schermo a scuola. Ha detto: “L’ho corrotta con le barre Kit Kat ma non funzionano più.”)

Graham Freeman, padre di due figli a Santa Cruz, in California, ha affermato che la sua richiesta di inviare monitor di anidride carbonica a scuola con i suoi figli è stata negata.

Chris Munro, preside delle scuole della città di Santa Cruz, ha affermato di essere fiduciosa degli aggiornamenti di ventilazione del distretto lo scorso inverno e che non sarebbe appropriato collocare singoli studenti nel sito di monitoraggio della qualità dell’aria della scuola.

“È nostra responsabilità garantire che ogni luogo sia sicuro”, ha affermato. “Non è solo che le persone vengono al campus per scoprire: uno spazio particolare è sicuro?”

READ  La NASA torna su Venere per scoprire come si è trasformata in una landa desolata tossica e se un tempo il pianeta fosse abitabile.

Il signor Freeman stava comunque mandando i monitor a scuola, infilati nelle tasche dei pantaloni cargo dei suoi figli. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalle letture, Questo è rimasto al di sotto dei 700 ppm finché le porte e le finestre dell’aula erano aperte.

Ma gli schermi hanno registrato un leggero picco, quando l’anidride carbonica è salita oltre 900 parti per milione, durante le prove di chiusura alla scuola media di suo figlio, quando l’insegnante ha chiuso la porta dell’aula.

Quindi i suoi figli continueranno a portare i dispositivi a scuola per un futuro incerto. “Indosseremo un sacco di pantaloni cargo REI e schermi di CO2 nelle tasche”, ha detto.

Ci sono limiti al monitoraggio. Alcuni dispositivi sono più affidabili di altri e le letture possono essere influenzate da una varietà di fattori, inclusa la posizione dello schermo.

I bambini possono ancora contrarre il virus in luoghi con bassi livelli di anidride carbonica e una buona ventilazione. I filtri dell’aria di alta qualità possono intrappolare gli aerosol virali, ma non hanno alcun effetto sui livelli di anidride carbonica. Quindi, nelle scuole che hanno installato questi filtri, le sole letture di anidride carbonica possono sovrastimare i rischi di trasmissione del virus.

Ma anche in assenza del virus, la riduzione dei livelli di anidride carbonica negli ambienti chiusi può avere benefici. Gli studi dimostrano che anche livelli moderatamente elevati di gas Può confondere il pensiero Per migliorare la ventilazione Può migliorare le prestazioni nei compiti cognitivi.

Genitori e scienziati hanno affermato che molte famiglie, ovviamente, non possono permettersi un monitor della qualità dell’aria da $ 100 – e non dovrebbero doverlo fare.

Chrysler, le cui letture di CO2 nella contea di Arkansas hanno richiesto riparazioni HVAC, sta ora facendo pressioni sui funzionari per l’acquisto di monitor della qualità dell’aria per ogni aula della zona.

Riferendosi al Belgio, che ha imposto dispositivi di monitoraggio della CO2 in ristoranti, palestre e altri edifici, il dott. Jimenez ha affermato che vorrebbe che tutti gli spazi pubblici interni fornissero visualizzazioni permanenti e in tempo reale dei livelli di CO2: “Questo è qualcosa che dobbiamo fare in modo permanente in scuole ma anche tutti i luoghi dove condividiamo l’aria”.