diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nuovi documenti descrivono in dettaglio i conflitti di interesse che DeJoy ha dovuto affrontare come capo dell’ufficio postale

I nuovi documenti mostrano più di una dozzina di conflitti di interesse Direttore generale delle poste, Louis Dejoy L’ho affrontato a causa degli investimenti suoi e della sua famiglia in una serie di società strettamente legate al servizio postale degli Stati Uniti.

DeJoy, che è stato nominato alla guida del servizio postale nel maggio 2020 e ha dovuto affrontare preoccupazioni e critiche etiche lo scorso anno, inizialmente si è dimesso dal prendere decisioni su quelle società a luglio e all’inizio di agosto 2020. Le ha abbandonate del tutto più tardi ad agosto – Mesi dopo aver assunto la prima posizione.

Il servizio postale degli Stati Uniti ha affermato che DeJoy ha agito in conformità con le normative etiche e ha seguito una revisione di 60 giorni da parte dell’Ufficio per l’etica, conclusasi il 14 agosto 2020. Insiste sul fatto che non si è dimesso o dismesso a causa di pressioni esterne e ha aggiunto che DeJoy ha presentato un resoconto finanziario pubblico il suo primo giorno.Al lavoro come direttore generale del post, che È iniziata la revisione etica.

I documenti, che descrivono in dettaglio gli investimenti iniziali e gli sforzi di DeJoy in merito a potenziali conflitti di interesse, sono stati ottenuti dal gruppo di controllo governativo Citizens for Responsibility and Ethics a Washington, o CREW, attraverso una richiesta del Freedom of Information Act che alla fine è stata soddisfatta per ordine del tribunale. Hanno dimostrato che DeJoy aveva un conflitto di interessi per quanto riguarda l’azienda mentre ricopriva il ruolo di CEO di XPO Logistics, nonché di altre 13 grandi aziende con legami con il servizio postale.

Il direttore generale dell’ufficio postale degli Stati Uniti, Louis Dejoy, testimonia davanti all’audizione del Comitato di sorveglianza e riforma della Camera sul rallentamento del servizio postale in vista delle elezioni di novembre a Capitol Hill il 24 agosto 2020.Tom Williams/Paul tramite file Reuters

DeJoy e due dei trust che gestisce possiedono importanti investimenti in società tra cui AT&T, CVS, Verizon, UnitedHealth, Lockheed Martin, Capital One, Discover Financial Services, Dominion Energy, Honeywell International, IBM, Regional Bank, Travellers Insurance e JPMorgan Chase, secondo alla divulgazione delle partecipazioni di agosto 2020, i documenti contengono due lettere che sembrano dimostrare che DeJoy ha iniziato il processo formale di squalifica per le prime dieci società, XPO Logistics a luglio e JPMorgan Chase ad agosto. Non è chiaro se fosse coinvolto nelle decisioni del servizio postale riguardo a queste società prima di iniziare questo processo.

READ  Futures Dow: il rally del mercato azionario prende slancio nell'accordo sulle infrastrutture di Biden; Nike stock racing a un nuovo livello

Un dipendente federale non può detenere azioni con un valore di mercato totale superiore a $ 15.000 in nessuna società senza rinunciare o ritirare il proprio investimento, secondo la legge federale. I documenti indicano che gli investimenti di DeJoy e della sua famiglia in quelle 13 società hanno tutti superato tale importo, ma non forniscono un valore definitivo.

Noah Bookbinder, presidente di CREW, ha affermato che i documenti sollevano preoccupazioni sul fatto che DeJoy, un benefattore di Trump che ha rilevato il servizio postale nel giugno 2020, possa aver abusato della sua posizione nei mesi prima delle sue dimissioni.

Bookbinder ha affermato che i documenti mostrano che DeJoy e il servizio postale ritengono che sarebbe sufficiente negargli una decisione in merito al rapporto dell’agenzia con queste società, ma Bookbinder ha definito tale conclusione «completamente inappropriata».

«Tutti sanno che ha questi interessi», ha detto. «E anche allora, ci sarebbero potenziali incentivi, anche se non fosse nella stanza, affinché gli altri prendano decisioni che potrebbero avvantaggiarlo».

Di fronte alle pressioni del Congresso e dei gruppi etici, DeJoy alla fine ha preso provvedimenti per disinvestire due mesi dopo la sua nomina. Indipendentemente dal fatto che DeJoy fosse coinvolto in decisioni sulle società in cui aveva un interesse, Bookbinder ha affermato che qualsiasi ritardo nella squalifica formale e successivamente nel ritiro del suo investimento ha dato l’impressione di un conflitto.

«C’è stato un periodo di tempo in cui il capo del servizio postale prendeva decisioni in cui avrebbe potuto esserci un conflitto e avrebbe pensato al proprio interesse finanziario, piuttosto che all’interesse del servizio postale e del paese», Bookbinder ha detto, riferendosi ai mesi che seguirono, DeJoy divenne Direttore Generale delle Poste e prima di dimettersi. «questo è importante.»

Dimettersi e spogliarsi è comune per i dipendenti federali per risolvere un potenziale conflitto di interessi. Le dimissioni vietano, in conformità alla legge federale, coloro che sono responsabili di agire in conformità con contratti, rivendicazioni, redigere regolamenti o prendere decisioni che possono influenzare i loro interessi finanziari, nonché la «sorveglianza diretta ed effettiva» di un subordinato in questioni relative alle loro partecipazioni .

Se questo è troppo oneroso, l’ufficio etico dell’agenzia può richiedere a un dipendente di disinvestire dall’investimento se detenere un interesse finanziario «indurrebbe una persona ragionevole a mettere in dubbio l’imparzialità e l’obiettività con cui vengono amministrati i programmi dell’agenzia», ​​come affermato nella legge federale.

READ  Assistente di volo Southwest ricoverata in ospedale dopo presunta aggressione da parte di un passeggero

Il servizio postale ha affermato che l’ufficio dell’ispettore generale aveva già confermato in una testimonianza al Congresso a febbraio che DeJoy ha seguito le linee guida etiche del personale dell’agenzia e ha preso accordi per consentire alle persone di esaminare il suo lavoro per potenziali conflitti e che si è assicurato di essere spogliato del lavoro . Appropriatamente.

Bartenheimer ha notato che DeJoy ha scelto di disinvestire da XPO Logistics alla conclusione di una revisione etica di 60 giorni, nonostante un accordo di controllo e squalifica.

«Quando e come spogliato riflette il processo che è stato ordinato di seguire dall’Ufficio per l’etica del servizio postale in conformità con le norme etiche federali», ha dichiarato il portavoce del servizio postale David Bartenheimer in una nota. «Inoltre, la cessione del direttore delle poste è stata pienamente approvata dall’Ufficio per l’etica del governo».

L’Ufficio per l’etica del governo approva tutti i certificati di rimozione e Bartenheimer ha affermato che l’ufficio ha richiesto ulteriori informazioni e ha impiegato diverse settimane prima di approvare la richiesta il 9 ottobre 2020.

Bookbinder ha riconosciuto il ritiro della proprietà, ma ha affermato che i documenti sollevano ancora tre preoccupazioni principali: il tempo necessario per affrontare i conflitti di interesse, il processo di agenzia che inizialmente ha consentito a DeJoy di squalificarsi solo e il rifiuto del servizio postale di presentare documenti di divulgazione finanziaria fino a una decisione federale. Lo ha ordinato il giudice.

«Penso che sollevi davvero dubbi sul fatto che possiamo fidarci di DeJoy e fidarci del servizio postale per effettuare la chiamata giusta man mano che sorgeranno problemi in futuro», ha affermato Bookbinder.

Non è chiaro se DeJoy abbia partecipato alle discussioni, ma JPMorgan Chase, ad esempio, ha dichiarato nell’agosto 2020 di aver partecipato alle discussioni. Ho avuto conversazioni con il servizio postale diversi mesi fa Circa l’installazione di sportelli bancomat negli uffici postali, una delle idee che l’agenzia ha preso in considerazione Esperimenti con nuovi servizi finanziari.

Il 3 agosto 2020, DeJoy ha inviato una lettera, inclusa nei documenti, al Consiglio dei governatori del servizio postale affermando di avere un «interesse finanziario in JP Morgan Chase del valore di oltre $ 15.000». Tuttavia, ha scritto nella lettera che si astiene dal «partecipare personalmente e sostanzialmente a qualsiasi questione particolare che avrebbe un effetto diretto e prevedibile sugli interessi finanziari di questa società».

READ  Il CEO di Wyndham afferma che gli affari sono "fuori scala" con il ritorno dei viaggi di piacere e del lavoro nelle principali città

DeJoy ha scritto che avrebbe chiesto al suo capo dello staff e a un consulente senior speciale di «esaminare tutte le questioni che mi sono state affidate per assicurarmi di non essere direttamente o indirettamente coinvolto in questioni relative a JP Morgan Chase». Tutto il lavoro relativo alla banca doveva essere inviato a David Williams, direttore delle operazioni del servizio postale e vicepresidente esecutivo.

Per quanto riguarda la sua società precedente, XPO Logistics, una diapositiva PowerPoint non datata intitolata «Conflitti di interesse finanziari» cita quattro contratti XPO Logistics e afferma: «Un altro responsabile postale senior dovrebbe essere nominato per esaminare e gestire tutta la logistica XPO». Il servizio postale ha dichiarato in un deposito separato che il documento era pronto a fornire «guida» in merito agli «obblighi di squalifica» di DeJoy.

Il servizio postale XPO Logistics ha ricevuto un contratto da 120 milioni di dollari in cinque anni ad aprile, secondo Il rapporto del Washington Post. La società gestirà due importanti strutture di smistamento e distribuzione ad Atlanta e Washington, DC

Un critico schietto del periodo di DeJoy nel servizio postale, Porter McConnell, co-fondatore di Salva la coalizione degli uffici postalinL’esperienza di DeJoy nel settore privato, ha affermato, rende i conflitti di interesse una caratteristica della sua leadership.

«Non c’erano amministratori postali con così poca esperienza postale come Louis Dejoy e tanta esperienza nel vicino settore privato come lui», ha detto McConnell. In un certo senso, questo non è solo un conflitto morale: è inevitabile. Quando porti la volpe a fare la guardia al pollaio, sarebbe strano se non ci fosse conflitto di interessi”.

DeJoy alla fine ha iniziato il processo di disinvestimento il 14 agosto 2020, secondo i documenti depositati presso l’Office of Government Ethics, ma ciò è avvenuto dopo essere stato chiamato a testimoniare davanti al Congresso.

È degno di nota, ha detto Bookbinder, che DeJoy si sia ritirato solo di fronte a una massiccia pressione da parte del Congresso, dei sostenitori e dei gruppi etici.

«Solo quando c’è stato un forte grido si è almeno in parte indietreggiato», ha detto Bookbinder. «Questa sembra essere la persona che, su questioni di moralità e conflitto, ha il suo comando principale di premere la circostanza per fare ciò che vuole fare e si tira indietro solo quando c’è un grido».

revisione (21 ottobre 2021, 12:13 ET): una versione precedente di questo articolo era errata quando Louis Desjoy divenne Postmaster General. È entrato in carica nel giugno 2020, non nel maggio 2020 (quando è stato nominato).